La fine dei tempi

3

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:  «In quei giorni, dopo quella tribolazione, il sole si oscurerà, la luna non darà più la sua luce, le stelle cadranno dal cielo e le potenze che sono nei cieli saranno sconvolte. Allora vedranno il Figlio dell’uomo venire sulle nubi con grande potenza e gloria. Egli manderà gli angeli e radunerà i suoi eletti dai quattro venti, dall’estremità della terra fino all’estremità del cielo. Dalla pianta di fico imparate la parabola: quando ormai il suo ramo diventa tenero e spuntano le foglie, sapete che l’estate è vicina. Così anche voi: quando vedrete accadere queste cose, sappiate che egli è vicino, è alle porte.  In verità io vi dico: non passerà questa generazione prima che tutto questo avvenga. Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno.  Quanto però a quel giorno o a quell’ora, nessuno lo sa, né gli angeli nel cielo né il Figlio, eccetto il Padre».

 

 

 

 

Non ti spaventare,   se ti fanno del male.    Non ti angosciare,  non disperare.   Non avere paura.

Se ti levano il sole.  Se ti oscurano il sole.    Se fanno diventare buio,  il sole.    Per non farti vedere.    Per non farti capire,   per non farti sentire.

Se ti fanno cadere le stelle.   Se ti fanno cadere tutte le tue certezze, tutte le tue sicurezze. Se ti hanno svuotato il cielo.    Per non fartelo più guardare.

Se ti levano la luna.   Se ti tolgono la luna.  Che ti illumina la notte. Che ti guida nella notte.  E non ti può più consolare.

Guarda alla fine.   Guarda come va a finire tutto.   Guarda la conclusione.

 

Alla fine,    tornerà il Figlio di Dio,   in tutta la sua potenza e in tutta la sua gloria.

Tutto  verrà alla luce.    Si scoprirà tutta la verità.   Verrà fuori tutta la verità.    E lui farà giustizia.  La giustizia di Dio.

Tutti  verranno alla luce.      Anche i morti si risveglieranno.    Anche i corpi risorgeranno.   E quelli eletti,    quelli scelti da Dio,    saranno portati in cielo.       Staranno con Dio,  con l’anima  e con il corpo.

Per l’eternità.

Che  non ha fine.

 

 

 

 

 

 

 

Viene

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «In quei giorni, dopo quella tribolazione, il sole si oscurerà, la luna non darà più la sua luce, le stelle cadranno dal cielo e le potenze che sono nei cieli saranno sconvolte.  Allora vedranno il Figlio dell’uomo venire sulle nubi con grande potenza e gloria. Egli manderà gli angeli e radunerà i suoi eletti dai quattro venti, dall’estremità della terra fino all’estremità del cielo.

 

Cerchi di organizzare tutto,  controllare tutto, gestire tutto,  per essere sicuro, tranquillo. Cerchi di prevedere, provvedere, sapere, impostare, per arrivare prima, per sapere prima, per non avere sorprese.

Poi ti accorgi che non ce la fai. Che la vita non si fa incatenare. Quando ti ritrovi tu incatenato alla vita, costretto, soggiogato, imprigionato, vinto, allora ti sembra di aver  perso tutto. Ti sembra di crollare, ti casca il mondo. Tutto il tuo mondo. Pensi che è finita.

Non è la fine, è l’inizio. È l’inizio della vita vera, della vita di Dio, della vita in Dio.  Quando muore, crolla  la tua superiorità, nasce l’umiltà, quando finisce la tua grandezza, nasce la tua piccolezza, quando perdi la tua ricchezza, c’è posto per la povertà. È il tempo di Dio, è il momento di Dio, è la venuta di Dio nella tua vita.

Verrà il Signore,  con grande potenza e gloria. È Lui il trionfo sul mondo. È Lui il Signore del mondo. È Lui il centro del mondo.

Se fissi gli occhi su di Lui, fin da ora, se metti il tuo cuore in Lui, fin da ora, se fai di Lui il centro del tuo mondo, fin da ora, se Lo scegli fin da ora, allora Lui, sceglierà te.

Ti radunerà insieme ai suoi eletti e farai parte della sua gloria.

 

Allora anche tu, insieme allo Spirito Santo, e insieme alla Sposa, potrai dire:  Signore Gesù,  Vieni!