Epifania

Nato Gesù a Betlemme di Giudea, al tempo del re Erode, ecco, alcuni Magi vennero da oriente a Gerusalemme e dicevano: «Dov’è colui che è nato, il re dei Giudei? Abbiamo visto spuntare la sua stella e siamo venuti ad adorarlo». All’udire questo, il re Erode restò turbato e con lui tutta Gerusalemme. Riuniti tutti i capi dei sacerdoti e gli scribi del popolo, si informava da loro sul luogo in cui doveva nascere il Cristo. Gli risposero: «A Betlemme di Giudea, perché così è scritto per mezzo del profeta: “E tu, Betlemme, terra di Giuda, non sei davvero l’ultima delle città principali di Giuda: da te infatti uscirà un capo che sarà il pastore del mio popolo, Israele”». Allora Erode, chiamati segretamente i Magi, si fece dire da loro con esattezza il tempo in cui era apparsa la stella e li inviò a Betlemme dicendo: «Andate e informatevi accuratamente sul bambino e, quando l’avrete trovato, fatemelo sapere, perché anch’io venga ad adorarlo». Udito il re, essi partirono. Ed ecco, la stella, che avevano visto spuntare, li precedeva, finché giunse e si fermò sopra il luogo dove si trovava il bambino. Al vedere la stella, provarono una gioia grandissima. Entrati nella casa, videro il bambino con Maria sua madre, si prostrarono e lo adorarono. Poi aprirono i loro scrigni e gli offrirono in dono oro, incenso e mirra. Avvertiti in sogno di non tornare da Erode, per un’altra strada fecero ritorno al loro paese.

 

 

 

Il regalo più bello,   te lo ha fatto Dio.      Ti ha dato  se stesso.                                               E tu,   che fai?

 

Non lo vedi.

Non lo vedi proprio.    Non ci pensi proprio. Non lo pensi proprio.   Accecato dalle tue luci. Abbagliato dalle tue luci.

Non lo vuoi.     Non ci deve stare.   Non deve disturbare.     Non deve oscurare. La tua luce.

 

Lo vedi.

Spegni le tue luci.     E la vedi  la sua luce.  E la segui, la sua.    E ti porta,  la sua.  Da lui.

E  gli dai,   te stesso.

Il tuo oro.    Il tuo tesoro.  Quello che conta. Quello che vale.   Perché è lui,  il tuo tesoro.     Il tuo Re.   L’unico,  vero  Re.

Il tuo incenso.   Quello che adori. Quello che veneri.   Perché è lui, il tuo Signore. Il tuo Dio. L’unico,  vero Dio.

La tua mirra.   Il tuo dolore. La tua croce. La tua resurrezione. Perché è lui, il tuo Salvatore. L’unico,  vero Salvatore.

E rimani  lì.     Inginocchiato,  prostrato,  ai suoi piedi.   Toccato dalla sua luce.  Riempito della sua gloria.

 

E  ti brilla,    negli occhi.                                                                                                           E ti risplende,  nel cuore.

E la vedono   anche gli altri.                                                                                                      La sua stella.

 

 

 

 

 

 

Epifania

gentile_da_fabriano_adorazione_dei_magi_2 Nato Gesù a Betlemme di Giudea, al tempo del re Erode, ecco, alcuni Magi vennero da oriente a Gerusalemme e dicevano: «Dov’è colui che è nato, il re dei Giudei? Abbiamo visto spuntare la sua stella e siamo venuti ad adorarlo». All’udire questo, il re Erode restò turbato e con lui tutta Gerusalemme. Riuniti tutti i capi dei sacerdoti e gli scribi del popolo, si informava da loro sul luogo in cui doveva nascere il Cristo. Gli risposero: «A Betlemme di Giudea, perché così è scritto per mezzo del profeta: “E tu, Betlemme, terra di Giuda, non sei davvero l’ultima delle città principali di Giuda: da te infatti uscirà un capo che sarà il pastore del mio popolo, Israele”». Allora Erode, chiamati segretamente i Magi, si fece dire da loro con esattezza il tempo in cui era apparsa la stella e li inviò a Betlemme dicendo: «Andate e informatevi accuratamente sul bambino e, quando l’avrete trovato, fatemelo sapere, perché anch’io venga ad adorarlo». Udito il re, essi partirono. Ed ecco, la stella, che avevano visto spuntare, li precedeva, finché giunse e si fermò sopra il luogo dove si trovava il bambino. Al vedere la stella, provarono una gioia grandissima. Entrati nella casa, videro il bambino con Maria sua madre, si prostrarono e lo adorarono. Poi aprirono i loro scrigni e gli offrirono in dono oro, incenso e mirra. Avvertiti in sogno di non tornare da Erode, per un’altra strada fecero ritorno al loro paese.

 

 

 

E tu,     chi adori?

 

Le tue idee.  Non ti sposti, se non sono le tue.    Il potere. Non ti sposti, se non ti conviene.   Te.   Non ti riguarda, se non sei tu.

 

 

Dio.

La gioia,  ti fa inginocchiare.   Ti fa prostrare.    Ti fa adorare  il Figlio di Dio.

 

Oro.     Aprì il tuo scrigno.     La tua parte più preziosa.    Lui è il tuo tesoro.   Perché è lui,   il Re dei Re.

Incenso.      Apri il tuo cuore.    Apri le tue piaghe più nascoste.   Solo lui le può capire.   Perché è lui,   il tuo Signore.

Mirra.       Aprì il tuo dolore.   Le ferite più profonde.    Solo lui le può guarire.   Perché è lui,  il tuo Salvatore.

 

E rimani lì,

ai suoi piedi.

 

 

 

 

 

 

Epifania

fabriano-adoration-magi

 Nato Gesù a Betlemme di Giudea, al tempo del re Erode, ecco, alcuni Magi vennero da oriente a Gerusalemme e dicevano: «Dov’è colui che è nato, il re dei Giudei? Abbiamo visto spuntare la sua stella e siamo venuti ad adorarlo». All’udire questo, il re Erode restò turbato e con lui tutta Gerusalemme. Riuniti tutti i capi dei sacerdoti e gli scribi del popolo, si informava da loro sul luogo in cui doveva nascere il Cristo. Gli risposero: «A Betlemme di Giudea, perché così è scritto per mezzo del profeta: “E tu, Betlemme, terra di Giuda, non sei davvero l’ultima delle città principali di Giuda: da te infatti uscirà un capo che sarà il pastore del mio popolo, Israele”». Allora Erode, chiamati segretamente i Magi, si fece dire da loro con esattezza il tempo in cui era apparsa la stella e li inviò a Betlemme dicendo: «Andate e informatevi accuratamente sul bambino e, quando l’avrete trovato, fatemelo sapere, perché anch’io venga ad adorarlo». Udito il re, essi partirono. Ed ecco, la stella, che avevano visto spuntare, li precedeva, finché giunse e si fermò sopra il luogo dove si trovava il bambino. Al vedere la stella, provarono una gioia grandissima. Entrati nella casa, videro il bambino con Maria sua madre, si prostrarono e lo adorarono. Poi aprirono i loro scrigni e gli offrirono in dono oro, incenso e mirra. Avvertiti in sogno di non tornare da Erode, per un’altra strada fecero ritorno al loro paese.

 

 

 

Qual è la tua stella?    Chi è la tua stella?    Chi ti guida?   Chi ti illumina?   Chi segui?        A chi  rivolgi lo sguardo?

È una cosa,  una persona,  un’idea.   L’hai messa troppo in alto.    Ed è caduta,   si è spenta,  si è persa.    O   è una stella finta,  falsa,  vuota.   Sintetica,  artificiale,  virtuale.   Fredda,  programmata.  Che ti prende,  ti acceca,  ti abbaglia.   E non ti fa più vedere la luce vera.

Come Erode,    non la vuoi la stella   sopra  a te.   Più alta di te.   Più splendente di te .   Vuoi essere tu,  l’unica stella.   Come Erode,  sei  nell’ombra.   Non sei luce,  non sei stella,  non sei cielo.   Non sei Dio.

 

Come i Magi,   guarda in alto.  L’unica stella è in alto,  è del cielo,  è di Dio.  È la sua stella. È il suo segno.   È il suo dito.   È la sua presenza.   Solo lui,  ti può portare dal Figlio di Dio.

È lui  che aspetti.  È lui  che sogni.  È lui  che cerchi.  È lui  che ti fa muovere.   E ti porta. E tu ti fai portare.  Dovunque, comunque.  Oltre tutto,  nonostante tutto.  Perché lui,  è il Tutto.

Quella luce  non ti porta in una reggia.   In un posto ricco,  prezioso,  sontuoso.  Ti porta  in una mangiatoia,   nella semplicità,  nella povertà,  nell’umiltà.   Che è la casa di Dio.   È  il posto di Dio.    È lì che trovi  il Figlio di Dio.  La famiglia di Dio.

Ecco  il regalo di Dio.  Se stesso. Per te.   È lui  il regalo vivente.  Dio in persona.  Per te.   E tu lo ricambi.

Come i Magi,  gli doni  il tuo oro.  I tuoi gioielli.  Perché è lui,  il tuo tesoro.  E’ il Re dei Re.

Gli doni   il tuo incenso.  Il tuo cuore e la tua anima.  Perché è lui,  il tuo Signore.  E’ l’unico Dio.

Gli doni  la tua mirra.  Il tuo dolore.  Perché lui lo porti con sé sulla croce e lo faccia diventare resurrezione.   Perché  è lui   la Vita eterna.

E rimani  lì,  ai suoi piedi,  incantato,  immerso  in quella luce.  Con gli occhi e il cuore pieni, ripieni di Dio.   Ripieni della luce di Dio.   Splendenti  della luce di Dio   e della gioia di Dio.

Al ritorno, porta quella luce ai tuoi fratelli.

Guardali con quella luce.

Diventa  un raggio di luce.

 

 

 

 

 

 

La sacra famiglia

I Magi erano appena partiti, quando un angelo del Signore apparve in sogno a Giuseppe e gli disse: «Àlzati, prendi con te il bambino e sua madre, fuggi in Egitto e resta là finché non ti avvertirò: Erode infatti vuole cercare il bambino per ucciderlo». Egli si alzò, nella notte, prese il bambino e sua madre e si rifugiò in Egitto, dove rimase fino alla morte di Erode, perché si compisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta: «Dall’Egitto ho chiamato mio figlio». Morto Erode, ecco, un angelo del Signore apparve in sogno a Giuseppe in Egitto e gli disse: «Àlzati, prendi con te il bambino e sua madre e va’ nella terra d’Israele; sono morti infatti quelli che cercavano di uccidere il bambino».  Egli si alzò, prese il bambino e sua madre ed entrò nella terra d’Israele. Ma, quando venne a sapere che nella Giudea regnava Archelao al posto di suo padre Erode, ebbe paura di andarvi. Avvertito poi in sogno, si ritirò nella regione della Galilea e andò ad abitare in una città chiamata Nàzaret, perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo dei profeti: «Sarà chiamato Nazareno».

 

 

Erode è tornato.  Erode uccide ancora.  Ci sono tanti modi per uccidere i bambini.  Abortirli, prima ancora di nascere, per eliminare un ostacolo.  Ucciderli, per prelevare gli organi.  Rapirli, per venderli  al miglior offerente.  Usarli come schiavi,  per costruire mattoni.  Usarli come soldati,  per uccidere altri bambini.  Usarli, abusarli,  confonderli,  plagiarli.

Programmarli,  riempirli di cose inutili, vane, vuote.  Riempirli fino all’orlo,  per non farci entrare altro. Spaventarli con la violenza,  terrorizzarli con il sadismo.  Violentarli con la sessualità imposta, sfrenata, perversa.

Come Erode,  chi scatena il male e la violenza contro i bambini, vuole uccidere Dio, il Figlio di Dio.  Uccide Dio nel profondo dell’animo, nelle sue radici, nella sua carne, nel suo futuro.

Come Giuseppe e Maria,  proteggi i tuoi figli dal male e dalla violenza.  Portali lontano, difendili, riparali.  Perché il male e la violenza,  ripetuta, continua, esibita, esaltata, glorificata,  cancella Dio nei loro cuori.  Prende il posto di Dio, nei loro cuori.  Brucia i loro cuori.  Li fa diventare insensibili,  indifferenti, passivi, amorfi. Senza vita. Morti.

Non ti stupire poi, se li vedi impassibili, inerti,  svuotati.  Sono diventati dipendenti, schiavi.  E solo Gesù bambino li può liberare da quelle catene, da quell’oscurità, da quelle tenebre, così spesse, intense, profonde.

Prendi  il tuo bambino e portalo da Gesù e mettilo tra Maria e Giuseppe e lascia che sia riscaldato, rivestito, custodito da loro.  Lascia che sia liberato, risanato, salvato, dal Figlio di Dio.

Metti la tua parte bambina, tra Maria e Giuseppe.  Falli diventare i tuoi genitori e Gesù tuo fratello.  Falli diventare la tua famiglia.  Metti la tua parte bambina in loro e con loro e falla difendere, proteggere, tutelare, custodire, benedire e santificare.

Come Maria e Giuseppe, al ritorno a Nazareth, falla vivere insieme a loro, nella semplicità, nell’umiltà, nella piccolezza, nella tenerezza, nell’amore di Dio.

Come Maria e Giuseppe, entra a far parte della famiglia di Dio,  con Dio Padre e  tutti i suoi figli.