Gesù cammina sulle acque

[Dopo che la folla ebbe mangiato], subito Gesù costrinse i discepoli a salire sulla barca e a precederlo sull’altra riva, finché non avesse congedato la folla. Congedata la folla, salì sul monte, in disparte, a pregare. Venuta la sera, egli se ne stava lassù, da solo. La barca intanto distava già molte miglia da terra ed era agitata dalle onde: il vento infatti era contrario. Sul finire della notte egli andò verso di loro camminando sul mare. Vedendolo camminare sul mare, i discepoli furono sconvolti e dissero: «È un fantasma!» e gridarono dalla paura. Ma subito Gesù parlò loro dicendo: «Coraggio, sono io, non abbiate paura!».  Pietro allora gli rispose: «Signore, se sei tu, comandami di venire verso di te sulle acque». Ed egli disse: «Vieni!». Pietro scese dalla barca, si mise a camminare sulle acque e andò verso Gesù. Ma, vedendo che il vento era forte, s’impaurì e, cominciando ad affondare, gridò: «Signore, salvami!». E subito Gesù tese la mano, lo afferrò e gli disse: «Uomo di poca fede, perché hai dubitato?».  Appena saliti sulla barca, il vento cessò. Quelli che erano sulla barca si prostrarono davanti a lui, dicendo: «Davvero tu sei Figlio di Dio!».

 

 

E per te,    Gesù  che cammina sul mare,  cosa è ?

 

Un fantasma.

È un’impressione     Una suggestione.    Senza corpo. Gli levi il corpo.     Se non lo fai,  tu.

È un’apparenza.     Una forma.   Senza sostanza. Gli levi la sostanza.    E non è più Gesù.

E lo svuoti Gesù.     Lo smonti. Lo spacchi.   Gli stacchi la parte di Dio.   E non è più Gesù. E non è più Dio.    E non ti salva più.

 

È  il Figlio di Dio.

Non era un fantasma.       Le tue onde erano agitate.  E ti facevano cadere.    Ma a lui,  no. Non era un fantasma.       Il tuo vento era contrario.  E ti faceva cadere.      Ma a lui,  no.

Coraggio sono io.          Te lo dice lui,  chi è.    È Gesù. Non sei tu.     È Gesù. È di più.         Non abbiate paura.        È finita la paura.    Se ci sta lui,  non ci sta  la paura.    È Dio.

 

Signore,  se sei tu.         Non ti basta ancora.   Non ci credi ancora.                                       Comandami di venire verso di te.       Dammi la prova.   Devi darmi la prova, che sei tu.       E andò verso Gesù.      Ti  da la prova.    E ce la fai,  perché  hai messo lo sguardo fisso, in lui.

Si impaurì.          Basta un po’ di vento e lo levi lo sguardo.     Te lo porta via,  il vento.           E cominciò ad affondare.          E cominci a cadere.    Ad affondare,  nella tua paura.   Signore salvami.              Signore, tirami su.  Tirami fuori.      Solo tu lo puoi fare.

Gli tese la mano.          Ecco  la mano di Gesù.      Ecco  ti prende.   Ecco  ti tiene.          Uomo di poca fede.           Ecco perché hai paura.     Perchè non ci credi.                    Perché hai dubitato?         Che ci sta Dio.    Che Dio è tutto.   Che  Dio può tutto.                  E il vento cessò.                E anche il vento si calma.    E si placa.   Davanti a Dio.

 

Davvero tu sei il Figlio di Dio.        Ecco chi è Gesù.    È  il Figlio di Dio.    È Dio. Vivo.  Vero. Reale.    Più reale di ogni cosa.

La realtà   l’ha fatta lui.                                                                                                               La realtà   è tutta  in lui.

 

 

 

 

 

 

 

La moltiplicazione dei pani

In quel tempo, avendo udito [della morte di Giovanni Battista], Gesù partì di là su una barca e si ritirò in un luogo deserto, in disparte.  Ma le folle, avendolo saputo, lo seguirono a piedi dalle città. Sceso dalla barca, egli vide una grande folla, sentì compassione per loro e guarì i loro malati. Sul far della sera, gli si avvicinarono i discepoli e gli dissero: «Il luogo è deserto ed è ormai tardi; congeda la folla perché vada nei villaggi a comprarsi da mangiare». Ma Gesù disse loro: «Non occorre che vadano; voi stessi date loro da mangiare». Gli risposero: «Qui non abbiamo altro che cinque pani e due pesci!». Ed egli disse: «Portatemeli qui».  E, dopo aver ordinato alla folla di sedersi sull’erba, prese i cinque pani e i due pesci, alzò gli occhi al cielo, recitò la benedizione, spezzò i pani e li diede ai discepoli, e i discepoli alla folla.  Tutti mangiarono a sazietà, e portarono via i pezzi avanzati: dodici ceste piene. Quelli che avevano mangiato erano circa cinquemila uomini, senza contare le donne e i bambini.

 

 

Chi è  che può moltiplicare,   i pani e i pesci?      Chi  ce la fa ?

 

Tu,  no.

Non ce la fai.      A moltiplicare il tuo pane.  Ti tieni  quello che hai.    Figurati se lo dai.

Glielo levi,  il pane agli altri.      Glielo porti via.  Li lasci senza.     Figurati se glielo dai.

Lo levi anche a Dio,   il pane.       Gli porti via,  il suo pane.      E lo scambi,  con il tuo.         E ci metti il tuo,   al posto suo.        Ma tu,  non sei Gesù.

 

Dio,  si.

Non ce la facevi.         Il tuo pane   non ti bastava.     E vai da Gesù.                                       Non ce la facevi.         Il tuo pane  non ti guariva.    E vai da Gesù.

Sentì compassione.        Lui lo vede.  Lui lo sa.  Lui lo sente.    Quello che ti fa male.         E guarì i loro malati.        E te lo leva.   E ti guarisce.     Lui  può.

 

Voi stessi date loro da mangiare.      Non ti guardare intorno.    Dice a te.  Proprio a te.       Non abbiamo che cinque pani e due pesci.           Hai del povero pane.  Un poco di pane.     Portatemeli qui.         E glielo porti.  E glielo dai.                                                                       Prese i cinque pani.        Lo prende  nelle sue mai.   Ora sta  nel palmo delle mani di Dio.

Alzò gli occhi al cielo.         Chiama il Padre.  Lo Chiede a Padre.    Lo vuole il Padre.          E recitò la benedizione.       E lo fa sacro. E lo fa santo.  E lo fa divino.    Con il Padre. Spezzò i pani.             E  non è più pane.    È il pane di Dio.  È Dio.     È Gesù stesso.     Che si spezza per te.

 

Li diede ai discepoli.             Lo passa lui,   a loro.      È l’ eucarestia.                                     E i discepoli alla folla.            Ecco cosa  ti arriva.   Non è più pane.     È  Dio stesso.         Tutti mangiarono a sazietà.                 E ti sazia  veramente.    Ti sazia totalmente.               E portarono via i pezzi avanzati.         E non finisce mai.     Perchè è  Dio.

 

Ecco cosa  porti agli altri.    Ecco che cosa  passi.     Ecco che cosa,  dividi con gli altri.      Ecco che cosa,   ti unisce agli altri.

E non hanno  più fame.

 

 

 

 

 

 

 

Il tesoro nascosto

In quel tempo Gesù disse ai suoi discepoli:  «Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto nel campo; un uomo lo trovae lo nasconde; poi va, pieno di gioia, vende tutti i suoi averi e compra quel campo. Il regno dei cieli è simile anche a un mercante che va in cerca di perle preziose; trovata una perla di grande valore, va, vende tutti i suoi averi e la compra. Ancora, il regno dei cieli è simile a una rete gettata nel mare, che raccoglie ogni genere di pesci. Quando è piena, i pescatori la tirano a riva, si mettono a sedere, raccolgono i pesci buoni nei canestri e buttano via i cattivi. Così sarà alla fine del mondo. Verranno gli angeli e separeranno i cattivi dai buoni e li getteranno nella fornace ardente, dove sarà pianto e stridore di denti. Avete compreso tutte queste cose?». Gli risposero: «Sì». Ed egli disse loro: «Per questo ogni scriba, divenuto discepolo del regno dei cieli, è simile a un padrone di casa che estrae dal suo tesoro cose nuove e cose antiche».

 

 

Il Regno dei cieli,    è come  un tesoro nascosto.        E per te,  cosa è ?

 

Manco lo sai.

Manco lo sai.       Che ci sta.  Il Regno di Dio.        Manco lo pensi.   Manco lo cerchi.            E rimani senza.

Manco lo vuoi.     Se non è tuo, non lo vuoi.   Vuoi essere tu, il solo re.     E rimani senza.

Se lo trova un altro.     Glielo togli.  Glielo levi.  Glielo strappi.     Glielo rubi.  Glielo rompi. Non lo può avere,  se non ce l’hai tu.      E rimani senza.

 

Tutto.

Eri senza.       Ma non ci potevi stare senza.    Ti è rimasto il vuoto.   Un vuoto nell’anima.    Eri senza.       E lo vai a cercare.      Con gli occhi dell’anima.   Con tutta l’anima.

Come un tesoro.     Nel campo.    Devi scavare.    Nella parte umile  e semplice di te..  Come un tesoro.     Nascosto.    Nella parte più profonda di te.  Nascosta anche a te. Come un tesoro.     E lo trovi il tesoro.    È più del tesoro.  È di più di quello che pensavi.   È di più di quello che speravi.      È Dio.   È il Tutto.

Come un tesoro.      Lui ti dà tutto.  E tu gli dai tutto di te.   Vai e vendi tutto quello che hai. Niente vale più di lui.  Niente conta più di lui.                                                                      Come un tesoro.      E compri quel campo.   E diventa parte di te,  e tu di lui.

 

Come una perla.     Sai che ci sta.   Viene dal profondo del mare. E vale più di tutto il mare. Come una perla.     La riconosci  tra tutte le perle. Brilla  più di tutte. È preziosa più di tutte.

Come una perla.      È Gesù,  la perla preziosa.     In lui sta il Regno di Dio.   Lui è  il Regno di Dio.     In lui  lo trovi.   Lui solo  ce l’ha.   Lui solo te lo da.

Come una perla.      E le vendi tutte le perle,  che avevi prima.     Vale più di tutte le perle,  che avevi prima.                                                                                                                  Come una perla.      E la compri.   E la stringi  forte  tra le mani.    E non te la fai scappare. E non te la fai portare via.   Da nessuno.

 

Come una perla.     E sei felice.     E tocchi il cielo,  con un dito.    Sei in cielo.

Sei   nel Regno dei cieli.                                                                                                           Già   da ora.

 

 

 

 

 

 

 

Il grano e la zizzania

In quel tempo, Gesù espose alla folla un’altra parabola, dicendo: «Il regno dei cieli è simile a un uomo che ha seminato del buon seme nel suo campo. Ma, mentre tutti dormivano, venne il suo nemico, seminò della zizzania in mezzo al grano e se ne andò. Quando poi lo stelo crebbe e fece frutto, spuntò anche la zizzania. Allora i servi andarono dal padrone di casa e gli dissero: “Signore, non hai seminato del buon seme nel tuo campo? Da dove viene la zizzania?”. Ed egli rispose loro: “Un nemico ha fatto questo!”. E i servi gli dissero: “Vuoi che andiamo a raccoglierla?”. “No, rispose, perché non succeda che, raccogliendo la zizzania, con essa sradichiate anche il grano. Lasciate che l’una e l’altro crescano insieme fino alla mietitura e al momento della mietitura dirò ai mietitori: Raccogliete prima la zizzania e legatela in fasci per bruciarla; il grano invece riponètelo nel mio granaio”». Espose loro un’altra parabola, dicendo: «Il regno dei cieli è simile a un granello di senape, che un uomo prese e seminò nel suo campo. Esso è il più piccolo di tutti i semi ma, una volta cresciuto, è più grande delle altre piante dell’orto e diventa un albero, tanto che gli uccelli del cielo vengono a fare il nido fra i suoi rami». Disse loro un’altra parabola: «Il regno dei cieli è simile al lievito, che una donna prese e mescolò in tre misure di farina, finché non fu tutta lievitata». Tutte queste cose Gesù disse alle folle con parabole e non parlava ad esse se non con parabole, perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta:  «Aprirò la mia bocca con parabole,  proclamerò cose nascoste fin dalla fondazione del mondo». Poi congedò la folla ed entrò in casa; i suoi discepoli gli si avvicinarono per dirgli: «Spiegaci la parabola della zizzania nel campo». Ed egli rispose: «Colui che semina il buon seme è il Figlio dell’uomo. Il campo è il mondo e il seme buono sono i figli del Regno. La zizzania sono i figli del Maligno e il nemico che l’ha seminata è il diavolo. La mietitura è la fine del mondo e i mietitori sono gli angeli. Come dunque si raccoglie la zizzania e la si brucia nel fuoco, così avverrà alla fine del mondo. Il Figlio dell’uomo manderà i suoi angeli, i quali raccoglieranno dal suo regno tutti gli scandali e tutti quelli che commettono iniquità e li getteranno nella fornace ardente, dove sarà pianto e stridore di denti. Allora i giusti splenderanno come il sole nel regno del Padre loro. Chi ha orecchi, ascolti!».

 

 

Il grano  e  la zizzania.        E tu,  che sei ?

 

Sei  zizzania.

Il nemico di Dio,   ti ha seminato.     Ti ha spezzato, ti ha spaccato.  Ti ha separato  da Dio. E sei diventato  divisione.   Anche in te.

Ti ha messo apposta   in mezzo al grano        Ti fa sembrare grano.   Ma non sei grano.  L’inganno  ti riveste.     E sei diventato  inganno.   Anche per te.

Dormivi.   Hai chiuso gli occhi. Non l’hai visto.   Non ti sei accorto.     E lo hai lasciato fare.  E lo hai lasciato andare.     E non lo puoi  fermare.     Ma Dio, si.

 

Sei  grano.

Eri zizzania.       Hai messo Gesù,  nelle tue parti spezzate.    E sono tornate intere.            Eri zizzania.       Hai messo Gesù,  nelle tue radici.     E sono tornate vere.                       Eri zizzania.       Hai messo Gesù,  nel tuo cuore.   Sono nate le spighe.  E sei diventato grano.

 

Sei grano.           Sei  il seme buono,    che viene da Gesù.                                                    Sei grano.           Hai  Gesù  nelle radici.    Che ti sostiene.                                                  Sei il grano.        Hai  Gesù  nelle foglie.    Che ti riveste.                                                         Sei grano.           Hai  Gesù  nelle spighe.    Che ti riempie.

Sei grano.           E ti riconoscono gli angeli.    Perché Gesù  è in te.                                       Sei grano.           E ti riconoscono gli altri.      Perché Gesù  è in te.                                      Sei pane.            E nutri gli altri.     Con Gesù,  che è in te.

 

Sei pane,    per gli altri.                                                                                                             E  per te.

 

 

 

 

 

 

Il Seminatore

Quel giorno Gesù uscì di casa e sedette in riva al mare. Si radunò attorno a lui tanta folla che egli salì su una barca e si mise a sedere, mentre tutta la folla stava sulla spiaggia. Egli parlò loro di molte cose con parabole. E disse: «Ecco, il seminatore uscì a seminare. Mentre seminava, una parte cadde lungo la strada; vennero gli uccelli e la mangiarono. Un’altra parte cadde sul terreno sassoso, dove non c’era molta terra; germogliò subito, perché il terreno non era profondo, ma quando spuntò il sole fu bruciata e, non avendo radici, seccò. Un’altra parte cadde sui rovi, e i rovi crebbero e la soffocarono. Un’altra parte cadde sul terreno buono e diede frutto: il cento, il sessanta, il trenta per uno. Chi ha orecchi, ascolti». Gli si avvicinarono allora i discepoli e gli dissero: «Perché a loro parli con parabole?». Egli rispose loro: «Perché a voi è dato conoscere i misteri del regno dei cieli, ma a loro non è dato. Infatti a colui che ha, verrà dato e sarà nell’abbondanza; ma a colui che non ha, sarà tolto anche quello che ha. Per questo a loro parlo con parabole: perché guardando non vedono, udendo non ascoltano e non comprendono.   Così si compie per loro la profezia di Isaìa che dice: “Udrete, sì, ma non comprenderete,  guarderete, sì, ma non vedrete. Perché il cuore di questo popolo è diventato insensibile, sono diventati duri di orecchi e hanno chiuso gli occhi, perché non vedano con gli occhi, non ascoltino con gli orecchi e non comprendano con il cuore e non si convertano e io li guarisca!”. Beati invece i vostri occhi perché vedono e i vostri orecchi perché ascoltano. In verità io vi dico: molti profeti e molti giusti hanno desiderato vedere ciò che voi guardate, ma non lo videro, e ascoltare ciò che voi ascoltate, ma non lo ascoltarono! Voi dunque ascoltate la parabola del seminatore. Ogni volta che uno ascolta la parola del Regno e non la comprende, viene il Maligno e ruba ciò che è stato seminato nel suo cuore: questo è il seme seminato lungo la strada. Quello che è stato seminato sul terreno sassoso è colui che ascolta la Parola e l’accoglie subito con gioia, ma non ha in sé radici ed è incostante, sicché, appena giunge una tribolazione o una persecuzione a causa della Parola, egli subito viene meno. Quello seminato tra i rovi è colui che ascolta la Parola, ma la preoccupazione del mondo e la seduzione della ricchezza soffocano la Parola ed essa non dà frutto. Quello seminato sul terreno buono è colui che ascolta la Parola e la comprende; questi dà frutto e produce il cento, il sessanta, il trenta per uno».

 

 

Il seminatore,   è Gesù   .    E il seme,  è la Parola di Dio.                                                            E tu,  che sei ?

 

Sei strada.        Manco ti tocca  il seme.     Ti passa sopra. Ti sfiora sopra. Ti scorre sopra. Ti rotola sopra.   E scivola via.   E anche tu.

Sei sasso.       Non lo fai passare  il seme.    E lo scansi. Lo schivi. Lo schiacci.  Lo pesti. E anche tu.

Sei rovo.          E lo circondi con le tue spine,   il seme.      Lo trapassi,  con le tue spine.    Lo trafiggi  con le tue spine.    E soffoca tra le spine.   E anche tu.

E lasci che gli uccelli se lo portano via,  il seme.    Che se lo rubano. Che se lo mangiano. Che lo fanno sparire.    Che non c’è più.     E neppure tu.

 

Sei terra.

Eri  strada.       Battuta, indurita,  calpestata.     Ma il seme,   lo hai messo nelle tue crepe.   E nelle tue ferite.     E sei diventato terra.

Eri  sasso.        Levigato. Roso. Corroso. Consumato. Impietrito.   Ma il seme lo hai messo nelle tue paure.      E sei diventato terra.

Eri  rovo.          Ma nelle tue spine,  ci hai messo le spine di Gesù.    E non sono più spine. E sono diventate rose.     E sei diventato terra.

 

Sei  terra.     La terra buona   è il tuo cuore.    Hai preparato le zolle.  Hai tracciato i solchi. Le zolle sono  le tue braccia aperte a Gesù.      È lui la Parola di Dio,  che viene dal  cielo.   È lui  la Parola del Padre.     È lui, il seme.   È lui, la radice.   È lui, la linfa.    Del tuo cuore.

 

E fai  i frutti di Dio.    Le opere  del Padre.                                                                                Quelle  che  lui sa.    Quelle che  lui vuole.

E tutto,   grida  e canta  di gioia.

 

 

 

 

 

 

 

Venite a me

In quel tempo Gesù disse:  «Ti rendo lode, Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e ai dotti e le hai rivelate ai piccoli. Sì, o Padre, perché così hai deciso nella tua benevolenza. Tutto è stato dato a me dal Padre mio; nessuno conosce il Figlio se non il Padre, e nessuno conosce il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio vorrà rivelarlo. Venite a me, voi tutti che siete stanchi e oppressi, e io vi darò ristoro. Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per la vostra vita. Il mio giogo infatti è dolce e il mio peso leggero».

 

 

Gesù disse:    “Venite a me,  voi tutti che siete stanchi e oppressi,   e io vi darò ristoro.”       E tu,  quando sei stanco e oppresso,  vai da lui ?

 

Non ci vai.

Non sei stanco.     Li stanchi tu,   gli altri.   Li sfinisci tu, gli altri.      Ma sei più stanco tu,     di loro.

Non sei oppresso.      Li opprimi tu,  gli altri.    Li schiacci tu,  gli altri.     Con il tuo peso.  Sotto il tuo peso.

Non lo prendi, il suo giogo.      Lo vuoi fare tu, il giogo.    Lo metti tu,  il tuo giogo sugli altri.   E li porti dove vuoi tu.  Non dove vuole Dio.       E ti sei oppresso,  da solo..

 

Ci vai.

Gesù,    è  le braccia di Dio.    Che aspettano  te.

Venite a me.         E ti lanci.  E ti getti.   E ti fiondi.    Dentro le sue braccia.                           Venite a me.         E non sei più stanco.  E non sei più a terra.   E ti rialzi  da terra.              Venite a me.         E non sei più oppresso.   Il peso che ti schiacciava,   si è levato.               Lo ha preso lui.

Prendete il mio gioco su di voi.       La sua croce  è il giogo.   Le sue braccia sulla croce.  Sono come un giogo.   E ti lasci portare.   E ti lasci condurre.   E ti lasci fare                       E imparate da me.        E diventi come lui.     Umile di cuore, come lui.    Mite, come lui.     Vero,  come lui.

Il mio giogo è dolce e il mio peso è leggero.    E diventa tutto leggero. Tutto diventa facile. Tutto diventa dolce.    Perché c’è  lui.

E troverete ristoro.        E prendi  respiro.  E prendi  fiato.   E prendi forza.                             Io vi darò ristoro.           È lui il tuo ristoro.    È lui la tua forza.    È lui,  il tuo respiro.  È lui il tuo palpito.  È lui  il tuo battito.    È  il tuo Signore.

 

Ti rendo lode Padre.    E non sei,  solo tra le sue braccia.   Ma anche tra quelle  del Padre. Ma anche in quelle  del Padre.

Con quelle braccia,   vai verso l’altro.                                                                              Quelle braccia,   tendi verso l’altro.                                                                                         E non è più stanco,  e non è più  oppresso.

 

 

 

 

 

 

Degno di me

In quel tempo, Gesù disse ai suoi apostoli:  «Chi ama padre o madre più di me non è degno di me; chi ama figlio o figlia più di me non è degno di me; chi non prende la propria croce e non mi segue, non è degno di me.  Chi avrà tenuto per sé la propria vita, la perderà, e chi avrà perduto la propria vita per causa mia, la troverà. Chi accoglie voi accoglie me, e chi accoglie me accoglie colui che mi ha mandato.  Chi accoglie un profeta perché è un profeta, avrà la ricompensa del profeta, e chi accoglie un giusto perché è un giusto, avrà la ricompensa del giusto.  Chi avrà dato da bere anche un solo bicchiere d’acqua fresca a uno di questi piccoli perché è un discepolo, in verità io vi dico: non perderà la sua ricompensa».

 

 

Gesù disse:   “ Chi ama padre o madre più di me  non è degno di me;   chi ama figlio  o figlia più di me  non è degno di me.”                                                                                       E per te,   cosa conta di più ?     

 

Tu.

Conti  tu.    Solo tu. Sempre tu.  Più di Dio.      Prima tu.  Non Dio.

Conta altro.    Ti ha preso altro. Ti sei perso in altro.   Ti porta altro.   Non Dio.

E gli hai dato Dio. Gli hai venduto Dio. Gli hai ceduto Dio. E la tua anima.   E l’hai perduta.

 

Dio.

Conta Dio.   Più di te.                                                                                                         Prima Dio.   Prima di te.                                                                                                    Davanti Dio.  Davanti a te.

Chi ama padre o madre più di me.   Ami Dio,  più di loro.   Li ha fatti lui. Ti ha fatto lui.        Chi ama figlio o figlia più di me.        Te li ha dati lui.     Non sono tuoi. Sono suoi.

 

Chi non prende la propria croce  e non mi segue,    non è degno di me.                          Non la vuoi prendere.    Non la vuoi portare, la croce   . Ma non la compi  la tua missione.    E allora fai,  come Gesù.    Te la carichi sulle spalle,  e la porti fino in fondo.   Perché ami    il Padre  fino in fondo.     E sei come il Figlio.   E sei degno di lui.

Chi avrà tenuto per sé la propria vita,  la perderà.                                                                   Hai paura di perdere la tua vita.   E scappi e fuggi.  E te ne vai.    E ti sei perduto.

Chi avrà perduto la propria vita per causa mia,   la troverà.                                                   E incontri Gesù che va per la strada giusta.   Eallora lo sai dove andare. Dietro a lui.            E ti giri. e  torni indietro.   E lo segui.    E la ritrovi  la tua vita.

 

Chi accoglie voi   accoglie me,    e chi accoglie me  accoglie  Colui che mi ha mandato. Quelli che ti incontrano,   lo sentono che in te  c’è Dio.    E non accolgono solo te,   ma      il Figlio di Dio,  che è in te.    E il Padre che è  in lui.

E come te,   ricevono                                                                                                                la  ricompensa di Dio.

 

 

 

 

 

 

Non abbiate paura

In quel tempo, Gesù disse ai suoi apostoli:  «Non abbiate paura degli uomini, poiché nulla vi è di nascosto che non sarà svelato né di segreto che non sarà conosciuto. Quello che io vi dico nelle tenebre voi ditelo nella luce, e quello che ascoltate all’orecchio voi annunciatelo dalle terrazze.  E non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo, ma non hanno potere di uccidere l’anima; abbiate paura piuttosto di colui che ha il potere di far perire nella Geènna e l’anima e il corpo.  Due passeri non si vendono forse per un soldo? Eppure nemmeno uno di essi cadrà a terra senza il volere del Padre vostro. Perfino i capelli del vostro capo sono tutti contati. Non abbiate dunque paura: voi valete più di molti passeri! Perciò chiunque mi riconoscerà davanti agli uomini, anch’io lo riconoscerò davanti al Padre mio che è nei cieli; chi invece mi rinnegherà davanti agli uomini, anch’io lo rinnegherò davanti al Padre mio che è nei cieli».

 

 

Gesù disse ai suoi apostoli:  ” Non abbiate paura degli uomini, poiché nulla vi è di nascosto che non sarà svelato  né di segreto che non sarà conosciuto.”  “E non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo,  ma non hanno potere di uccidere l’anima.”                               E tu,   hai paura ?

 

Hai paura..

Hai paura.         Di quello che tramano di nascosto.   Di quello che fanno in segreto.           Ma  non ce la fanno.   Verrà tutto scoperto.    Ci pensa Dio.

Hai paura.         Che ti fanno cadere.   Che ti fanno crollare.   Che ti fanno  del male.           Ma non ce la fanno.   Ci pensa Dio.

Hanno paura.     E negano  Dio. E rinnegano anche Dio.     Per fare quello che gli pare.   Ma non ce la fanno.  Perché è Dio.      E hanno perso la loro anima.   Ma non lo sanno.

 

Non hai paura.

Hai Dio.       Ci pensa lui,  a te.   Più di te.                                                                               Hai Dio.       Ci tiene lui,   a te.    Più di te.

Ma ti dà,  di più.   Molto di più .  Ti dà  il Figlio.                                                                                                                                                                                                                            Nel Figlio.        Non cadi.    Ti tiene  lui.                                                                                    Nel Figlio.        Non crolli.   Ti sostiene  lui.                                                                             Nel Figlio.        Non rimani  a terra.  Ti rialza  lui.

Nel Figlio.        E rialza   la tua anima.                                                                                     Nel Figlio.        Ripara   la tua anima.                                                                                   Nel Figlio.        Salva  la tua anima.                                                                                       Nel Figlio.        Solo lui,  lo può fare.                                                                                      Nel Figlio.        Perchè è  Dio.

 

Se riconosci il Figlio,  davanti agli uomini.      Il Figlio riconosce te.  Davanti al Padre.         Se sei  nel  Figlio.       Il Padre riconosce,  in te.     Il Figlio                                                   Se sei  nel Figlio.        Il Padre abbraccia,  in te.     Il Figlio.

 

Nel cuore  del Padre.                                                                                                                Non hai  più paura.

 

 

 

 

 

 

Corpus Domini

In quel tempo, Gesù disse alla folla:  «Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo». Allora i Giudei si misero a discutere aspramente fra loro: «Come può costui darci la sua carne da mangiare?».  Gesù disse loro: «In verità, in verità io vi dico: se non mangiate la carne del Figlio dell’uomo e non bevete il suo sangue, non avete in voi la vita. Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha la vita eterna e io lo risusciterò nell’ultimo giorno. Perché la mia carne è vero cibo e il mio sangue vera bevanda.  Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue rimane in me e io in lui. Come il Padre, che ha la vita, ha mandato me e io vivo per il Padre, così anche colui che mangia me vivrà per me. Questo è il pane disceso dal cielo; non è come quello che mangiarono i padri e morirono. Chi mangia questo pane vivrà in eterno».

 

 

Io sono il pane vivo disceso dal cielo.   Se uno mangia di questo pane,   vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo. Allora i  Giudei si misero a discutere tra di loro: “Come può costui darci la sua carne da mangiare?”                                             E per te,   lo può fare ?

 

Non può.

Ti dicono  che non può.      Che non ci sta.   Che non può essere. Che non può esistere. Solo tu puoi.    Ma non sei Dio.

Ti dicono che non è.     Che è per finta. E che ci sta, se tu lo vuoi. Se tu lo sai. Se tu ci sei.  Ma non lo fai tu Dio.

Hanno colpito la parte viva e vera di Gesù. Ancora.   Hanno colpito al cuore Gesù. Ancora.  Hanno trafitto il cuore di Gesù. Ancora.      Non lo fare anche tu.

 

Può.

Certo che lo può fare.   È il Figlio di Dio.  È Dio.      Dio lo può fare.

E cambia   la sostanza.    E lascia l’apparenza.                                                                     E il pane   non è più pane.    È la sua carne.     E sembra pane.                                             E il vino    non è più vino.      È il suo sangue.   E sembra vino.

Ma come fa?      Con la Messa.  Nella Messa.

Nella consacrazione.   C’è Gesù sulla croce.  Ancora.                                                           E su quella croce,     c’è il suo corpo.    Offerto per noi.   Ancora.                                           E su quella croce,     c’è il suo sangue.    Versato per noi.   Ancora.                                 Ecco che cosa scende,   in quell’ostia.   Ora.                                                                       Ecco cosa scende,   in quel calice.   Ora.

È la carne e il sangue,   che sgorga dal suo cuore.    Ora.                                                      È il suo cuore,   che sgorga dal suo cuore.   Ora.                                                                 È il suo cuore.     Che scende dal cielo.   Ora.                                                                       E nel suo cuore,   tutta  la Trinità.    Che scende dal cielo.  Ora.

 

Se mangi  questo pane.                                                                                                        Ecco  cosa viene in te.   Ora.

Se mangi  questo pane.                                                                                                            Il suo corpo e il suo sangue.    Ti fa sacro.    Il suo sacri-ficio,  ti fa sacro.

Se mangi questo pane.                                                                                                           La sua Anima  e la sua Divinità.     Ti fa divino.

Se mangi questo  pane.                                                                                                            Ti da la vita eterna.    E fa risorgere  anche il tuo corpo.   Alla fine dei tempi.

 

Ecco   l’ Eucaristia.

 

 

 

 

 

 

La Trinità

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In quel tempo, disse Gesù a Nicodèmo:  «Dio ha tanto amato il mondo da dare il Figlio, unigenito, perché chiunque crede in lui non vada perduto, ma abbia la vita eterna.  Dio, infatti, non ha mandato il Figlio nel mondo per condannare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui.  Chi crede in lui non è condannato; ma chi non crede è già stato condannato, perché non ha creduto nel nome dell’unigenito Figlio di Dio».

 

 

Dio ha tanto amato il mondo da dare il Figlio,  unigenito,   perché chiunque crede in lui   non vada perduto.               E per te,    Dio  è Trinità ?       Padre,  Figlio  e Spirito Santo.  Tre Persone,   un solo Dio.

 

Non ci sta.

3 Persone  1 solo Dio.      Per te,   il 3  in 1,  non ci sta.    Non ci entra.  Non ce la fa.         Ma Dio  ce la fa.    E in Dio,  ci sta.

Nessuno l’ha pensata.     Il Figlio di Dio  l’ha rivelata.    Solo Dio lo sa.  Che è Trinità.

Nessun altro Dio ce l’ha,  la Trinità.   Nessuno  è Trinità.       Solo Dio è,   Trinità.

 

È  Trinità.

Lo Spirito Santo  è sceso.     E ti ha portato  Gesù risorto.        Ora tocca a te,  salire.    Ora sei tu  che sali.      In Dio.  Nella Trinità.

Il Padre   ti ha dato il Figlio.

Se sta in lui.               Non vai  perduto.                                                                                     Se sta in lui.              Ti salva.                                                                                                Se sta in lui.              Ti trasforma.                                                                                          Se stai in lui.             Ti fa  come lui.                                                                                         Se stai in lui.             Ti fa  divino.                                                                                              Se sta in lui.              Ti fa  di Dio.                                                                                          Se sta in lui.              Sali  con lui,  al Padre.

Se sta con lui.           Entri con lui,   nel Padre.                                                                         Se stai con lui.          Entri con lui,  nella Trinità.                                                                        Se stai con lui.          La senti  la Trinità.                                                                                 Se stai con lui.          La vivi  la Trinità.                                                                                      Se stai con lui.          Lo sai  che è una.

Se stai con lui.          Sei unito   alla Trinità.                                                                               Se stai con lui.          Sei in comunione   con la Trinità.

 

Se stai  con lui.                                                                                                                         Sei   in Paradiso.