La sacra famiglia

I Magi erano appena partiti, quando un angelo del Signore apparve in sogno a Giuseppe e gli disse: «Àlzati, prendi con te il bambino e sua madre, fuggi in Egitto e resta là finché non ti avvertirò: Erode infatti vuole cercare il bambino per ucciderlo». Egli si alzò, nella notte, prese il bambino e sua madre e si rifugiò in Egitto, dove rimase fino alla morte di Erode, perché si compisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta: «Dall’Egitto ho chiamato mio figlio». Morto Erode, ecco, un angelo del Signore apparve in sogno a Giuseppe in Egitto e gli disse: «Àlzati, prendi con te il bambino e sua madre e va’ nella terra d’Israele; sono morti infatti quelli che cercavano di uccidere il bambino».  Egli si alzò, prese il bambino e sua madre ed entrò nella terra d’Israele. Ma, quando venne a sapere che nella Giudea regnava Archelao al posto di suo padre Erode, ebbe paura di andarvi. Avvertito poi in sogno, si ritirò nella regione della Galilea e andò ad abitare in una città chiamata Nàzaret, perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo dei profeti: «Sarà chiamato Nazareno».

 

 

Erode è tornato.  Erode uccide ancora.  Ci sono tanti modi per uccidere i bambini.  Abortirli, prima ancora di nascere, per eliminare un ostacolo.  Ucciderli, per prelevare gli organi.  Rapirli, per venderli  al miglior offerente.  Usarli come schiavi,  per costruire mattoni.  Usarli come soldati,  per uccidere altri bambini.  Usarli, abusarli,  confonderli,  plagiarli.

Programmarli,  riempirli di cose inutili, vane, vuote.  Riempirli fino all’orlo,  per non farci entrare altro. Spaventarli con la violenza,  terrorizzarli con il sadismo.  Violentarli con la sessualità imposta, sfrenata, perversa.

Come Erode,  chi scatena il male e la violenza contro i bambini, vuole uccidere Dio, il Figlio di Dio.  Uccide Dio nel profondo dell’animo, nelle sue radici, nella sua carne, nel suo futuro.

Come Giuseppe e Maria,  proteggi i tuoi figli dal male e dalla violenza.  Portali lontano, difendili, riparali.  Perché il male e la violenza,  ripetuta, continua, esibita, esaltata, glorificata,  cancella Dio nei loro cuori.  Prende il posto di Dio, nei loro cuori.  Brucia i loro cuori.  Li fa diventare insensibili,  indifferenti, passivi, amorfi. Senza vita. Morti.

Non ti stupire poi, se li vedi impassibili, inerti,  svuotati.  Sono diventati dipendenti, schiavi.  E solo Gesù bambino li può liberare da quelle catene, da quell’oscurità, da quelle tenebre, così spesse, intense, profonde.

Prendi  il tuo bambino e portalo da Gesù e mettilo tra Maria e Giuseppe e lascia che sia riscaldato, rivestito, custodito da loro.  Lascia che sia liberato, risanato, salvato, dal Figlio di Dio.

Metti la tua parte bambina, tra Maria e Giuseppe.  Falli diventare i tuoi genitori e Gesù tuo fratello.  Falli diventare la tua famiglia.  Metti la tua parte bambina in loro e con loro e falla difendere, proteggere, tutelare, custodire, benedire e santificare.

Come Maria e Giuseppe, al ritorno a Nazareth, falla vivere insieme a loro, nella semplicità, nell’umiltà, nella piccolezza, nella tenerezza, nell’amore di Dio.

Come Maria e Giuseppe, entra a far parte della famiglia di Dio,  con Dio Padre e  tutti i suoi figli.

 

 

 

 

 

Tu, dono di Dio

 

 

 

 

Zaccaria scrive: “ Il suo nome è Giovanni”, che significa: Dio dona.  Anche tu sei un dono di Dio. Già completo fin dall’inizio. Già amato fin dall’inizio. Già voluto fin dall’inizio.

“Sei tu che ha informato i miei reni e mi hai tessuto nel grembo di mia madre. Non ti erano nascoste le mie ossa, quando venivo formato nel segreto, ricamato nelle profondità della terra.” (Salmo 138)

Dio ti forma, Dio segue passo passo tutta la tua crescita, fin dall’inizio, prima dell’inizio della tua vita. Non cadere nel tranello di chi ti fa credere che esisti solo dopo il terzo mese di gravidanza. Non è vero!  Il limite del terzo mese non è stato studiato dal punto di vista del bambino, ma è stato studiato dal punto di vista della salute della madre. Non è pericoloso abortire prima del terzo mese, dopo si.

Gli scienziati sanno bene che tutto il futuro bambino  è già presente fin dall’inizio. Fin dall’inizio  è tanto completo che è addirittura autonomo. Si fa da solo, si organizza da solo, ha solo bisogno di essere alimentato. Come il seme. Il seme non è altra cosa dalla pianta, non è separato, non appartiene al genere minerale prima e dopo a quello vegetale. Il bambino non appartiene al regno vegetale e animale prima del terzo mese e il giorno dopo  del terzo mese al genere umano.

L’embrione non è una essenza che si trasforma nella sostanza. La sostanza è la stessa prima del terzo mese e dopo. Non è un essere informe, ha in sé tutte le forme future possibili. Ha in sé tutto il futuro bambino e uomo, tutte le sue caratteristiche fisiche e psichiche, tutte le sue fasi evolutive fino alla vecchiaia. Le fasi della crescita sono distinte, ma non possono essere separate nella sostanza. Non si può separare un embrione dal feto, o un neonato dal bambino che sarà, appartiene sempre a  quella persona. Anzi proprio la prima fase è la più completa perché in essa sono già presenti tutte le fasi future.

Farti credere che prima del terzo mese non esisti, per cui puoi esser abortito, è la più  grave menzogna e manipolazione, al servizio di una mentalità consumistica, che ha come Dio il denaro, il successo e il dominio sugli altri. Una mentalità che rifiuta il dono di Dio, che rifiuta Dio.

Lascia che questo dono entri dentro di te e compia il miracolo di  far crescere quella nuova vita che ha in sé la missione e l’incarico di preparare la strada a Dio e di realizzare il suo misterioso progetto di salvezza, anche per te.