La trasfigurazione del Signore

In quel tempo, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni e li condusse su un alto monte, in disparte, loro soli. Fu trasfigurato davanti a loro e le sue vesti divennero splendenti, bianchissime: nessun lavandaio sulla terra potrebbe renderle così bianche. E apparve loro Elia con Mosè e conversavano con Gesù. Prendendo la parola, Pietro disse a Gesù: «Rabbì, è bello per noi essere qui; facciamo tre capanne, una per te, una per Mosè e una per Elia». Non sapeva infatti che cosa dire, perché erano spaventati. Venne una nube che li coprì con la sua ombra e dalla nube uscì una voce: «Questi è il Figlio mio, l’amato: ascoltatelo!». E improvvisamente, guardandosi attorno, non videro più nessuno, se non Gesù solo, con loro. Mentre scendevano dal monte, ordinò loro di non raccontare ad alcuno ciò che avevano visto, se non dopo che il Figlio dell’uomo fosse risorto dai morti. Ed essi tennero fra loro la cosa, chiedendosi che cosa volesse dire risorgere dai morti.

 

Fu trasfigurato davanti a loro e le sue vesti divennero splendenti, bianchissime; nessun lavandaio sulla terra potrebbe renderle così bianche. E apparve loro Elia con Mosé e conversavano con Gesù.

E tu, la vedi la sua luce?

 

  • Ci sta la Trinità.   Nella trasfigurazione.
  • La fa la Trinità.   La trasfigurazione.
  • È la Trinità.   La trasfigurazione.

 

Fu trasfigurato.

  • Ora lo vedi.   Quello che ci sta dentro.
  • Ora lo vedi.   Quello che viene fuori.
  • Ora lo vedi.   Quello che passa fuori.
  • Ora lo vedi.   Quello che traspare fuori.
  • Ora lo vedi.   Quello che è Gesù.

 

È Dio.

  • È la luce del Padre.   Che guarda il Figlio.
  • È la luce del Padre.   Che brilla nel Figlio.
  • È la luce del Padre.   Che brilla per il Figlio.
  • È la luce del Figlio.   Che brilla per il Padre.
  • È la luce del Figlio.   Che brilla nel Padre.
  • È la luce del Figlio.   Che brilla con il Padre.
  • È la luce dello Spirito Santo.   Che sta nel Padre e nel Figlio.
  • È la luce dello Spirito Santo.   Che sta tra il Padre e il Figlio.
  • È la luce dello Spirito Santo.   Che è la luce del Padre e del Figlio.

 

È il Figlio di Dio.

Venne una nube.     Ci sta lo Spirito Santo. Come una nube.  Che viene dall’alto. Che ti copre dall’alto.  Che ti porta Dio.

Dalla nube uscì una voce.     Ci sta il Padre. La voce del Padre.  Viene dal Padre. La vuole il Padre.  La fa il Padre.    La gloria del Figlio.

Questi è il Figlio mio.        Ci sta il Figlio.   Te lo dice il Padre. Che è il Figlio.  Lo afferma il Padre che è il Figlio.    Lo conferma il Padre. Che è il Figlio.

L’amato.      E ci sta l’amore del Padre.  Nel Figlio.   Ci sta l’amore del Padre.  Per il Figlio.   Ci sta l’amore del Padre.  Per te.

Ascoltatelo.        Ci sta la parola del Padre. Nel Figlio.   Ci sta quello che ti dice il Padre. Nel Figlio.    Ci sta quello che vuole il Padre. Nel Figlio.    Da te.

 

Risorto dai morti.       Se stai in Gesù.  Se stai in lui.  Se sei in lui.   Entri nella sua luce.       Entri nella sua vittoria.  Entri nella sua gloria.  Entri nella gloria del Figlio. Entri nella gloria del Padre.

 

Nella gloria   della Trinità.

 

 

 

 

 

 

Le tentazioni

In quel tempo, lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni, tentato da Satana. Stava con le bestie selvatiche e gli angeli lo servivano. Dopo che Giovanni fu arrestato, Gesù andò nella Galilea, proclamando il vangelo di Dio, e diceva: «Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; convertitevi e credete nel Vangelo».

 

 

Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni, tentato da Satana.

E tu, cosa gli dici?

 

  • Satana ti tenta.
  • Ti mette alla prova.
  • Ci prova.
  • Come fa con Gesù.

 

Se tu sei.

  • Mangia il mio pane.   Che non è di Dio.
  • Mangia il mio pane.   Che è contro Dio.
  • Mangia il mio pane.   Che non vuole Dio.
  • Mangia il mio pane.   Che è di pietra.
  • Mangia il mio pane.   E ti fai pietra.
  • Mangia il mio pane.   E sei nero come la pietra.
  • Mangia il mio pane.   Che non ti vuole.
  • Mangia il mio pane.   Che non sei Dio.
  • Mangia il mio pane.   E non sei Figlio di Dio.

Non di solo pane.

  • Non lo voglio il tuo pane.  Non voglio te.
  • Voglio Dio.   Voglio Dio come pane.
  • È Dio  il mio pane.
  • Solo lui sazia   la mia fame.

 

Ti do tutto, se mi adorerai.

  • È tutto mio.    E tu sei mio.
  • Ho tutto io.     E diventi mio.
  • Ti do tutto io.  E sei schiavo mio.
  • Adora me.    E lascia il tuo Dio.
  • Adora me.    E abbandona Dio.
  • Adora me.    E tradisci Dio.
  • Adora me.    E non sei Figlio di Dio.

Adora il Signore Dio tuo.

  • Non sei tu.  Il mio Dio.
  • Non sei tu.  Che voglio come Dio.
  • Non sei tu.  Dio.
  • Solo Dio è  Dio. 
  • Solo Dio è  il mio Dio.
  • Solo Dio è  l’unico Dio.
  • E adoro  solo lui.
  • E prego  solo lui.
  • E mi prostro.   Solo davanti a lui.

 

Gettati giù.

  • Buttati giù.   Così comandi il Padre.
  • Buttati giù.   Così obblighi il Padre.
  • Buttati giù.   Così costringi il Padre.
  • Buttati giù.   Così usi il Padre.
  • Buttati giù.   Così tenti il Padre.
  • Buttati giù.   Così sei tu. Che tenti il Padre.
  • Buttati giù.   Così non sei Figlio del Padre.

Non tenterai il Signore Dio tuo.

  • Non solo tenti me.  Ma tenti anche il Padre.
  • Usi il Figlio.   Per tentare il Padre.
  • Usi il Figlio.   Per attaccare il Padre.
  • Usi il Figlio.   Per comandare il Padre.
  • Usi il Figlio.   Per umiliare il Padre.
  • Usi il figlio.    Per levare il Padre.
  • Usi il Figlio.   E non c’è più il Padre.
  • Usi il Figlio.   E non c’è più il Figlio.
  • Non ci casco.
  • Non mi faccio usare.
  • Non lo attacco Dio.
  • Non lo uso Dio.
  • Non lo denigro Dio.
  • Non lo abbandono Dio.
  • Lo rispetto Dio.
  • Lo riparo Dio.
  • Lo difendo Dio.
  • Lo proteggo Dio.

 

  • Non ci casco. 
  • Non mi porti via   il Padre.
  • Non mi porti via  dal Padre.

E sei Figlio di Dio.

 

 

 

 

 

 

 

Gesù guarisce il lebbroso

In quel tempo, venne da Gesù un lebbroso, che lo supplicava in ginocchio e gli diceva: «Se vuoi, puoi purificarmi!». Ne ebbe compassione, tese la mano, lo toccò e gli disse: «Lo voglio, sii purificato!». E subito la lebbra scomparve da lui ed egli fu purificato. E, ammonendolo severamente, lo cacciò via subito e gli disse: «Guarda di non dire niente a nessuno; va’, invece, a mostrarti al sacerdote e offri per la tua purificazione quello che Mosè ha prescritto, come testimonianza per loro». Ma quello si allontanò e si mise a proclamare e a divulgare il fatto, tanto che Gesù non poteva più entrare pubblicamente in una città, ma rimaneva fuori, in luoghi deserti; e venivano a lui da ogni parte.

 

“Se vuoi, puoi purificarmi!” Ne ebbe compassione, tese la mano, lo toccò e gli disse: “Lo voglio, sii purificato!” E subito la lebbra scomparve da lui, ed egli fu purificato.

E tu,   glielo chiedi di guarire ?

 

  • Gesù può.
  • Può guarirti.
  • Perché è Dio.   E tu no.

 

  • Non solo  può.
  • Ma anche  vuole.
  • Vuole guarire te.
  • Più di te.

 

Se vuoi.     Ti dicono che ci devi stare. Ci devi restare. Te la devi tenere. La lebbra. E non lo chiedi.

Se vuoi.     Ti dicono che è un bene.   Che ti fa bene.   Che è per il tuo bene.   La lebbra.    E non lo chiedi.

Se vuoi.     Ti sembra che chiedi troppo.  Ti sembra che è troppo.  Che vuoi troppo da Dio.     E non lo chiedi.

Se vuoi.     Ti sembra che lui non ci pensi.   Che lui non lo sa.  Che lui non gli va. Che lui non lo vuole.    E non lo chiedi.

Se vuoi.     Ma poi  ti è rimasto solo lui.    Ma poi  ci sta solo lui.    Ma poi  lo può fare solo lui.        E lo chiedi.  E lo gridi.  E lo implori.    “Se vuoi. ”

 

Puoi purificarmi.        Se vuoi. Puoi.   Io so, che tu lo puoi fare.  Io credo, che tu    lo puoi fare.   Io so che tu sei Dio.  Io credo che tu sei Dio.     E Dio lo può fare.

 

 

Lo voglio.         Prima lo chiedi.   Poi lo vuoi.   Poi lo credi.        E  lo scopri.  Che  lo vuole Gesù.    Che lo vuole pure  Gesù.   

 Lo voglio.      Che lui lo vuole. Come te.     Che lui lo vuole. Più di te.   Che lui lo vuole.  Prima  di te.      Che lui lo vuole.  Da sempre.    

Sii purificato!      E quello che vuole Dio.  Si fa.    E quello che dice Dio. Si fa.    Si fa subito.    Diventa un fatto.  È fatto.     È fatto da Dio.  Con te.   Lo ha voluto Dio.  Con te.

 

 

La lebbra scomparve.      È scesa la mano di Dio   su di te.    Si è posata la mano di Dio  su di te.     Ti ha toccato la mano di Dio.    E  il male se ne va.   E la  lebbra se ne va.     E la lebbra non ci sta.     

Fu purificato.       La mano di Dio.   Ti fa nuovo.   Ti rifà di nuovo.    E sei nuovo.    

Fu purificato.       La mano di Dio.    Ti fa puro.     Mondato. Pulito.  Immacolato.    Ti fa intero.   Ti fa vero.  

 

 Ti  fa   guarito.                                                                                                        Nel corpo.  E nell’anima.  

 

 

 

 

 

 

 

Guarì molti

In quel tempo, Gesù, uscito dalla sinagoga, subito andò nella casa di Simone e Andrea, in compagnia di Giacomo e Giovanni. La suocera di Simone era a letto con la febbre e subito gli parlarono di lei. Egli si avvicinò e la fece alzare prendendola per mano; la febbre la lasciò ed ella li serviva. Venuta la sera, dopo il tramonto del sole, gli portavano tutti i malati e gli indemoniati. Tutta la città era riunita davanti alla porta. Guarì molti che erano affetti da varie malattie e scacciò molti demòni; ma non permetteva ai demòni di parlare, perché lo conoscevano. Al mattino presto si alzò quando ancora era buio e, uscito, si ritirò in un luogo deserto, e là pregava. Ma Simone e quelli che erano con lui si misero sulle sue tracce. Lo trovarono e gli dissero: «Tutti ti cercano!». Egli disse loro: «Andiamocene altrove, nei villaggi vicini, perché io predichi anche là; per questo infatti sono venuto!». E andò per tutta la Galilea, predicando nelle loro sinagoghe e scacciando i demòni.

 

 

“Gli portavano tutti i malati e gli indemoniati… Guarì molti che erano affetti da varie malattie e scacciò molti demòni.”

E tu,   che fai davanti al male ?  

 

Guarì molti.

  • È Gesù   che ti leva.   Il male.
  • È Gesù   che ti libera.   Dal male.
  • È Gesù  che ti guarisce.  Dal male.
  • Del corpo e dell’anima.     Non tu.

 

 

Gli portavano tutti i malati e gli indemoniati.

  • È il male.           Che ti ha fatto cieco.  Che ti ha fatto sordo.   Che ti ha fatto muto.   Che ti vuole muto.
  • È il male.           Che ti fa le piaghe.     Che ti fa piegato.   Che ti fa curvato. Che ti fa chinato.
  • È il male.           Che ti ha sfigurato il volto.    Che ti ha deturpato  il volto.   E non hai più  volto.
  • È il male.           Che ti ha paralizzato.  Che ti ha bloccato.   Che ti ha impedito.
  • È il male.           Che ti ha fatto morto.  Che ti fa morto.   Che ti vuole morto. Per sempre.

 

 

Guarì molti che erano affetti da varie malattie.

  • È Gesù.            Che ti viene vicino.   Che ti sta vicino.    Che  ti è vicino.
  • È Gesù.            Che ti prende per mano.    Che ti tiene nella sua mano.     Nella mano di Dio.  Nel palmo di Dio.
  • È Gesù.            Che ti da  Dio.    Che ti passa Dio.   Che ti riempie di Dio.     Perché lui  è Dio.
  • È Gesù.            Davanti a Dio.   Il male se ne va.    Se ci sta Dio.  Il male non ci sta.   
  • È Gesù.            Che ti ha guarito.   Che ti ha levato il male.   Non stai più male.   Non sei più  malato.

 

E scacciò molti demòni.

  • Ti leva i demoni.             Ti sei fatto demonio dentro.   Hai venduto l’anima.  Al male.     E l’ha fatta sua.  E l’ha fatta come lui.     
  • Ti leva i demoni.              E il demonio dentro,    ti fa fare il male, come lui.    Ti fa volere il male, come lui.      Ti fa volere  il male  più di lui.
  • Ti leva i demoni.              Solo Gesù.   Te può levare quel demonio  dentro.   Solo Gesù,  te lo leva  fino in fondo.     Solo Gesù,  te lo leva tutto.   Te lo leva nel profondo.
  • Ti leva i demoni.              Solo Gesù.     Ti leva il peccato  che lo ha fatto entrare.   Ti leva il peccato che ce lo fa stare.   Ti leva il peccato che lo fa trionfare.
  • Ti leva i demoni.              E l’anima torna.    Torna pura.  Torna intera. Torna vera.     Ti ha guarito nell’anima.

 

 

Prendi la mano  di Gesù.    Tieni la mano  di Gesù.     Mettiti nelle mani di Gesù.     E guarisci anche tu.     Ancora.  Ora.

Nel corpo.    E nell’anima.

 

 

 

 

 

 

Uno che ha autorità

In quel tempo, Gesù, entrato di sabato nella sinagoga, [a Cafàrnao,] insegnava. Ed erano stupiti del suo insegnamento: egli infatti insegnava loro come uno che ha autorità, e non come gli scribi. Ed ecco, nella loro sinagoga vi era un uomo posseduto da uno spirito impuro e cominciò a gridare, dicendo: «Che vuoi da noi, Gesù Nazareno? Sei venuto a rovinarci? Io so chi tu sei: il santo di Dio!». E Gesù gli ordinò severamente: «Taci! Esci da lui!». E lo spirito impuro, straziandolo e gridando forte, uscì da lui. Tutti furono presi da timore, tanto che si chiedevano a vicenda: «Che è mai questo? Un insegnamento nuovo, dato con autorità. Comanda persino agli spiriti impuri e gli obbediscono!». La sua fama si diffuse subito dovunque, in tutta la regione della Galilea.

 

Nella loro sinagoga vi era un uomo posseduto da uno spirito impuro e cominciò a gridare, dicendo: “Che vuoi da noi, Gesù Nazareno? Sei venuto a rovinarci? Io so chi tu sei: il santo di Dio!” E Gesù gli ordinò severamente: “Taci! Esci da lui!” E lo spirito impuro, straziandolo e gridando forte, uscì da lui.

E tu lo sai,   chi è Gesù?

Gesù ha l’autorità.  Ha la potestà. Ha la potenza.  Ha il potere.  Sopra a ogni cosa. Visibile e invisibile.     Gliela ha data  il Padre.

 

Come uno che ha autorità. 

  • Ecco chi ce l’ha  la potestà.   Gesù.  Non tu.
  • Ecco di chi è  la potestà.  Di Gesù.
  • Ecco dove sta  la potestà.  In Gesù.
  • Ecco chi è  la potestà.   È Gesù.  Non tu.

 

  • Gesù può.  Tu no.
  • Gesù può comandare al male.   Tu no.
  • Gesù può scacciare il male.   Tu no.
  • Gesù può schiacciare il male.  Tu no.
  • Perché Gesù  è Dio.     E tu no.

 

Nella sinagoga.      Nella sinagoga,  sta lo spirito impuro.   Nella sinagoga viene fuori.  Nella sinagoga salta fuori.   Lo spirito impuro.

Cominciò a gridare.    Davanti a Gesù.  Non ce la fa a stare nascosto.   Davanti a Gesù. Non può stare nascosto.     Ha paura di lui.  Lo spirito impuro.

Che vuoi da noi?    Gli prende un colpo. Allo spirito impuro.  Gli viene un colpo. Allo spirito impuro.     Se la vide brutta. Lo spirito impuro.

 

Sei venuto a rovinarci?       Lo spirito impuro lo sa.   Che è venuto a fare Gesù.

  • A perdere lui.      A farlo fuori.  A metterlo fuori.  A levarlo di torno.
  • A perdere lui.      A farlo perso.  A farlo schiacciato.  A farlo distrutto.  A farlo umiliato.
  • A perdere lui.      A farlo disperso.  A farlo a pezzi.  A mandarlo in pezzi.  A disperdere i pezzi.
  • A perdere lui.      A farlo finito.     A farlo finire.  A farlo perire.  A farlo morire. 
  •  A perdere lui.     A farlo  dissolto.     A farlo sparire.  A farlo  scomparire.  A farlo svanire.      E non ci sta più.

Io so chi tu sei.       E io so,  che tu lo puoi fare.    Io so che tu lo sai fare.  Io so  che tu,   lo sei venuto a fare.

Il Santo di Dio.      Perché tu sei Dio.   Il Figlio di Dio.  Il santo di Dio.  Il santo che viene da Dio.  Il santo che è in Dio.  Il santo che è di Dio.     Il santo che  è Dio.

 

 

Taci.       Ecco  la potenza di Gesù.    Lo comanda. Gli ordina.   Lo fa stare zitto.  Lo fa stare muto.    E non può parlare.    E non può più far male.

Esci da lui.     Ecco la potenza di Gesù.     Lo caccia.  Lo scaccia.  Lo butta fuori. Lo fa uscire fuori.  Lo caccia fuori.    Lo manda via.

Esci da lui.      Lo manda via dall’uomo.   E libera l’uomo.    Lo libera dal male.  Gli leva il male.    E non ci sta più il male.  E non gli fa più male.     Ecco che è venuto  a fare Gesù.

 

Straziandolo.     È arrabbiato lo spirito impuro. È arrabbiato tanto lo spirito impuro. Perché non può più fare niente.    Perché non ha più niente.    Perché non è più niente.

Uscì da lui.       E obbedisce.     Ha perso. È perso.  È disperso.   È finito.  È finita. Non ci sta più.    Non si soffre più.

 

Ecco che fa  Gesù.                                                                                                Ecco  la potenza di Gesù.

 

 

 

 

 

 

Venite dietro a me

Dopo che Giovanni fu arrestato, Gesù andò nella Galilea, proclamando il vangelo di Dio, e diceva: «Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; convertitevi e credete nel Vangelo». Passando lungo il mare di Galilea, vide Simone e Andrea, fratello di Simone, mentre gettavano le reti in mare; erano infatti pescatori. Gesù disse loro: «Venite dietro a meVenite dietro a me, vi farò diventare pescatori di uomini , vi farò diventare pescatori di uomini». E subito lasciarono le reti e lo seguirono. Andando un poco oltre, vide Giacomo, figlio di Zebedèo, e Giovanni suo fratello, mentre anch’essi nella barca riparavano le reti. E subito li chiamò. Ed essi lasciarono il loro padre Zebedèo nella barca con i garzoni e andarono dietro a lui.

 

Gesù disse loro: “Venite dietro a me, vi farò diventare pescatori di uomini”. E subito lasciarono le reti e lo seguirono.

E tu, lo segui?

 

Venite dietro a me.

  • Gesù ti chiama.   Ancora.
  • Gesù ti chiama.   Adesso.
  • Gesù ti chiama.   Ora.

 

  • Ad andare dietro a lui.   E non a un altro.
  • A mettere  davanti lui.    E non un altro.
  • A mettere  prima lui.      E non altro.

 

 

Li chiamò.

Ti chiama.       Non per negarlo.    Non per farlo sparire.   Non per farlo scomparire.    Non per dire  che non c’è.

Ti chiama.       Non per rinnegarlo.      Non per dire che non è.   Non per dire  che non è Dio.    Non per farlo sparire  come Dio.

Ti chiama.       Non per tradirlo.      Non per dire non lo conosco.  Non per dire non so chi è.       Non per dire  non c’entra con me.

Ti chiama.      Non per ripudiarlo.     Non per dare a un altro dio.  Il posto suo.   Non per mettere un altro dio.  Al posto suo.     Non per adorare un altro dio.         Al posto suo.

Ti chiama.      Non per dissacrarlo.     Non per dare a un altro dio.  Le cose sue. Non per dare a un altro dio.  La casa sua.    Non per dare a un altro dio.  Il corpo suo.

Ti chiama.     Non per profanarlo.     Non per far cambiare da un altro dio.  Il corpo suo.    Non per far violare  da un altro dio.  Il corpo suo.     Non per far calpestare  da un altro dio,  che non è Dio.     Il corpo suo.

 

 

Vi farò pescatori di uomini.

Non sei tu,   che la fai  la rete.     Non sei tu,  che la ripari la rete.   Non ce la fai a fare la rete.    Non sei tu,  la rete.

Solo con Gesù,  ce la fai.     Perché è Gesù,  che pesca gli uomini.   Che li tira  a sé.   Che li attira a sé.   Che li abbraccia a sé.   Con le braccia di Dio.     Sono le braccia di Dio.   Quella rete.

Sono le mani di Dio.   Quella rete.     Sono le dita di Dio.  Le dita del Padre.  Che accoglie i suoi figli.   Che raccoglie i suoi figli.     E li stringe a sé.

Sono le mani di Dio.  Quella rete.    Che tira fuori i suoi figli.   Dal fondo del mare. Dal profondo del mare.   Dall’oscurità del mare.     Dall’oscurità  del male.

 

Solo Dio, ce la fa.     A tirarli fuori dal male.    Solo Dio può.   Solo Dio ci riesce.    E il Figlio di Dio lo fa.      Ecco perché è venuto.   Ecco perché ti chiama.

 

Ecco   cosa ti chiama a fare.    Gesù.

 

 

 

 

 

 

 

Gesù chiama

In quel tempo Giovanni stava con due dei suoi discepoli e, fissando lo sguardo su Gesù che passava, disse: «Ecco l’agnello di Dio!». E i suoi due discepoli, sentendolo parlare così, seguirono Gesù. Gesù allora si voltò e, osservando che essi lo seguivano, disse loro: «Che cosa cercate?». Gli risposero: «Rabbì – che, tradotto, significa maestro –, dove dimori?». Disse loro: «Venite e vedrete». Andarono dunque e videro dove egli dimorava e quel giorno rimasero con lui; erano circa le quattro del pomeriggio. Uno dei due che avevano udito le parole di Giovanni e lo avevano seguito, era Andrea, fratello di Simon Pietro. Egli incontrò per primo suo fratello Simone e gli disse: «Abbiamo trovato il Messia» – che si traduce Cristo – e lo condusse da Gesù. Fissando lo sguardo su di lui, Gesù disse: «Tu sei Simone, il figlio di Giovanni; sarai chiamato Cefa» – che significa Pietro.

 

“Abbiamo trovato il Messia”-che si traduce Cristo- e lo condusse da Gesù. Fissando lo sguardo su di lui, Gesù disse: “Tu sei Simone, il figlio di Giovanni; sarai chiamato Cefa”- che significa Pietro.

E tu,   lo hai trovato,  Gesù ?

 

Che cosa cercate?

  • Cerchi Gesù.   E non  un altro.
  • Cerchi Gesù.    E non altro.
  • Vuoi Gesù.   E non altro.

Venite e vedete.

  • Stai con lui.   E lo vedi.
  • Stai con lui.   E lo sai.
  • Stai con lui.   E lo senti.

Abbiamo trovato il Messia.

  • Che è lui.  Il Cristo di Dio.
  • Che è lui.  Il Figlio di Dio.
  • Che è lui.  Dio.

 

Fissando lo sguardo su di lui.        È lui che cerca te.   È lui che ha scelto te.  Da prima del mondo.   È lui che vuole te. Da prima del mondo.   È lui che chiama te. Da prima del mondo.

Fissando lo sguardo su di lui.      È lui, che guarda te.  È lui che mette suoi occhi nei tuoi.    E dai suoi occhi,  esce il suo spirito.   Esce lo Spirito Santo.

Fissando lo sguardo su di lui.     E passa,  lo Spirito Santo.  Passa nel tuo cuore. Ti trapassa il cuore.  Si prende il cuore.    E fa suo, il tuo cuore.   E non è più,  il tuo  cuore.

 

Tu sei Simone.     Non è più il tuo cuore,  di prima.    Non è più  come prima.  Non è più la stessa cosa  di prima.

Sarai chiamato Cefa.      Ora sei nuovo.  Sei un uomo nuovo.  Hai un nome nuovo. Hai un nome,  che ti ha dato Dio.     Hai un nome, nel progetto di Dio.

 

 E ti lasci fare da Dio.   E lasci fare a Dio.    E fai fare a Dio.   E ti fai fare da Dio.   E vai con lui.    Vai dietro a lui.      E non ci stai più. Senza di lui.    Non ci puoi stare più.   Senza di lui.

 È  il tuo si.     A Dio.

 

 

 

 

 

 

Il Battesimo del Signore

In quel tempo, Giovanni proclamava: «Viene dopo di me colui che è più forte di me: io non sono degno di chinarmi per slegare i lacci dei suoi sandali. Io vi ho battezzato con acqua, ma egli vi battezzerà in Spirito Santo». Ed ecco, in quei giorni, Gesù venne da Nàzaret di Galilea e fu battezzato nel Giordano da Giovanni. E, subito, uscendo dall’acqua, vide squarciarsi i cieli e lo Spirito discendere verso di lui come una colomba. E venne una voce dal cielo: «Tu sei il Figlio mio, l’amato: in te ho posto il mio compiacimento».

 

“E, subito, uscendo dall’acqua, vide squarciarsi i cieli e lo Spirito discendere verso di lui come una colomba. E venne una voce dal cielo: “Tu sei il Figlio mio, l’amato: in te ho posto il mio compiacimento”.

E tu,   la senti  la sua voce ?

 

Il Battesimo di Gesù  è   l’ Epifania della Trinità.

Si svela.  Si rivela.  Si manifesta.     Si vede. Si scopre. Si sa.   Chi è Dio.   Che Dio  è Trinità.

  • È  il Padre.
  • È  il Figlio.
  • È  lo Spirito Santo.

 

Si svela.  Si rivela.  Si manifesta.  Si vede.    Che quello che Gesù fa.   Lo fa  con la Trinità.

  • È con la Trinità.   Che lo fa, Gesù.
  • È nella Trinità.    Che lo fa,  Gesù.
  • È la Trinità.     Che lo fa,  in Gesù.

 

Si svela.  Si rivela.  Si manifesta.    Si scopre. Si sa.    Cosa è   il battesimo  nello Spirito Santo,   di Gesù.

  • È  con la Trinità.    Che ti battezza.
  • È  nella Trinità.    Che ti battezza.
  • È  la Trinità.    Che ti battezza.  In Gesù.

 

 

È il Padre.      Davanti a lui si squarciano i cieli.  Si aprono i cieli.   Si spalancano     i cieli.    Sono suoi  i cieli.

È il Padre.     È il Padre che ti manda lo Spirito Santo.   Da lui scende lo Spirito Santo.     È lui che ti battezza dall’alto.   È lui che ti battezza nello Spirito Santo.

 

È lo Spirito Santo.          È lo Spirito di Dio.    È l’acqua dello Spirito Santo,  che viene dall’alto.    È il mare di Spirito Santo,  che viene dall’alto.   Che ti immerge  dall’alto.

È lo Spirito Santo.        Sei immerso nello Spirito Santo.  Stai dentro allo Spirito Santo.     Ti copre lo Spirito Santo.    Ti ricopre lo Spirito Santo.

È lo Spirito Santo.      E quando riemergi  dal mare dello Spirito Santo.  Sei santo. Sei sacro.  Sei sacro a Dio.   Sei dedicato a Dio.  Sei di Dio.   Sei figlio di Dio.

 

È il Figlio.       E ci sta il Figlio.     Te lo dice il Padre,  che è  il Figlio.   Te lo dice il Padre che è  suo Figlio.     Il Figlio di Dio.    L’ unigenito  Figlio di Dio.

È il Figlio.       E ci sta la croce  del Figlio.     Che ti libera  dal male e dalla morte.    E non ci sta più  il male e la morte.

È il Figlio.       E ci sta la resurrezione del Figlio.     Che  ti fa risorgere nel Figlio. Con il Figlio.      E ti fa risorto.  Già da ora.      E sei risorto.  Già da ora.

 

È il Figlio.      E ci sta l’amore del Padre. Per il Figlio.   E lo trovi l’amore del Padre. Nel Figlio.       L’amore vero.  L’amore sincero.  L’amore intero.    L’amore sempre. L’amore per sempre.

È il Figlio.      E ci sta  il sorriso del Padre.    La soddisfazione del Padre.  Il compiacimento  del Padre.   Per il Figlio.     Nel Figlio lo trovi.  Anche per te.

 

Ecco cosa è.    Il tuo battesimo.

 

 

 

 

 

 

L’Epifania del Signore

Nato Gesù a Betlemme di Giudea, al tempo del re Erode, ecco, alcuni Magi vennero da oriente a Gerusalemme e dicevano: «Dov’è colui che è nato, il re dei Giudei? Abbiamo visto spuntare la sua stella e siamo venuti ad adorarlo». All’udire questo, il re Erode restò turbato e con lui tutta Gerusalemme. Riuniti tutti i capi dei sacerdoti e gli scribi del popolo, si informava da loro sul luogo in cui doveva nascere il Cristo. Gli risposero: «A Betlemme di Giudea, perché così è scritto per mezzo del profeta: “E tu, Betlemme, terra di Giuda, non sei davvero l’ultima delle città principali di Giuda: da te infatti uscirà un capo che sarà il pastore del mio popolo, Israele”». Allora Erode, chiamati segretamente i Magi, si fece dire da loro con esattezza il tempo in cui era apparsa la stella e li inviò a Betlemme dicendo: «Andate e informatevi accuratamente sul bambino e, quando l’avrete trovato, fatemelo sapere, perché anch’io venga ad adorarlo». Udito il re, essi partirono. Ed ecco, la stella, che avevano visto spuntare, li precedeva, finché giunse e si fermò sopra il luogo dove si trovava il bambino. Al vedere la stella, provarono una gioia grandissima. Entrati nella casa, videro il bambino con Maria sua madre, si prostrarono e lo adorarono. Poi aprirono i loro scrigni e gli offrirono in dono oro, incenso e mirra. Avvertiti in sogno di non tornare da Erode, per un’altra strada fecero ritorno al loro paese.

 

Entrati nella casa, videro il bambino con Maria sua madre, si prostrarono e lo adorarono. Poi aprirono i loro scrigni e gli offrirono in dono oro, incenso e mirra.

E tu,  lo adori ?

 

 

Epifania del Signore.     

Si svela.  Si rivela. Si manifesta.    Viene fuori.  Si vede. Si scopre.   Appare. Compare.     Chi è Gesù.  E che fa.

 

  • Oro.     È  il Re.
  • Incenso.     È  Dio.
  • Mirra.      È  il Salvatore.

 

È il Re.     È venuto il Re del cielo e della terra.   Il Re del cielo della terra è venuto sulla terra.    Per cambiare il mondo.

È il Re.      Il Re del cielo e della terra.    Ha il potere.  Ha la potenza.   Ha l’onnipotenza di Dio.      E può cambiare il mondo.

 

È Dio.   È venuto il Signore  del cielo e della terra.   Il Signore del cielo  e della terra,  è sceso sulla terra.      Per aprire una strada al cielo.   Per aprire il cielo.  Alla terra.

È  Dio.     È venuto sulla terra.    Per portare gli uomini, al cielo.   Per dargli il cielo.    Per farli  entrare nel cielo.    Per farli entrare, in Dio.     Per dargli Dio.

 

È il Salvatore.       È venuto il Salvatore.   Per salvare tutti gli uomini,  dal male e dalla morte.     Per portarli fuori  dal male e dalla morte.   Per far morire il male e  la morte.    Sulla sua croce.

È il Salvatore.    È venuto sulla terra.   Per dare agli uomini  la sua resurrezione. Per farli risorgere con lui.     Per farli risorgere. In lui.     Per farli risorgere.  Per mezzo di lui

È il Salvatore.     È venuto sulla terra.    Per dare agli uomini  la sua vita.  Il suo corpo e il suo sangue.    Per farli entrare nella sua vita.    Per farli entrare  nella sua divinità.

 

 

Il Signore è venuto.     E tu,  come i re magi,   va incontro a lui.     Inginocchiati.  Davanti a lui.      Come sono inginocchiati,  davanti a lui.   Il cielo  e la terra.

E adoralo.       Come lo adorano,   il cielo  e la terra.

 

 

 

 

 

 

La Presentazione al tempio

Quando furono compiuti i giorni della loro purificazione rituale, secondo la legge di Mosè, [Maria e Giuseppe] portarono il bambino [Gesù] a Gerusalemme per presentarlo al Signore – come è scritto nella legge del Signore: «Ogni maschio primogenito sarà sacro al Signore» – e per offrire in sacrificio una coppia di tortore o due giovani colombi, come prescrive la legge del Signore. Ora a Gerusalemme c’era un uomo di nome Simeone, uomo giusto e pio, che aspettava la consolazione d’Israele, e lo Spirito Santo era su di lui. Lo Spirito Santo gli aveva preannunciato che non avrebbe visto la morte senza prima aver veduto il Cristo del Signore. Mosso dallo Spirito, si recò al tempio e, mentre i genitori vi portavano il bambino Gesù per fare ciò che la Legge prescriveva a suo riguardo, anch’egli lo accolse tra le braccia e benedisse Dio, dicendo: «Ora puoi lasciare, o Signore, che il tuo servo vada in pace, secondo la tua parola, perché i miei occhi hanno visto la tua salvezza, preparata da te davanti a tutti i popoli: luce per rivelarti alle genti e gloria del tuo popolo, Israele». Il padre e la madre di Gesù si stupivano delle cose che si dicevano di lui. Simeone li benedisse e a Maria, sua madre, disse: «Ecco, egli è qui per la caduta e la risurrezione di molti in Israele e come segno di contraddizione – e anche a te una spada trafiggerà l’anima –, affinché siano svelati i pensieri di molti cuori». C’era anche una profetessa, Anna, figlia di Fanuèle, della tribù di Aser. Era molto avanzata in età, aveva vissuto con il marito sette anni dopo il suo matrimonio, era poi rimasta vedova e ora aveva ottantaquattro anni. Non si allontanava mai dal tempio, servendo Dio notte e giorno con digiuni e preghiere. Sopraggiunta in quel momento, si mise anche lei a lodare Dio e parlava del bambino a quanti aspettavano la redenzione di Gerusalemme. Quando ebbero adempiuto ogni cosa secondo la legge del Signore, fecero ritorno in Galilea, alla loro città di Nàzaret. Il bambino cresceva e si fortificava, pieno di sapienza, e la grazia di Dio era su di lui.

 

 

“Simeone, uomo giusto e pio, che aspettava la consolazione di Israele, e lo Spirito Santo era su di lui… Mosso dallo Spirito, si recò al tempio e, mentre i genitori vi portavano il bambino Gesù,… anch’egli lo accolse tra le braccia, e benedisse Dio”.

 

E tu,   lo accogli Gesù,   tra le braccia ?

Prendilo  tra le braccia.   Stringilo  tra le braccia.   Tienilo tra le braccia.    È lui,     la  tua consolazione.

 

 

Per presentarlo al Signore.  

  • Ci sta tutta  la Trinità.    Nella presentazione di Gesù,  al tempio.
  • Lo fa tutta  la Trinità.     La presentazione di Gesù,  al tempio.
  • È nella  Trinità.      Che Gesù,  si presenta  al tempio.

 

Ci sta lo Spirito Santo.       Che va a prendere Simeone.  Che spinge Simeone. Che porta Simeone.  Al tempio.

Ci sta lo Spirito Santo.     Che gli fa vedere.   Chi è Gesù.  Che è Gesù.

Ci sta il Figlio.      Che Simeone prende tra le braccia.   E ci sta lo Spirito Santo, sul Figlio.     E su Simeone.  Che lo tiene tra le braccia.

Ci sta il Padre.      Simeone alza gli occhi al Padre.     E benedice il Padre.   Con gli occhi nel Figlio.     Con gli occhi  del Figlio.

 

 

I miei occhi hanno visto.          Prendi anche tu,  tra le braccia.  Gesù.   Tienilo anche tu,  tra le braccia.  Gesù.       E lo vedi anche tu.  Chi è Gesù.

I miei occhi hanno visto.          I tuoi occhi la vedono,  la consolazione.   Quella  che cercavi.      E che non trovavi.  E che non ci stava.  E che nessuno ti dava.

I miei occhi hanno visto.         I tuoi occhi lo vedono.   Che è lui la consolazione.   La tua consolazione.   Quella che consola davvero. Quella che consola intero. Quello che consola in fondo.  Quella che consola sempre.  Quella che consola. Per sempre.

 

I miei occhi hanno visto.         I tuoi occhi la vedono,  la salvezza.   Quella che aspettavi. Quella che implorarvi. Quella che invocavi.    Che nessuno ti dava.

I miei occhi hanno visto.          I tuoi occhi lo vedono.    Che è lui,  la salvezza.      La tua salvezza.       Quella che ti salva davvero.   Quella che ti salva intero.   Quella che ti salva sempre.    Quella che ti salva. Per sempre.

 

I miei occhi hanno visto.        I tuoi occhi lo vedono.   Che è lui,  la luce.  Quella che ti fa vedere.  Quella che ti porta via le tenebre. Quella che ti leva le tenebre. Quella che non ci stanno più le tenebre.

I miei occhi hanno visto.          I tuoi occhi lo vedono.    Che è lui,  la gloria.   La gloria del Padre.      Che lo ha fatto  per il Padre.     Che lo ha fatto  con il Padre.   Che ci sta anche il Padre.     Che ci ha pensato il Padre.  A te.

 

I miei occhi hanno visto.         I tuoi occhi hanno visto.    Perché è Dio, che si è fatto vedere.   Che si è rivelato.  Che si è manifestato.  Che si è fatto presente.

 

Che si è presentato, a te.    Nel tempio.