Chi sei, tu?

Venne un uomo mandato da Dio: il suo nome era Giovanni. Egli venne come testimone per dare testimonianza alla luce, perché tutti credessero per mezzo di lui. Non era lui la luce, ma doveva dare testimonianza alla luce. Questa è la testimonianza di Giovanni, quando i Giudei gli inviarono da Gerusalemme sacerdoti e levìti a interrogarlo: «Tu, chi sei?». Egli confessò e non negò. Confessò: «Io non sono il Cristo». Allora gli chiesero: «Chi sei, dunque? Sei tu Elia?». «Non lo sono», disse. «Sei tu il profeta?». «No», rispose. Gli dissero allora: «Chi sei? Perché possiamo dare una risposta a coloro che ci hanno mandato. Che cosa dici di te stesso?». Rispose: «Io sono voce di uno che grida nel deserto: Rendete diritta la via del Signore, come disse il profeta Isaìa». Quelli che erano stati inviati venivano dai farisei. Essi lo interrogarono e gli dissero: «Perché dunque tu battezzi, se non sei il Cristo, né Elia, né il profeta?». Giovanni rispose loro: «Io battezzo nell’acqua. In mezzo a voi sta uno che voi non conoscete, colui che viene dopo di me: a lui io non sono degno di slegare il laccio del sandalo».  Questo avvenne in Betània, al di là del Giordano, dove Giovanni stava battezzando.

 

 

 

Chi sei,   tu?

 

Non sei tu,   quello che viene.       Non ti metti tu,  al posto di quello che viene.                 Non prendi tu il posto,  del Signore che viene.

 

Non sei tu,  la Parola.     Sei la voce,  che la annuncia.    Il grido che la fa vibrare.             Che la lancia.

Non sei tu,   la luce.       Sei   il candelabro che la porta.     Gesù è la luce vera.                     È lui,   che ti illumina.

Non sei tu,  la strada.         Sei il dito  che la indica.      È lì  che devi  andare.                        È lui   che devi cercare.     A lui  devi guardare.

Non sei tu,    il degno.       Solo lui,  è il Santo.     Solo lui,  ti fa degno.

 

Ecco chi è   Gesù.

Ecco chi sei,  tu.

 

 

 

 

 

 

Il battesimo del Signore

04sxpiave-003 - Copia - Copia

 

In quel tempo, Giovanni proclamava: «Viene dopo di me colui che è più forte di me: io non sono degno di chinarmi per slegare i lacci dei suoi sandali. Io vi ho battezzato con acqua, ma egli vi battezzerà in Spirito Santo». Ed ecco, in quei giorni, Gesù venne da Nàzaret di Galilea e fu battezzato nel Giordano da Giovanni. E, subito, uscendo dall’acqua, vide squarciarsi i cieli e lo Spirito discendere verso di lui come una colomba. E venne una voce dal cielo: «Tu sei il Figlio mio, l’amato: in te ho posto il mio compiacimento».

 

 

 

 

 

La cerchi  l’affermazione.   La conferma, il consenso.  L’approvazione,  il riconoscimento. La cerchi  nei punti,  nei voti,  nei numeri,  degli altri.    La  cerchi   anche finta,  vuota,  banale.    Per sapere  chi sei.

Chi sei.

Lo afferma , lo conferma,   Dio in persona.   Dio Padre  in persona.     Lui,  ti riconosce,     ti garantisce  davanti a tutti.   Ti identifica.   Ti autentifica.  Ti testimonia.

Nel tuo battesimo.  Come nel battesimo di Gesù.

Si squarciano i cieli,   si apre il paradiso   e viene il Padre.    Fa scendere su di te lo Spirito Santo.   Ti copre,  ti ricopre con lo Spirito Santo.   Ti riempie  di Spirito Santo.   E poi proclama: “ Questi  è mio figlio.  L’amato.   In lui  ho posto,  riposto il mio compiacimento”.

Ecco chi sei.   Sei  figlio di Dio.

Non hai  bisogno  del riconoscimento di nessuno, perché  Dio in persona, ti riconosce come   figlio suo.

Non hai bisogno  dell’approvazione di nessuno,  perché  Dio  in persona,  ti ama.  Sei  il suo eletto.

Non hai bisogno  del compiacimento di nessuno,  perché Dio in persona,  si compiace di te.  Hai in te,  il suo compiacimento.  La sua gioia.

 

Come Gesù,   se ti immergi  nella volontà del Padre,  e non nella tua.

Se  ti abbandoni alla sua volontà,  e non alla tua.

Se   fai la sua volontà,  e non la tua.

Se  compi   l’ opera  sua,   e non tua.

Allora si aprono i cieli   e discende  lo Spirito Santo,  sulla terra.

E  su di te.