Nella Trinità

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:  «Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso.  Quando verrà lui, lo Spirito della verità, vi guiderà a tutta la verità, perché non parlerà da se stesso, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annuncerà le cose future.  Egli mi glorificherà, perché prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà. Tutto quello che il Padre possiede è mio; per questo ho detto che prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà».

 

 

 

Gesù,  mi sento solo,  abbandonato.  Mi sento inutile,  estraneo,  anche a me stesso.  Mi sento abbandonato,  anche da me stesso.

La gente mi parla, ma non mi vede.  Più cerco una relazione vera e più, non mi vede.  Gira la faccia,  se ne va.  E rimango solo.

Rimango senza sguardo,  senza parola,  senza amore,  per me.

In te Signore, nella Santissima Trinità, io non sono più solo,  non sono più abbandonato.  Nella tua Trinità c’è l’essenza della relazione,  la sorgente della relazione,  la relazione tra il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo,  nell’unica sostanza, nell’unico Dio.  Lo Spirito Santo che mi hai mandato, mi  rivela  e mi  porta quella relazione.

E sarò guardato  e sarò pensato  da Dio Padre, che mi vuole,  che mi cerca e mi dà la vita,  ogni volta, sempre.

Sarò nella  Parola di Dio,  in Gesù, nel Figlio,  mandato dal Padre,  che mi salva   e mi riporta al Padre.

Sarò  nell’ Amore, nell’essenza dell’amore, nell’ amore fatto Persona.  Nello Spirito Santo, nello Spirito di Verità,  che mi  parla del Padre e mi  dona  il Figlio  e mi rigenera.

Sarò nell’amore di  Dio.  Infinito,  assoluto,  totale,  eterno,  per me e per gli altri.

Quell’amore  mi mette in relazione con me,  e con gli altri. Quell’amore mi fa amare me,  e gli altri. Quell’amore  passa a me,  e agli altri.

Quell’amore riempie me,  e gli altri.

 

 

 

 

Pentecoste

 

 

 

 

 

In questo giorno Signore,  non ci sono parole.  C’è solo da lasciarsi immergere nel tuo Spirito.

C’è solo da ascoltare le lingue di fuoco che parlano di Dio.

C’è solo da lasciare che il cuore arda,  del  fuoco di Dio.

C’è  da lasciarsi portare dal vento di Dio.  C’è solo da andare dove spira,  soffia  il vento di Dio ,  per fare la volontà del Padre.  Per realizzare il progetto del Padre.

C’è solo da lasciare venir fuori,  lasciare uscire lo Spirito di Dio,  e lasciarlo parlare agli altri,  di Dio.

Lasciare che passi agli altri  e  li  riempia,  di Dio.

 

 

 

Mio Signore e mio Dio!

 

«Pace a voi!». Poi disse a Tommaso: «Metti qui il tuo dito e guarda le mie mani; tendi la tua mano e mettila nel mio fianco; e non essere incredulo, ma credente!». Gli rispose Tommaso: «Mio Signore e mio Dio!».

 

 

Gesù,  tu  vieni a porte chiuse.  Entri dentro il mio cuore chiuso dalla paura,  dall’angoscia.  Per difendersi, per ripararsi,  per proteggersi dal dolore.  Per non essere ancora ferito.  Entri nel mio cuore e nella mia anima,  entri nell’eucarestia,  con l’eucarestia.

Vieni con il tuo corpo glorioso,  glorificato e mi vieni  incontro.  Mi vieni  incontro per primo,  per amore, mosso dall’amore.  Gesù, sei davanti  a me e mi fai vedere le tue mani ferite e i tuoi piedi  e  il tuo costato e mi chiedi di toccarli.

Per curare le mie ferite, Gesù, devo entrare nelle tue.  Con la mano mi avvicino alle tue mani,  ai buchi dei chiodi, vuoti, svuotati dai chiodi.  In te Gesù, i chiodi non ci sono più, non fanno più male.  In quei buchi Gesù, posso mettere le mie ferite, il mio dolore.  In te Gesù, saranno svuotate dai  chiodi, da ciò che le umilia, da ciò che le alimenta.  Saranno svuotate da ciò che le fa sanguinare.

Poi  Gesù,  metto le mie mani nella ferita del tuo costato.  Entro in quella ferita.    Il sangue  e l’acqua,  escono  dal tuo cuore.    Le mie mani sono toccate dal tuo cuore.  È il tuo cuore che entra nel mio cuore.

Allora Gesù, tutto di me ti riconosce. Tutto di me esulta, canta, danza di gioia.

Tutto di me, si inginocchia davanti a te e ti proclama, ti acclama:

Mio Signore e mio Dio!

 

 

 

Ostia divina

 

Ostia divina

 

Davanti a un mistero così grande, Gesù,

la mente svanisce. Rimane il cuore,

preso d’amore, arso d’amore. 

 

Ostia divina, corpo di  Cristo, 

sangue di Cristo,  Figlio di Dio!

 

Tu, con il Padre e lo Spirito Santo,

mi vieni incontro, mi chiami,

mi guardi, mi ami.

 

Mi riempi gli occhi,

mi riempi il cuore.

Riempi tutto, di te.

 

Non  ho  più paura,

non  ho  più timore,

non  ho più dolore,  con te.

 

L’aria si illumina,

l’aria sussulta,

lo spirito esulta,  in te.

 

Signore,  voglio restare,

qui,  presso  a  te.

Cantare con gli angeli,

adorare con gli angeli,

che sono intorno a te.

 

Qui, presso a te, Signore,

con loro,  come loro.

 

Alla tua presenza,

nella tua casa,

nel mio cuore.

 

 

 

La lavanda dei piedi

Prima della festa di Pasqua, Gesù, sapendo che era venuta la sua ora di passare da questo mondo al Padre, avendo amato i suoi che erano nel mondo, li amò sino alla fine. Durante la cena, quando il diavolo aveva già messo in cuore a Giuda, figlio di Simone Iscariota, di tradirlo, Gesù, sapendo che il Padre gli aveva dato tutto nelle mani e che era venuto da Dio e a Dio ritornava, si alzò da tavola, depose le vesti, prese un asciugamano e se lo cinse attorno alla vita. Poi versò dell’acqua nel catino e cominciò a lavare i piedi dei discepoli e ad asciugarli con l’asciugamano di cui si era cinto. Venne dunque da Simon Pietro e questi gli disse: «Signore, tu lavi i piedi a me?». Rispose Gesù: «Quello che io faccio, tu ora non lo capisci; lo capirai dopo». Gli disse Pietro: «Tu non mi laverai i piedi in eterno!». Gli rispose Gesù: «Se non ti laverò, non avrai parte con me». Gli disse Simon Pietro: «Signore, non solo i miei piedi, ma anche le mani e il capo!». Soggiunse Gesù: «Chi ha fatto il bagno, non ha bisogno di lavarsi se non i piedi ed è tutto puro; e voi siete puri, ma non tutti». Sapeva infatti chi lo tradiva; per questo disse: «Non tutti siete puri». Quando ebbe lavato loro i piedi, riprese le sue vesti, sedette di nuovo e disse loro: «Capite quello che ho fatto per voi? Voi mi chiamate il Maestro e il Signore, e dite bene, perché lo sono. Se dunque io, il Signore e il Maestro, ho lavato i piedi a voi, anche voi dovete lavare i piedi gli uni agli altri. Vi ho dato un esempio, infatti, perché anche voi facciate come io ho fatto a voi».

 

È l’ultima cena. Gesù ha fatto diventare quel pane il suo corpo e quel vino il suo sangue e l’ha offerto a chi era a mensa con lui. Tutti quelli che si stanno nutrendo di quel pane, stanno diventando in Gesù, un’unica cosa. Come i chicchi di grano sono macinati  nella  farina e diventano un solo pane. Come gli acini di uva, sono pigiati insieme e diventano un unico vino.

Una cosa sola, un unico corpo, un unico spirito. Ma non in modo ideale o virtuale, ma vero, autentico. Per questo Gesù si alza e ti dimostra come si fa. Cosa si fa quando si diventa un’unica cosa. Cosa ti fa capire che sei diventato unica cosa nel Signore.

Alzati e deponi le tue vesti. Le tue vesti, quello che è solo tuo, che ti appartiene, che ti distingue dagli altri.  Prendi un asciugamano,  te lo cingi intorno e lo fai diventare la tua nuova veste. La veste di chi ha un ruolo, un qualcosa da fare per un altro. Di chi è per un altro. Di chi è rivolto verso l’altro,  di chi è aperto all’altro. Di chi non vive, non può vivere senza l’altro. Questo è l’amore vero.

Poi prendi una brocca con l’acqua e un catino e vai di fronte al fratello. Ti inginocchi. Scendi, ti abbassi, ti metti ai suoi piedi. E cominci a lavare i suoi piedi. In segno di servizio, ma ancor più, in segno di apertura, di accoglienza, di custodia. L’amore è custodia. È custodire l’altro. È diventare il custode dell’altro, colui che lo guarda,  lo protegge, lo difende. Colui che si prende cura dell’altro.

Custodire è prendersi cura, non per dovere, non per una regola. Non per lo sforzo, per l’impegno, per la volontà, per la responsabilità. Custodire è far sgorgare la cura per l’altro, dall’Eucaristia di cui ti sei nutrito. Dal corpo  risorto e glorificato del Signore e dal sangue del suo cuore ferito. È custodire in Gesù, con Gesù, per Gesù, come Gesù. E’ custodire l’altro:

–          In modo concreto. Prendersi cura  della sua vita concreta, della sua fatica concreta.  Amarlo nella sua realtà concreta, fino in fondo, fino all’estremità, fino alla  parte più umile della sua persona. Amare anche i piedi di quella persona.

–          Con rispetto. Prendersi cura senza dominare, senza giudicare, senza condannare. Senza soggiogare e senza farsi soggiogare. Accettare l’altro per quello che è. Non volerlo, non pretenderlo diverso. Prendersi cura, riconoscendo i bisogni, anticipando i bisogni. Soddisfacendo i bisogni e le necessità prima che la persona  le chieda.

–          Con affetto. Prendersi cura dei piedi infangati, umiliati, denigrati, violentati, feriti. Amare quei piedi è come amare in modo concreto la base,  le fondamenta di quella persona. L’essenza di quella persona. E come riabilitare l’essenza di quella persona. E’ ridare vita alle radici, al centro, al cuore di quella persona.

–          Con umiltà. Prendersi cura è scendere, abbassarsi, mettersi a livello della terra. Riconoscersi terra, umili, poveri, fragili di fronte all’altro. È riconoscersi incompleti senza l’altro. Incapaci senza l’altro. Piccoli,  parte  di qualcosa di più grande, parte di quell’unico corpo consacrato da Dio.

Custodia reciproca. L’uno verso l’altro, l’uno con l’altro, l’uno per l’altro. Nessuno, senza l’altro.

Se prendi parte a questa custodia, allora puoi prendere parte anche con Dio. Se partecipi di questa custodia,  puoi partecipare anche di Dio.

Se sei in questa custodia,  puoi risorgere in Dio, nel  suo corpo mistico.

 

 

 

Traditore

In quel tempo, [mentre era a mensa con i suoi discepoli,] Gesù fu profondamente turbato e dichiarò: «In verità, in verità io vi dico: uno di voi mi tradirà …….«Signore, chi è?». Rispose Gesù: «È colui per il quale intingerò un boccone e glielo darò». E, intinto il boccone, lo prese e lo diede a Giuda, figlio di Simone Iscariòta. Allora, dopo il boccone, Satana entrò in lui……..Mentre ancora egli parlava, ecco giungere una folla; colui che si chiamava Giuda, uno dei Dodici, li precedeva e si avvicinò a Gesù per baciarlo. Gesù gli disse: «Giuda, con un bacio tu tradisci il Figlio dell’uomo?».……….Pietro lo seguiva da lontano. Avevano acceso un fuoco in mezzo al cortile e si erano seduti attorno; anche Pietro sedette in mezzo a loro. Una giovane serva lo vide seduto vicino al fuoco e, guardandolo attentamente, disse: «Anche questi era con lui». Ma egli negò dicendo: «O donna, non lo conosco!». Poco dopo un altro lo vide e disse: «Anche tu sei uno di loro!». Ma Pietro rispose: «O uomo, non lo sono!». Passata circa un’ora, un altro insisteva: «In verità, anche questi era con lui; infatti è Galileo». Ma Pietro disse: «O uomo, non so quello che dici». E in quell’istante, mentre ancora parlava, un gallo cantò. Allora il Signore si voltò e fissò lo sguardo su Pietro, e Pietro si ricordò della parola che il Signore gli aveva detto: «Prima che il gallo canti, oggi mi rinnegherai tre volte». E, uscito fuori, pianse amaramente.

 

Gesù, sono io  Giuda.  Quando critico, giudico, voglio che sia fatta la mia volontà. Quello che avevo deciso io, programmato io, organizzato io.  Quando rifiuto la volontà del Padre, perché non è come la mia.  Quando decido che il tuo regno è qui sulla terra.  Quando ti uso per dominare gli altri.  Quando ti vendo per 30 denari.

Gesù, sono io Giuda,  quando ti tradisco con un bacio.  Quando ho venduto il mio cuore e vengo per vendere anche il tuo.  Quando ti metto nelle mani degli assassini.  Quando ti lascio nelle mani dei perversi. Quando mi lascio usare dai perversi.  Quando mi lascio usare dagli assassini di Dio.

Sono io Giuda,  quando uso l’affetto, l’amore, per i miei scopi.  Quando nascondo con l’amore, il mio inganno.  Quando faccio apparire amore, il mio tradimento.  Quando fingo di amare.

Gesù,  sono io Pietro che ti nega.  Quando ti voglio senza croce e senza morte.  Quando rifiuto di soffrire per gli altri.  Quando mi nascondo per non soffrire per gli altri.

Sono io Pietro,  quando ho il terrore di essere giudicato dagli altri. Di essere accusato e condannato dagli altri.  Di essere preso e ucciso dagli altri,  per causa tua.

Sono io Pietro,  quando non sono più con te, vicino a te,  vicino al povero, al malato, all’umile.  Quando sono dalla parte del più forte, del potente.  Quando ti nego, ti elimino, ti annullo,  perché sei stato eliminato, negato dalla folla.

Sono io Pietro,  quanto ti disconosco,  non ti riconosco più come il Signore, il mio Dio.  Quando non riconosco il tuo amore, per nutrirmi dell’amore degli altri.  Quando ti abbandono,  per seguire il consenso degli altri.  Quando non ti  considero più forte e più grande,  della mia paura.

Sono io Pietro,  quando non ti riconosco.  Quando non ti appartengo più.  Quando non ti testimonio. Quando non sono più tuo discepolo.

Ecco Gesù, sono io il traditore.  Il gallo sta cantando per tre volte.  E solo adesso lo capisco.

Ma il gallo canta l’aurora,  l’inizio della giornata, l’inizio della nuova vita,  con te, in te,  mai più senza di te.

 

 

 

Il calice amaro

Uscì e andò, come al solito, al monte degli Ulivi; anche i discepoli lo seguirono. Giunto sul luogo, disse loro: «Pregate, per non entrare in tentazione». Poi si allontanò da loro circa un tiro di sasso, cadde in ginocchio e pregava dicendo: «Padre, se vuoi, allontana da me questo calice! Tuttavia non sia fatta la mia, ma la tua volontà». Gli apparve allora un angelo dal cielo per confortarlo. Entrato nella lotta, pregava più intensamente, e il suo sudore diventò come gocce di sangue che cadono a terra. Poi, rialzatosi dalla preghiera, andò dai discepoli e li trovò che dormivano per la tristezza. E disse loro: «Perché dormite? Alzatevi e pregate, per non entrare in tentazione».

 

A volte anch’io Gesù, non ce la faccio ad affrontare il dolore  degli altri. Giro la testa, chiudo gli occhi, distolgono lo sguardo. Per non vedere, per non capire, per non agire. Mi lascio andare e divento passivo, amorfo, insensibile, addormentato.

Poi me lo ritrovo davanti il mio calice amaro, tutto ripieno di dolore, angoscia, colpa, umiliazione, male, tutto mescolato. Non posso più girare la faccia, è dentro di me, e non posso più scappare.

Tu invece, sei li, davanti al dolore, al tuo dolore e anche al mio. Sai tutto quello che ti aspetta, lo vedi, lo vivi. Vivi  l’angoscia del dolore, la disperazione per il dolore, la solitudine nel dolore.  La vivi per me, con me, al mio posto.  Prima di me.    Quel calice amaro è davanti a te.  Tu, come me, vorresti allontanarlo, rifiutarlo, ripudiarlo, negarlo, per me.

Ma mi insegni come fare, dentro al dolore.  I tuoi occhi, il tuo cuore, sono rivolti al Padre,  nel Padre,  con il Padre.  È lì  che devo guardare, è lì che devo puntare.

Al Padre posso aprire il cuore.  Posso dirgli: ‘Padre, non ce la faccio, non posso, non voglio.  Padre non darmi  questa prova,  levala,  portala via,  lontano da me,  non scegliere me.  Mi pesa troppo, mi schiaccia, mi leva il respiro, mi fa morire.’

Posso mettere il mio dolore  nei tuoi occhi che guardano il Padre, nel tuo cuore che è unito a Lui, nel tuo amore per Lui e dire con te:   Padre,  sia fatta non la mia,  ma la tua volontà.

Non so perché, non so come, non so quando. Ma so che la tua volontà  vale  più di ogni cosa. Anche di me.  La tua volontà è l’unica cosa che conta.  La tua volontà è più importante anche della mia vita. È più importante anche della mia  morte. Viene prima di tutto.  Mi fido di te.  Quello che conta è che sia fatta la tua volontà.   E io  la scelgo.  Io la voglio.  Io la amo,  più di  me stesso.

È quel dolore che scatena quell’offerta.  È quel dolore che fa scaturire quell’offerta.  È la scelta per il Padre.

Questa è la salvezza,  questa è la vita.  Questo è quello che vale più del dolore.  Questo è quello che vale più della morte.   Questo è quello che vince la morte.