È il Figlio di Dio

 Il Figlio di Dio.

Sirani_Elisabetta_battesimo - Copia (3)

 

Gesù.  è veramente il Figlio di Dio.

Lo ha detto il Padre.

Lo ha detto Dio-Padre stesso, due volte: al battesimo di Gesù   e sul monte Tabor al momento della trasfigurazione.

“Gesù, ricevuto anche lui il battesimo, stava in preghiera, il cielo si aprì e discese sopra di lui lo Spirito Santo in forma corporea, come una colomba, e venne una voce dal cielo: «Tu sei il Figlio mio, l’amato: in te ho posto il mio compiacimento». (Luca 3, 21-22)  “Mentre egli  (Pietro) parlava ancora, una nuvola luminosa li coprì con la sua ombra, ed ecco una voce dalla nuvola che diceva: «Questo è il mio Figlio diletto, nel quale mi sono compiaciuto; ascoltatelo».” Matteo 17:5

 

Lo ha detto Gesù stesso.

Lo ha detto apertamente Gesù stesso: Allora tutti esclamarono: «Tu dunque sei il Figlio di Dio?». Ed egli disse loro: «Lo dite voi stessi: io lo sono». (Luca 22,70).

Disse loro: «Voi chi dite che io sia?». Rispose Simon Pietro: «Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente». E Gesù: «Beato te, Simone figlio di Giona, perché né la carne né il sangue te l’hanno rivelato, ma il Padre mio che sta nei cieli.  (Mt. 16, 15-19).

“Gesù gli disse: Credi tu nel Figlio di Dio? Colui rispose: E chi è egli, Signore, perché io creda in lui? Gesù gli disse: Tu l’hai già veduto; e quei che parla teco, è lui. Ed egli disse: Signore, io credo. E gli si prostrò dinanzi.” (Giovanni 9:34-38).

“Perché ho detto: “Sono Figlio di Dio”? (Giovanni 10:35-36).  “Ha detto: Sono Figlio di Dio”. (Matteo 27:43).  “Il Padre ama il Figlio, e gli ha dato ogni cosa in mano.” (Giovanni 3:35) 

 

Lo dicono i Vangeli.

Lo hanno detto i discepoli:    Vi sono decine e decine di passi nel Vangelo, in cui Gesù è chiamato Figlio di Dio;

 “Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente!” (Matteo 16:16)   Allora quelli che erano nella barca si prostrarono dinanzi a lui, dicendo: Veramente tu sei il Figlio di Dio! (Matteo 14:32-33)    Gli rispose: «Sì, o Signore, io credo che tu sei il Cristo, il Figlio di Dio che deve venire nel mondo».  (Gv 11, 27).

“Inizio del vangelo di Gesù Cristo,  Figlio di Dio.” (Marco 1,1).   “L’angelo le [Maria] rispose: «Lo Spirito Santo verrà su di te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà dell’ombra sua; perciò, anche colui che nascerà sarà chiamato Santo, Figlio di Dio.”  (Luca 1:35).

Sono stato crocifisso con Cristo e non sono più io che vivo, ma Cristo vive in me. Questa vita nella carne, io la vivo nella fede del Figlio di Dio, che mi ha amato e ha dato se stesso per me. (Galati 2,20).

Perché persino Tommaso, il discepolo incredulo, quando “vide e toccò” Gesù risorto e vivente, disse: “Dio mio e Signore mio”. (Giovanni 20:28)  

Lo ha detto il profeta Giovanni detto “il battista”:  E questa è la testimonianza di Giovanni:  “E io ho veduto e ho attestato che questi è il Figlio di Dio.” (Giovanni 1:33-34) .

Lo hanno detto i suoi denigratori:   Lo hanno condannato per questo: chi lo voleva morto, non ritenne altra accusa sufficiente, se non quella di Gesù che si auto definiva “Figlio di Dio”.

“Tu che disfi il tempio e in tre giorni lo riedifichi, salva te stesso, se tu sei il Figlio di Dio, e scendi giù di croce! (Matteo 27:40) “S’è confidato in Dio: lo liberi ora, s’Egli lo gradisce, poiché ha detto: Sono Figlio di Dio. (Matteo 27:43) “I Giudei gli risposero: Noi abbiamo una legge, e secondo questa legge egli deve morire, perché egli s’è fatto Figlio di Dio. Quando Pilato ebbe udita questa parola, temette maggiormente.” (Giovanni 19:7-8)

 Lo hanno dovuto dichiarare e riconoscere perfino i nemici di Dio!   (Matteo 4:3; 4:6; 8:29; Marco 3:11, 5:7; Luca 4:3; 4:11)  “Gli spiriti immondi, quando lo vedevano, gli si gettavano ai piedi gridando: «Tu sei il Figlio di Dio!».” (Marco 3,11)  . Or quand’ebbe veduto Gesù da lontano, corse e gli si prostrò dinanzi; e dato un gran grido, disse: Che v’è fra me e te, o Gesù, Figlio dell’Iddio altissimo? Io ti scongiuro, in nome di Dio, di non tormentarmi; perché Gesù gli diceva: Spirito immondo, esci da quest’uomo! (Marco 5:6-8).

Lo hanno testimoniato il centurione e tutti gli altri soldati romani sotto la croce: “E il centurione e quelli che con lui facevano la guardia a Gesù, visto il terremoto e le cose avvenute, temettero grandemente, dicendo: Veramente, costui era Figlio di Dio.” (Matteo 27:54)

 

Lo hanno detto i profeti.  

Lo hanno detto i profeti: sono più di cinquecento le profezie nel Vecchio Testamento, che annunciano la venuta del Messia, Figlio di Dio! Circa tali asserzioni, esse costituiscono un ineludibile e saldo fondamento teologico, che nessuno ha mai potuto disconoscere, perché “la scrittura non può essere annullata! (Giov 10:35) .   “Tu sei mio figlio, oggi ti ho generato”. Sl 2,18 

 

Lo dicono i fatti.

I miracoli. La sua morte e la sua resurrezione. L’assunzione. La Pentecoste. L’eucaristia.

Sono confermati dai testimoni.  Gesù è apparso agli apostoli  per tre volte nel cenacolo, quando erano tutti insieme e a porte chiuse. Si è mostrato con il suo corpo risorto. Lo ha fatto toccare, sentire, ha fatto mettere le mani nelle ferite. Ha mangiato con loro. Se era un fantasma, non sarebbe stato possibile. Il suo corpo risorto è una verità, è una realtà, è una sostanza viva.

 Tanti altri testimoni lo hanno visto tutti insieme.    “Gesù è apparso alle donne, a Emmaus, a Cefa, a Giacomo, sul lago di Tiberiade” (Gv 21, 1-19) ,   “Si mostrò agli apostoli vivo, dopo la sua passione, con molte prove, apparendo loro e rimanendo con loro per quaranta giorni,.” (Atti 1, 3 ),  “Ai discepoli  per tante altre volte e per molti giorni “. (At. 13, 30-33),    “Davanti a più di 500 persone tutte insieme e in una sola volta”. ( 1 Corinzi 15,6).    “E davanti ai suoi discepoli  quando fu elevato in alto sotto i loro occhi. ( Atti 1, 9).”

 

 

Lo dice Spirito Santo.

Lo spirito Santo te lo rivela. Te lo spiega. Te lo fa capire. Te lo fa sentire.

Te lo fa amare.

 

 

 

 

 

 

 

Quando muore una persona cara?

risurrezione1

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I morti,   non sono morti.       Non è vero, che non ci sono più.

È morto il corpo,    ma la  sua anima,   il suo cuore,    è vivo.

 

E sta bene.     Meglio di prima.  Più di prima.      Senza più dolore.   Senza più paura. Senza più  prigione.   Senza più  lacrime.     Solo  la gioia  di  Dio,   in Dio.

Ora,     ti può  amare.      Ti può amare  come avrebbe voluto.      Ti può  amare,   come avrebbe  potuto.

 

Non sei solo.     Non  sei più solo.     Ti  sta vicino.     Ora può stare   vicino,  a te.          Può capire.    Può  sentire.

Ora,  ti può aiutare.      Come avrebbe  voluto.   Come avrebbe  potuto.    Ora lo può  fare.

 

Alla fine dei tempi,   in Gesù,

risorgerà   anche il suo corpo.

E tornerà   tutto intero.

 

E potrai abbracciarlo  di nuovo.

Vivo  e vero.

 

 

 

 

 

 

 

Perché soffrono i bambini?

Pannello_600_2

 

 

 

 

 

Perché soffrono i bambini?

Sono  angeli.   Sono gli angeli di Dio.

 

Ma perché proprio loro?

Non è Dio che lo vuole.    È la fragilità umana.  È la precarietà umana.

Ma sono proprio loro,   nella loro piccolezza,  nella loro debolezza,  nella loro innocenza,   il posto di Dio.   Il posto dove sta il cuore di Dio.   Non solo il tuo.   Prima il suo. Particolarmente il suo.  Principalmente il suo.  Assolutamente il suo.

 

Ma  a che serve?

A te.  Anche nella loro piccola vita, hanno una missione. Hanno un incarico speciale. Unico, fondamentale.  Ti obbligano a pensare al cielo.  Ti aprono le porte del cielo. Sacrificano la loro vita  per te,  per donarti qualcosa di più importante di loro,  di più importante dell’amore che hai per loro.  Per donarti Dio.  Il tuo Signore, il tuo Creatore.

Ti precedono davanti a Dio.  Vanno a parlare a Dio,  di te.  Ti presentano a Dio.  Ti raccomandano a Dio.  Stanno con Dio per te, al tuo posto.  Lo pregano per te, al tuo posto.  Nell’attesa che lo fai tu.   Nell’attesa che lo fai anche tu,  con loro.

Servono al mondo.

Sono gli  innocenti,  che riparano le ingiustizie del mondo.

Sono i sofferenti,  che risanano le ferite del mondo.

Sono i giusti,  che salvano  il mondo.

Come Gesù,  il Figlio di Dio.

 

 

 

 

 

 

Tu vali

cropped-michelangelo1

 

 

 

 

 

 

Non conto nulla?

Non è vero che non vali, che sei sbagliato.   Non è vero che non sei amato.

Non cercare  dall’altro, il valore.  Non lo mendicare dall’altro. Non lo decide lui, se vali.  Non lo giudica lui. Non dipende da lui.

 

Da  chi  dipende?  Chi  lo dice?

Tu vali,   perché ti ha fatto un Dio.   Un Dio ti ha pensato,  un Dio ti ha voluto,  un Dio ti ha amato.    Da sempre.  Prima dei tuoi genitori,  prima di te,   prima di tutti.

Il tuo valore è in Dio.  Ci sta da sempre.   E nessuno te lo può levare e nessuno lo può cambiare.

Se ti hanno umiliato, rifiutato, calpestato, abbandonato, ferito, non hai perso il valore.   Non te lo hanno portato via. Non lo hanno cancellato.  Non sei rimasto senza.

Anzi, è diventato più grande,  più importante, più prezioso agli occhi di Dio.  Quel valore sofferente, assomiglia a suo Figlio in croce . Ed è più amato dal Padre.

 

Perché  non lo sento?

Il negativo, che senti e che ti fa male,  non sei tu.   Il negativo  è quello che nega il tuo valore.   È l’inganno che lo nasconde.   È l’ombra che lo oscura e te lo leva.  E ti leva Dio.

Il negativo è la nube che non te lo fa vedere.   È la nube che copre il sole,  ma non riesce a coprire il giorno, la luce.  Non riesce ad annullare il sole, il giorno, la luce.   Non riesce ad annullare Dio.

Non lo vedi, il tuo valore,  ma c’è.    Non lo senti, il tuo valore, ma c’è.     Non partire dagli altri, parti da te, dalle tue radici.

 

Parti da Dio.  Dal suo amore.

E lo ritrovi.

E  ti   ritrovi.

 

 

 

 

 

 

E l’Ostia e il vino?

E l’Ostia e il vino?

Non sono cose solo benedette.  Non è il prete che le benedice e le fa diventare corpo e sangue.

È lo Spirito Santo,  Dio stesso,  invocato dalle mani  consacrate del sacerdote, che viene sull’altare,   e porta  Gesù  risorto.    Ed è lui che,   con il Padre,   benedice  il pane e il vino.  Ed è lui  che  trasforma la sostanza del pane,   in corpo di Cristo,   e il vino,  in sangue di Cristo.

Si chiama transustanziazione.      Che significa passaggio da una sostanza,   a un’altra sostanza.      La sostanza è l’essenza,  la parte che non si vede,  quella che sta dentro.      E l’apparenza,  è la parte che si vede,  quella che sta fuori.     Quindi la sostanza  è trasformata,    ma l’apparenza è rimasta quella del pane e del vino.

 

Ma è impossibile!

Perché no? Dio può fare tutto! Dio è altro dalla ragione. È altro dall’uomo. È altro dal finito. È infinito, universale, assoluto, illimitato, eterno.  E’ l’Essere e la sostanza suprema.  Lui ha creato tutto. Lui è il centro di tutto. Lui è tutto.  Perché non può rifare le cose?   Perché non può trasformarle?

 

Allora perché non si vede?

Perché se si vedono, sei  costretto a credere.  Non sei più libero di cercare Dio, di sceglierlo, di amarlo. L’amore vero è rispetto, attenzione, considerazione dell’altro.  È scelta libera dell’altro. Stima, fiducia.   Solo allora ci può essere un rapporto di amore vero tra te e Dio. Perché questo è quello che Dio vuole.  Questa è la fede.

 

Cosa significa corpo e sangue?

Durante la consacrazione della messa,   il pane e  il vino si sono trasformati.    Ora lì è presente in maniera vera, reale e sostanziale, il corpo e il sangue, l’anima e la divinità di Cristo risorto, vivente e glorioso.  E’ il Figlio di Dio,  e con lui è presente anche il Padre e lo Spirito Santo.  La Trinità.

 

In memoria, è solo un ricordo?

No!  Memoria viene dal latino, e significa:  “atto del  tenere e del riprodurre”.   Quindi memoria, è:   tenere, conservare, rinnovare.    Significa anche fatto.     Quindi tenere, conservare,  rinnovare un fatto.

Il fatto è quello che Gesù ha fatto nell’ultima cena .    Lo ha detto,  e lo ha fatto lui.               E continua a farlo lui.    Darti tutto se stesso.

“Questo è il mio corpo.    Questo è il mio sangue  dell’alleanza,    versato per molti,             in remissione dei peccati”.

 

 

 

 

 

È risorto?

E’  veramente risorto?

 

 

 

 

Ma come è possibile?

Gesù è risorto!  Ti sembra impossibile,  ti sembra improbabile. Non lo vedi, non lo senti, non lo tocchi. Allora pensi che non esiste.  Che non c’è.  Che  non è vero.

Ma Gesù è Dio. Dio può tutto. Perché perché lo fai come te?  Dio ha creato tutto dal nulla.  Perché non può ricreare il suo corpo?   Lui ha dato vita a tutte le cose, perché non può ridare vita al suo corpo santo e divino?

 

Ma non lo vedo!

Ti dicono che è vero solo quello che si può toccare, pesare, misurare, riprodurre in laboratorio. Solo la materia ha questa qualità, solo la materia quindi è vera.. Allora l’amore? L’amore di tuo figlio per te, lo vedi? Lo puoi toccare, lo puoi pesare?  Lo puoi riprodurre in laboratorio, quanto ne vuoi e quando lo  vuoi e perché lo vuoi tu?

Ci sono cose che non si vedono, ma  esistono. Anzi, sono le più belle, le più importanti, come l’amore. Sono vere, perché le senti. Così vale per Dio, lo sente il tuo cuore, lo riconosce la tua anima.

 

 Ma  è   un fatto?

Si,   è confermato dai testimoni. Gesù è apparso agli apostoli  per tre volte nel cenacolo, quando erano tutti insieme e a porte chiuse. Si è mostrato con il suo corpo risorto.

Lo ha fatto toccare, sentire, ha fatto mettere le mani nelle ferite. Ha mangiato con loro. Se era un fantasma, non sarebbe stato possibile. Il suo corpo risorto è una verità, è una realtà, è una sostanza viva.

 

Chi lo ha visto?

Tanti altri testimoni lo hanno visto tutti insieme.    Gesù è apparso alle donne, a Emmaus, a Cefa, a Giacomo, sul lago di Tiberiade (Gv 21, 1-19) ,   si mostrò agli apostoli vivo, dopo la sua passione, con molte prove, apparendo loro e rimanendo con loro per quaranta giorni, (Atti 1, 3 ),  ai discepoli  per tante altre volte e per molti giorni  (At. 13, 30-33),    davanti a più di 500 persone tutte insieme e in una sola volta ( 1 Corinzi 15,6).    E davanti ai suoi discepoli  quando fu elevato in alto sotto i loro occhi. ( Atti 1, 9).

Ma il testimone più importante è lo Spirito Santo. È lo Spirito Santo che Gesù ha passato ai suoi discepoli e che loro hanno passato a te.  È lo Spirito Santo che ti parla di lui.  È lo Spirito Santo che te lo fa riconoscere.

È lo Spirito Santo che te lo dona. E’ lo Spirito Santo che ti fa credere.  E’ lo Spirito Santo che ti cambia.

Allora lo sperimenti.

Allora  lo tocchi con mano, come Tommaso.

 

 

 

 

 

Perché Gesù è morto, sulla croce?

1306530944


 

 

 

 

 

 

Perché  la croce?

La sua croce è diventata il ponte tra noi e Dio.  È quella che ci unisce a Dio.

Solo un Figlio di Dio lo poteva fare.  Solo un Figlio di Dio, nel quale il divino e l’umano si incontrano, nel quale il divino e l’umano sono presenti.

In  lui si uniscono ,  si riunificano tutte le cose.  Tutte le cose si riconciliano in lui.  In lui sono state generate e in vista di lui sono state pensate e in  lui si  sono compiute.

La sua croce   è il centro,   il punto   in cui l’orizzontale si incontra con il verticale.   La terra con il cielo. Il visibile con l’invisibile.

Il centro dell’universo.  Il mistero dell’universo. La santificazione dell’universo.

 

Con la sua croce e sulla sua croce, ha preso su di sé  tutto il male,  tutto il nostro male,  la morte, tutta la nostra morte,  per farla morire con lui.   È dovuto morire,  per farla morire.

È dovuto morire,  per risorgere.  Per trionfare sulla morte. Per vincere la morte, per noi, con noi e in noi.   (“la morte è stata ingoiata, per la vittoria”. – 1 Cor. 15,54- ).

 

Per mostrarci il suo corpo risorto santificato.

Per fare risorgere anche noi nel suo corpo glorificato.

E riportarci a casa. Alla casa del Padre.

 

 

 

 

 

Che cosa è il dolore?

Che cosa è  il dolore?

È l’unica cosa che ci appartiene davvero.   È dovuto alla nostra fragilità,  alla nostra precarietà, alla nostra debolezza.  È la nostra umanità.

 

Il dolore è,  la ferita dei chiodi sulla croce.  È il segno dei chiodi della croce.  È il buco dei chiodi nella croce.   È quello che ci unisce a Gesù Cristo sulla croce.

Quando saremo davanti al Padre,  le ferite dei chiodi che abbiamo sul nostro corpo, saranno la prima cosa  che Lui guarderà.    Più ne abbiamo,   più ne siamo pieni,  più assomigliamo  a suo  Figlio.

 

Tutte quelle ferite,  allora,  saranno abbracciate da Lui.  Tutti quei buchi, allora, saranno riempiti da Lui.  Tutto quel corpo piagato, allora,  sarà risanato  in  Lui.

E  risorgerai  in Lui.  E vivrai  in Lui, per sempre.

Senza più ferite, nella gioia.

 

 

 

 

 

Perché cercare Dio?

 

 

 

 

Perché cercare Dio?    Non si sta bene lo stesso?

Così vivi la tua vita, come un automa.  Tutti i giorni nello stesso modo. Tutti i giorni per le stesse cose. Tutti i giorni,  programmato, usato, impostato.

Pensi come gli altri,  fai quello che fanno gli altri,  ti muovi come gli altri.   Sei una ruota, un ingranaggio che gira con gli altri,  per gli altri, negli altri.  La tua vita diventa una cosa,  un oggetto,  che usi tu per primo,  che svuoti tu per primo,  che neghi tu per primo.

No,  non stai bene  lo stesso.

Senza il senso,    sei  senza sapore.    Senza il perché,   sei   senza valore.    Senza l’origine,   sei  senza   onore.

Senza la meta,   sei  disorientato.     Sei   spezzato,  frantumato.

 

Se cerchi Dio,  ritorni intero.

Se trovi Dio,  ritorni  pieno,  vivo,  vero.

 

 

 

 

 

Non basto io?

 

 

 

 

 

 

Devi essere il primo, prima dell’altro. Devi essere il migliore, sempre.  Sennò  non sei bravo.

Devi essere perfetto, senza sbagli, senza difetti, senza colpa.  Sennò significa che non sei capace.

Devi essere sempre felice,  perché sennò diventi sgradevole e gli altri si rattristano e  ti criticano.

Devi essere sempre sano, perfettamente sano, così sei sempre disponibile.

Devi dire sempre di sì, così non li metti a disagio.  Devi essere come ti vogliono, così gli piaci e  ti cercano.

Si sono messi al posto di Dio e tu devi essere come loro. Li devi assecondare, li devi confermare.

Anche tu devi essere come Dio, al posto di Dio. Il primo assoluto, il perfetto, senza fragilità, senza umanità, senza malattia. Devi bastare a te stesso. Così basti a loro. Così diventi  il loro  specchio, a loro uso e consumo.

Se non ce la fai, se non ci riesci, ti senti fallito, incapace, inutile. Non sai più chi sei.

 

Non sei come Dio.  Sei la sua creatura.  Sei te stesso, semplice, fragile,  debole.  Sei più vero e più te stesso,  quando sei insicuro, incapace, povero, malato.

Solo allora,  puoi incontrare veramente Dio.

Solo allora,  ti basta Dio.