L’ Ascensione

In quel tempo, [Gesù apparve agli Undici] e disse loro: «Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo a ogni creatura. Chi crederà e sarà battezzato sarà salvato, ma chi non crederà sarà condannato. Questi saranno i segni che accompagneranno quelli che credono: nel mio nome scacceranno demòni, parleranno lingue nuove, prenderanno in mano serpenti e, se berranno qualche veleno, non recherà loro danno; imporranno le mani ai malati e questi guariranno». Il Signore Gesù, dopo aver parlato con loro, fu elevato in cielo e sedette alla destra di Dio.  Allora essi partirono e predicarono dappertutto, mentre il Signore agiva insieme con loro e confermava la Parola con i segni che la accompagnavano.

 

 

 

Gesù,  ascende al cielo.      Ecco il segno,  che è Dio.

E tu, ci credi?

 

Non ci credi.

Non ci vuoi credere      Non ci puoi credere.     Perché non lo vuoi  Gesù,  come Dio.      Per te,  non è Dio.     È come te.  Pari a te.  Meno di te.     E tu,  sei più di lui,  sopra a lui.     Sei tu,   che ascendi al cielo,   al posto suo.

 

Ci credi.

Per te,   è Dio.     E un Dio può salire al cielo.  Da dove è venuto.   Può ritornare al cielo.. Perché è del cielo.    Solo un Dio lo può fare.

Ci credi, in lui.     E Gesù risorto,  rimane in te.   È lui che ti dà la forza.   È lui che ti porta,    ad annunciarlo.

Nel nome di Gesù,    il male non fa più male.    Perché c’è Gesù.                                      Nel nome di Gesù,    il male non fa più morire.  Perché c’è Gesù.                                           In te,  e  in chi lo porti.

Ci credi.    E ci sono i fatti.

Ci credi.   E  ci sono i segni.

E  diventi segno,  anche tu.

Nel nome di Gesù.

 

 

 

 

 

 

Perché Gesù è morto, sulla croce?

1306530944


 

 

 

 

 

 

Perché  la croce?

La sua croce è diventata il ponte tra noi e Dio.  È quella che ci unisce a Dio.

Solo un Figlio di Dio lo poteva fare.  Solo un Figlio di Dio, nel quale il divino e l’umano si incontrano, nel quale il divino e l’umano sono presenti.

In  lui si uniscono ,  si riunificano tutte le cose.  Tutte le cose si riconciliano in lui.  In lui sono state generate e in vista di lui sono state pensate e in  lui si  sono compiute.

La sua croce   è il centro,   il punto   in cui l’orizzontale si incontra con il verticale.   La terra con il cielo. Il visibile con l’invisibile.

Il centro dell’universo.  Il mistero dell’universo. La santificazione dell’universo.

 

Con la sua croce e sulla sua croce, ha preso su di sé  tutto il male,  tutto il nostro male,  la morte, tutta la nostra morte,  per farla morire con lui.   È dovuto morire,  per farla morire.

È dovuto morire,  per risorgere.  Per trionfare sulla morte. Per vincere la morte, per noi, con noi e in noi.   (“la morte è stata ingoiata, per la vittoria”. – 1 Cor. 15,54- ).

 

Per mostrarci il suo corpo risorto santificato.

Per fare risorgere anche noi nel suo corpo glorificato.

E riportarci a casa. Alla casa del Padre.