La Presentazione al tempio

Quando furono compiuti i giorni della loro purificazione rituale, secondo la legge di Mosè, [Maria e Giuseppe] portarono il bambino [Gesù] a Gerusalemme per presentarlo al Signore – come è scritto nella legge del Signore: «Ogni maschio primogenito sarà sacro al Signore» – e per offrire in sacrificio una coppia di tortore o due giovani colombi, come prescrive la legge del Signore. Ora a Gerusalemme c’era un uomo di nome Simeone, uomo giusto e pio, che aspettava la consolazione d’Israele, e lo Spirito Santo era su di lui. Lo Spirito Santo gli aveva preannunciato che non avrebbe visto la morte senza prima aver veduto il Cristo del Signore. Mosso dallo Spirito, si recò al tempio e, mentre i genitori vi portavano il bambino Gesù per fare ciò che la Legge prescriveva a suo riguardo, anch’egli lo accolse tra le braccia e benedisse Dio, dicendo: «Ora puoi lasciare, o Signore, che il tuo servo vada in pace, secondo la tua parola, perché i miei occhi hanno visto la tua salvezza, preparata da te davanti a tutti i popoli: luce per rivelarti alle genti e gloria del tuo popolo, Israele». Il padre e la madre di Gesù si stupivano delle cose che si dicevano di lui. Simeone li benedisse e a Maria, sua madre, disse: «Ecco, egli è qui per la caduta e la risurrezione di molti in Israele e come segno di contraddizione – e anche a te una spada trafiggerà l’anima –, affinché siano svelati i pensieri di molti cuori». C’era anche una profetessa, Anna, figlia di Fanuèle, della tribù di Aser. Era molto avanzata in età, aveva vissuto con il marito sette anni dopo il suo matrimonio, era poi rimasta vedova e ora aveva ottantaquattro anni. Non si allontanava mai dal tempio, servendo Dio notte e giorno con digiuni e preghiere. Sopraggiunta in quel momento, si mise anche lei a lodare Dio e parlava del bambino a quanti aspettavano la redenzione di Gerusalemme. Quando ebbero adempiuto ogni cosa secondo la legge del Signore, fecero ritorno in Galilea, alla loro città di Nàzaret. Il bambino cresceva e si fortificava, pieno di sapienza, e la grazia di Dio era su di lui.

 

 

“Simeone, uomo giusto e pio, che aspettava la consolazione di Israele, e lo Spirito Santo era su di lui… Mosso dallo Spirito, si recò al tempio e, mentre i genitori vi portavano il bambino Gesù,… anch’egli lo accolse tra le braccia, e benedisse Dio”.

 

E tu,   lo accogli Gesù,   tra le braccia ?

Prendilo  tra le braccia.   Stringilo  tra le braccia.   Tienilo tra le braccia.    È lui,     la  tua consolazione.

 

 

Per presentarlo al Signore.  

  • Ci sta tutta  la Trinità.    Nella presentazione di Gesù,  al tempio.
  • Lo fa tutta  la Trinità.     La presentazione di Gesù,  al tempio.
  • È nella  Trinità.      Che Gesù,  si presenta  al tempio.

 

Ci sta lo Spirito Santo.       Che va a prendere Simeone.  Che spinge Simeone. Che porta Simeone.  Al tempio.

Ci sta lo Spirito Santo.     Che gli fa vedere.   Chi è Gesù.  Che è Gesù.

Ci sta il Figlio.      Che Simeone prende tra le braccia.   E ci sta lo Spirito Santo, sul Figlio.     E su Simeone.  Che lo tiene tra le braccia.

Ci sta il Padre.      Simeone alza gli occhi al Padre.     E benedice il Padre.   Con gli occhi nel Figlio.     Con gli occhi  del Figlio.

 

 

I miei occhi hanno visto.          Prendi anche tu,  tra le braccia.  Gesù.   Tienilo anche tu,  tra le braccia.  Gesù.       E lo vedi anche tu.  Chi è Gesù.

I miei occhi hanno visto.          I tuoi occhi la vedono,  la consolazione.   Quella  che cercavi.      E che non trovavi.  E che non ci stava.  E che nessuno ti dava.

I miei occhi hanno visto.         I tuoi occhi lo vedono.   Che è lui la consolazione.   La tua consolazione.   Quella che consola davvero. Quella che consola intero. Quello che consola in fondo.  Quella che consola sempre.  Quella che consola. Per sempre.

 

I miei occhi hanno visto.         I tuoi occhi la vedono,  la salvezza.   Quella che aspettavi. Quella che implorarvi. Quella che invocavi.    Che nessuno ti dava.

I miei occhi hanno visto.          I tuoi occhi lo vedono.    Che è lui,  la salvezza.      La tua salvezza.       Quella che ti salva davvero.   Quella che ti salva intero.   Quella che ti salva sempre.    Quella che ti salva. Per sempre.

 

I miei occhi hanno visto.        I tuoi occhi lo vedono.   Che è lui,  la luce.  Quella che ti fa vedere.  Quella che ti porta via le tenebre. Quella che ti leva le tenebre. Quella che non ci stanno più le tenebre.

I miei occhi hanno visto.          I tuoi occhi lo vedono.    Che è lui,  la gloria.   La gloria del Padre.      Che lo ha fatto  per il Padre.     Che lo ha fatto  con il Padre.   Che ci sta anche il Padre.     Che ci ha pensato il Padre.  A te.

 

I miei occhi hanno visto.         I tuoi occhi hanno visto.    Perché è Dio, che si è fatto vedere.   Che si è rivelato.  Che si è manifestato.  Che si è fatto presente.

 

Che si è presentato, a te.    Nel tempio. 

 

 

 

 

 

 

 

È nato il Salvatore

In quei giorni un decreto di Cesare Augusto ordinò che si facesse il censimento di tutta la terra. Questo primo censimento fu fatto quando Quirinio era governatore della Siria. Tutti andavano a farsi censire, ciascuno nella propria città. Anche Giuseppe, dalla Galilea, dalla città di Nàzaret, salì in Giudea alla città di Davide chiamata Betlemme: egli apparteneva infatti alla casa e alla famiglia di Davide. Doveva farsi censire insieme a Maria, sua sposa, che era incinta. Mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. Diede alla luce il suo figlio primogenito, lo avvolse in fasce e lo pose in una mangiatoia, perché per loro non c’era posto nell’alloggio. C’erano in quella regione alcuni pastori che, pernottando all’aperto, vegliavano tutta la notte facendo la guardia al loro gregge. Un angelo del Signore si presentò a loro e la gloria del Signore li avvolse di luce. Essi furono presi da grande timore, ma l’angelo disse loro: «Non temete: ecco, vi annuncio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo: oggi, nella città di Davide, è nato per voi un Salvatore, che è Cristo Signore. Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce, adagiato in una mangiatoia». E subito apparve con l’angelo una moltitudine dell’esercito celeste, che lodava Dio e diceva: «Gloria a Dio nel più alto dei cieli e sulla terra pace agli uomini, di buona volontà».

 

 

“Oggi, nella città di Davide, è nato per voi un Salvatore, che è Cristo Signore. Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce, adagiato in una mangiatoia”.

E a te,  chi ti salva ? 

Ecco  chi è nato.   Il Salvatore.     Quello che ti salva veramente.  Quello che ti salva sempre.    Quello che ti salva,   per sempre.

 

 

Oggi è nato.

  • Ci sta tutta  la Trinità.    Quando nasce Gesù.
  • Lo fa  la Trinità.    Che nasce,  Gesù.
  • È  la Trinità.      Che sta,  in Gesù.

 

Un Salvatore.

Ci sta il Padre.     Viene da lui.  Parte da lui.  Lo fa lui.     È lui,   che ti dà  il Salvatore.

Ci sta lo Spirito Santo.      Lo Spirito del Padre e  del Figlio.     È lui,  che ti porta    il Salvatore.     È lui che lo fa visibile.   È lui che lo fa incarnato.

Ci sta il Figlio.       È lui,  il Salvatore.    Ti salva con il suo corpo e il suo sangue. Per questo si è fatto corpo,  e si è fatto sangue.

 

 

Che è Cristo Signore.

Quel bambino.     È il Dio invisibile,   che si è fatto visibile.

Quel bambino.     È Dio,  che si è abbassato. Che si è chinato.   Che si è fatto vicino.  A te.

Quel bambino.     È Dio,   che si è fatto come te.   Per farti come lui.

Quel bambino.     È il Figlio di Dio.   Che si è fatto carne.   Per darti la sua carne e il suo sangue.    La carne il sangue di Dio.   La vita di Dio.

 

È nato,    il Figlio di Dio.

 

 

 

 

 

 

 

L’ Annunciazione

In quel tempo, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Rallègrati, piena di grazia: il Signore è con te». A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine». Allora Maria disse all’angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?». Le rispose l’angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch’essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: nulla è impossibile a Dio». Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola». E l’angelo si allontanò da lei.

 

 

“Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio.”…“Ecco la serva del Signore, avvenga per me secondo la tua parola”.

E tu,  lo dici sì,  a Dio ?

Maria  dice di sì.     Dice di si, a Dio.    Dice di si, allo Spirito Santo.   Dice di si, al Figlio di Dio.     E viene.  Il Figlio di Dio.

 

 

Lo Spirito Santo scenderà su di te.  

  • Ci sta tutta la Trinità.    Quando viene Gesù.
  • Lo fa la Trinità.   Che viene Gesù.
  • È la Trinità.    Che viene,   in Gesù.

 

La potenza dell’Altissimo.      Ci sta il Padre.    Viene dal Padre.  Parte dal Padre.  È dal Padre.   È del Padre. L’incarnazione.

 Ci sta la potenza del Padre.    La potenza di Dio.   Che ha fatto tutto Dio.   Che può fare tutto.  Dio.     Che può rifare tutto.  Dio.  

 

Ti coprirà con la sua ombra.       Ci sta lo Spirito Santo.     Lo Spirito di Dio.   Che scende dal Padre.      È l’ombra di Dio.  È la nube di Dio.  È parte di Dio.   È Dio.

Che ti copre. Che ti ricopre.  Che ti tiene. Che ti contiene.  Che ti avvolge.    E stai dentro Dio.

 

Colui che nascerà sarà chiamato Figlio di Dio.     E ci sta il Figlio.    Il Figlio di Dio.  L’unigenito.    Che sta alla destra del Padre.  Da sempre.      E che è Dio.   Come  il Padre.  Da sempre.

Lo vuole anche il Figlio.      Lo fa il Figlio. Lo compie il Figlio.    Quello che vuole il Padre.         È il si,  del Figlio.    Al Padre.

 

 

 

Ecco la serva del signore.         È il si,  di Maria.    Il si,  a Dio.    Si,  perché è Dio. Si,  perché lo chiede Dio.      Si,  perché sono di Dio.

Avvenga.       Si, venga.   Si, avvenga.  Si, si compia.   Si, si faccia.  Si, sia fatta. La tua volontà.  In me.

Secondo la tua parola.        E si compie. E avviene. E viene Gesù.    E si fa carne. Ma rimane Dio.

 

E  l’ annunciazione.                                                                                                    Ora,   è  l’ incarnazione.

 

 

 

 

 

 

Giovanni Battista

Venne un uomo mandato da Dio: il suo nome era Giovanni. Egli venne come testimone per dare testimonianza alla luce, perché tutti credessero per mezzo di lui. Non era lui la luce, ma doveva dare testimonianza alla luce. Questa è la testimonianza di Giovanni, quando i Giudei gli inviarono da Gerusalemme sacerdoti e levìti a interrogarlo: «Tu, chi sei?». Egli confessò e non negò. Confessò: «Io non sono il Cristo». Allora gli chiesero: «Chi sei, dunque? Sei tu Elia?». «Non lo sono», disse. «Sei tu il profeta?». «No», rispose. Gli dissero allora: «Chi sei? Perché possiamo dare una risposta a coloro che ci hanno mandato. Che cosa dici di te stesso?». Rispose: «Io sono voce di uno che grida nel deserto: Rendete diritta la via del Signore, come disse il profeta Isaìa». Quelli che erano stati inviati venivano dai farisei. Essi lo interrogarono e gli dissero: «Perché dunque tu battezzi, se non sei il Cristo, né Elia, né il profeta?». Giovanni rispose loro: «Io battezzo nell’acqua. In mezzo a voi sta uno che voi non conoscete, è colui che viene dopo di me, ma che è stato prima di me: a lui io non sono degno di slegare il laccio del sandalo». Questo avvenne in Betània, al di là del Giordano, dove Giovanni stava battezzando.

 

 

“Tu, chi sei?”… “ Che cosa dici di te stesso?” Rispose: “Io sono voce di uno che grida nel deserto. Rendete diritta la via del Signore”.

 

E tu,  chi sei?     Cosa dici  di te stesso ?

Anche tu,   sei chiamato ad essere voce.    E a rendere diritta  la via del Signore. In te.   E negli altri.

 

 

Tu, chi sei?        Lo dice Gesù,  chi è.     Lo dice Dio, chi è.    È l’Angelo.  È l’angelo di Dio.    “Ecco io mando il mio angelo davanti a te”.   (Matteo 11,10).  

Tu, chi sei?        Lo dice Gesù,  chi è.     “Egli è  quell’  Elia  che deve venire”.   (Matteo, 11,14)

Tu, chi sei?        Lo dice Gesù,  chi è.     “Elia  veramente deve venire prima e ristabilire ogni cosa.   Ma io vi dico che Elia è già venuto  ed essi non l’hanno riconosciuto, anzi l’hanno trattato come hanno voluto”. I discepoli compresero   che aveva parlato loro di Giovanni battista”.  (Matteo 17,10-13).

Tu, chi sei?       Lo dice Dio,  chi è.    Lo dice l’angelo di Dio, a Zaccaria, chi è..   “Sarà pieno di Spirito Santo  fin dal seno di sua madre”.  (Luca 1,15).

 

Cosa dici di te stesso?          Lo dice Gesù,  cosa fa.    “Il mio angelo davanti          a te per precederti e prepararti la via”.   (Matteo 11,10).

Cosa dici di te stesso?          Lo dice Dio,  cosa fa.   Lo dice l’angelo di Dio a Zaccaria.      “Camminerà davanti a Lui con lo spirito e la potenza di Elia, per ricondurre il cuore dei padri verso i figli  e i ribelli alla saggezza dei giusti, per preparare al Signore un popolo ben disposto.”   (Luca 1,16-17).

Cosa dici di te stesso?         Lo dice il profeta Malachia,  cosa fa.    “Ecco io manderò a voi il profeta Elia,   e ricondurrà il cuore dei padri verso i figli e il    cuore dei figli verso i padri”.    (Malachia 4,5-6).

 

 

Io sono voce.         È voce.   È solo voce.  Conta solo la voce.   Perché porta Dio.  Perché è piena di Dio.    Di quello che dice Dio.     È la voce di Dio.

Io sono voce che grida nel deserto.      È voce che grida.    E fa sussultare.  E fa balzare.  E fa sobbalzare.  I cuori.       E fa risuonare Dio.   E fa tuonare Dio.  Nel deserto dei cuori.

 

In mezzo a voi sta uno.       

  • Lui ci sta.    Perché viene Gesù.     
  • Lui lo sa.    Che viene Gesù.   
  • Lui lo sa.    Che è Gesù.

È colui che viene dopo di me, ma che è stato prima di me.     

  • Lui lo sa.    Chi è Gesù.     
  • Lui lo sa.    Che è Dio.                
  • Lui lo sa.    Che è il Figlio di Dio.     
  • Lui lo sa.    Che da sempre,  ci sta. 
  • Lui lo sa.    E lo dice a te.
  • Lui lo sa.    E ti dice  chi è.    

 

Eccolo,  è lui.    Il Figlio di Dio.

 

 

 

 

 

 

Voce di uno che grida

Inizio del vangelo di Gesù, Cristo, Figlio di Dio. Come sta scritto nel profeta Isaìa: «Ecco, dinanzi a te io mando il mio messaggero: egli preparerà la tua via. Voce di uno che grida nel deserto: Preparate la via del Signore, raddrizzate i suoi sentieri», vi fu Giovanni, che battezzava nel deserto e proclamava un battesimo di conversione per il perdono dei peccati. Accorrevano a lui tutta la regione della Giudea e tutti gli abitanti di Gerusalemme. E si facevano battezzare da lui nel fiume Giordano, confessando i loro peccati. Giovanni era vestito di peli di cammello, con una cintura di pelle attorno ai fianchi, e mangiava cavallette e miele selvatico. E proclamava: «Viene dopo di me colui che è più forte di me: io non sono degno di chinarmi per slegare i lacci dei suoi sandali. Io vi ho battezzato con acqua, ma egli vi battezzerà in Spirito Santo».

 

 

“Voce di uno che grida nel deserto:  Preparate la via del Signore, raddrizzate i suoi sentieri.”

E tu,  gridi ?

 

Voce di uno che grida.        Muto.  Stai muto.  Stai zitto.    Non dici niente.  Non esce niente.   Non c’è niente. Non c’è voce.    Non sei grido.  E non sei manco voce.

Voce di uno che grida.        Dici piano.   Dici a bassa voce.  Dici a mezza voce. Dici sottovoce.   Così non si sente. Così non ti sente.     Non sei grido. E manco voce.

Voce di uno che grida.        Dici poco.   Dici appena.   Dici per poco.  Dici a mala pena.   Dici pressappoco.      Non sei grido.  Non sei manco voce.

Voce di uno che grida.        Dici forse.  Dici chissà.    Dici però.  Dici ma.   Dici chi lo sa.   Dici che ne so.  Dici non lo so.         Non sei grido.  Non sei manco voce.

 

 

Preparate la via del Signore.       La sua via.   Quella che è solo sua.   Quella che ci passa lui.      Quella che viene lui.  Nel tuo cuore.

Raddrizzate i suoi sentieri.          La sua via.    L’hai storta tu.  L’hai distorta tu. L’hai contorta tu.   L’hai deviata tu.

Raddrizzate i suoi sentieri.          La sua via.    L’hai intasata tu.   Con i tuoi monti.  L’hai coperta con i tuoi monti.   L’hai nascosta sotto i tuoi monti.

Raddrizzate i suoi sentieri.          La sua via.     L’hai accidentata tu.  Con i tuoi sassi.     Che si scivola.  Che si inciampa.     Che si cade. A terra.

Raddrizzate i suoi sentieri.         La sua via.    L’hai bucata tu.   Con i tuoi burroni.    Che si casca dentro.  Che si crolla dentro.     Che si rimane dentro.

Raddrizzate i suoi sentieri.        La sua via.    L’hai bloccata tu.   L’hai sprangata. L’hai impedita.  L’hai chiusa.  L’hai annullata.      L’hai cancellata. La sua via.

Raddrizzate i suoi sentieri.        La sua via.     L’hai sostituita.   L’hai cambiata. L’hai scambiata.  Con un’altra via.    Che non è la sua.   Che è la tua.     E manco la tua.     Di un altro.  Che non è Dio.

 

 

Raddrizzate i suoi sentieri.       Chiedi a Gesù.    Solo lui ti leva.   Quello che ti storce il cuore.  Che ti distorce il cuore.  Che ti contorce il cuore.     E lo fa diritto.  E diritta la sua via.

Raddrizzate i suoi sentieri.       Chiedi a Gesù.     Solo lui ti abbassa. I tuoi monti. Che si prendono tutto il cuore.    Li fa pianura. Li spiana. Li fa piani.    E fa piana. La sua via.

Raddrizzate i suoi sentieri.       Chiedi a Gesù.     Solo lui li riempie.  I tuoi burroni.  I buchi del tuo cuore.  Che ti svuotano il cuore.       E non ci sono più.   E non ci caschi più.

Raddrizzate i suoi sentieri.       Chiedi a Gesù.     Solo lui li fa scappare.  Quelli che ti portano su un’altra via.    Che ti levano la sua via.   Che si prendono la sua via.    E ti rida la sua via.

 

 

Ora Gesù può passare.    Ora Gesù può venire.  Sulla sua via.    E il tuo cuore è pieno di gioia.     E lo dice a tutti .   E lo grida a tutti.

E  sei grido.    E  sei voce.

 

 

 

 

 

 

 

Vegliate

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Fate attenzione, vegliate, perché non sapete quando è il momento. È come un uomo, che è partito dopo aver lasciato la propria casa e dato il potere ai suoi servi, a ciascuno il suo compito, e ha ordinato al portiere di vegliare. Vegliate dunque: voi non sapete quando il padrone di casa ritornerà, se alla sera o a mezzanotte o al canto del gallo o al mattino; fate in modo che, giungendo all’improvviso, non vi trovi addormentati. Quello che dico a voi, lo dico a tutti: vegliate!».

 

 

“Voi non sapete quando il padrone di casa ritornerà… fate in modo che, giungendo all’ improvviso, non vi trovi addormentati.”

E tu,  dormi ?

Gesù  è il padrone di casa.    Che ti ha dato la sua casa.  Per fare le sue opere.    E quando torna,  come ti trova ?

 

 

Non vi trovi addormentati.        Hai gli occhi chiusi.     Non li tieni aperti.  Non li vuoi aperti.   Non devono stare aperti.       Dormi.  E non vegli.

Non addormentati.          Hai gli occhi chiusi.      Li hai stretti di più.  Serrati di più. Incollati più.   Così non possono vedere.       Dormi.  E non vegli.

Non addormentati.         Hai la bocca chiusa.     Non deve parlare. Non deve dire.  Non si deve aprire.   Non ci deve stare.       Dormi.  E non vegli.

Non addormentati.      Hai la mente chiusa.     Non deve capire.  Non vuole capire. Non può capire.  Non deve sapere.       Dormi.  E non vegli.

Non addormentati.      Hai il cuore chiuso.     Non deve sentire.  Non deve provare. Non ci deve stare.  Non ci può stare.       Dormi.  E non vegli.

Non addormentati.          Hai l’anima chiusa.     Se la sono presa loro.  Se la sono portata via loro.  La tengono loro.  È loro.    E sei senza anima.     E manco lo sai.   Dormi.  E non vegli.

 

 

Vegliate.      Devi vegliare.     Per non farti portare via l’anima.   Per non dargli l’anima.   Per non farti prendere l’anima.      Devi stare sveglio.

Vegliate.     Devi vegliare.  Devi stare con gli occhi aperti.    Per vedere. Chi lo fa. Chi ci prova.  Chi la vuole.  La tua anima.       Devi stare sveglio.

Vegliate.     Devi stare con gli occhi aperti.      Per vedere.   Chi ti porta via il tuo Signore.     Chi lo cambia. Chi lo scambia.   Con un altro Dio.

Vegliate.     Devi stare con gli occhi aperti.     Per vedere.  Chi ti porta via il Figlio di Dio.  Chi te lo leva.      Chi lo annulla. Chi lo fa sparire. Chi lo fa svanire.

Vegliate.      Devi stare con gli occhi aperti.       Per vedere.  Chi sono loro.   Per non stare con loro.     Per non fare come loro.  Per non essere come loro.   Per non essere loro.

 

Vegliate.       Devi stare con gli occhi aperti.       Per non farti portare via il Figlio   di Dio.      Per non fargli prendere il Figlio di Dio.   Per non dargli il Figlio di Dio.  Perché è il Figlio di Dio.   Che viene a prenderti.

Vegliate.       Devi stare con gli occhi aperti.      E stai di più,  con il Figlio di Dio. Già da ora.     E lo consoli. E lo ripari.  E lo ami.      Di più.  Già da ora.

Vegliate.       E stai con gli occhi aperti.     Rivolti a lui.  Pieni di lui. Ripieni di lui.  Ricolmi di lui.    Già da ora.

 

Vegliate.          Stai con gli occhi aperti.    E sei pronto.   E lo vedi.  E lo senti.  E lo sai.  Che viene.

Che viene a salvarti.

 

 

 

 

 

 

Cristo Re

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Quando il Figlio dell’uomo verrà nella sua gloria, e tutti gli angeli con lui, siederà sul trono della sua gloria. Davanti a lui verranno radunati tutti i popoli. Egli separerà gli uni dagli altri, come il pastore separa le pecore dalle capre, e porrà le pecore alla sua destra e le capre alla sinistra. Allora il re dirà a quelli che saranno alla sua destra: “Venite, benedetti del Padre mio, ricevete in eredità il regno preparato per voi fin dalla creazione del mondo, perché ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere, ero straniero e mi avete accolto, nudo e mi avete vestito, malato e mi avete visitato, ero in carcere e siete venuti a trovarmi”. Allora i giusti gli risponderanno: “Signore, quando ti abbiamo visto affamato e ti abbiamo dato da mangiare, o assetato e ti abbiamo dato da bere? Quando mai ti abbiamo visto straniero e ti abbiamo accolto, o nudo e ti abbiamo vestito? Quando mai ti abbiamo visto malato o in carcere e siamo venuti a visitarti?”. E il re risponderà loro: “In verità io vi dico: tutto quello che avete fatto a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me”. Poi dirà anche a quelli che saranno alla sinistra: “Via, lontano da me, maledetti, nel fuoco eterno, preparato per il diavolo e per i suoi angeli, perché ho avuto fame e non mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e non mi avete dato da bere, ero straniero e non mi avete accolto, nudo e non mi avete vestito, malato e in carcere e non mi avete visitato”. Anch’essi allora risponderanno: “Signore, quando ti abbiamo visto affamato o assetato o straniero o nudo o malato o in carcere, e non ti abbiamo servito?”. Allora egli risponderà loro: “In verità io vi dico: tutto quello che non avete fatto a uno solo di questi più piccoli, non l’avete fatto a me”. E se ne andranno: questi al supplizio eterno, i giusti invece alla vita eterna».

 

 

“Venite benedetti del Padre mio, ricevette in eredità il regno preparato per voi fin dalla creazione del mondo, perché ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere…”.

E tu,   sei benedetto ?

Viene Gesù.  Nella sua gloria.       E siede sul trono  della sua gloria.     È il Re.     Il vero Re.  Il Re dei re.     Il Re del cielo e della terra.     E il tuo Re.

 

 

Benedetti.

Ho avuto fame.       È venuto Gesù. In quel povero.   Ci sta Gesù. In quel povero. Era Gesù.  In quel povero.     Che aveva fame.

E mi avete dato da mangiare.         E tu lo hai dato a Gesù.  Quel pane.    Lo hai messo nelle mani di Gesù. Quel pane.     Hai visto gli occhi di Gesù.   Con quel pane.

Ho avuto sete.       È Gesù in quel povero,  che ha sete.     È Gesù sulla croce,   che ha sete.   Che ti chiede da bere.     Che lo chiede,  a te.

E mi avete dato da bere.      E  gli hai dato da bere.   Lo hai dissetato.  Lo hai riparato. Lo hai consolato.    In quel povero.

 

Ero malato.        È Gesù in quel malato,   che nessuno lo vuole.    Isolato. Perso. Disperso.    Sperduto.  Dimenticato.  Abbandonato.

E mi avete visitato.      E lo vai a trovare.   Non lo lasci solo.   Non lo fai stare solo. Lo tieni per mano.      È la mano di Gesù.  Quella mano.

Ero in carcere.       È Gesù chiuso.    Rinchiuso. Isolato.  Rifiutato.    Accusato. Condannato. Negato.    In quel povero.  

E siete venuti a trovarmi.         E tu,  quel povero.    Lo hai aiutato.     Ad uscire dalle sue sbarre.   Dalle sbarre del suo cuore.   E dalle sbarre della sua anima.

 

 

Maledetti.

Non mi avete dato da mangiare.        Sei tu,  quello che lo ha affamato.   Il piccolo. Sei quello che gli ha levato il pane.  Al piccolo.    Sei quello che non gli da il pane. Al piccolo.

Non mi avete dato da bere.         Sei quello che lo ha assetato,  il piccolo.    Sei quello che lo ha fatto arso.  Che lo ha fatto arido.  Che lo ha inaridito. Il piccolo.

 

Ero malato e non mi avete visitato.        Lo hai fatto tu,  malato.   lo hai voluto tu, malato.   Lo hai lasciato malato.     Non lo hai curato

Ero malato e mi avete visitato.         Lo hai fatto di più,  malato.    Lo hai eliminato. Lo hai fatto sparire.   Lo hai fatto morire.     Lo hai gettato.

 

Ero carcerato e mi avete visitato.         Gliele hai messe tu, le sbarre.   Gliele hai fatte tu, le sbarre.    Le hai volute tu, le sbarre.     Le hai bloccate  tu,   le sbarre.

Ero carcerato e non mi avete visitato.         Sei tu,   la sbarra.   Che lo incatena.   Sei tu la sbarra.   Che lo imprigiona.     Sei tu,  la sbarra.  Che lo tiene schiavo. Che lo vuole schiavo.   Che lo fa schiavo.          Ma il vero schiavo,  sei tu.    

 

 

Venite benedetti dal Padre mio.    

Il Padre,   ti ha benedetto.      Ti ha veduto.  Ti ha voluto.    Ti ha scelto.  Ti ha provato.      E si è compiaciuto.

Ricevete in eredità il regno.       Ti benedice,  anche il Figlio.    E ti fa entrare nel suo Regno.  Ti da il suo Regno.        Ti aspetta un Regno.  

 

Il Regno di Dio.    Per l’eternità.

 

 

 

 

 

 

I talenti

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli questa parabola: «Avverrà come a un uomo che, partendo per un viaggio, chiamò i suoi servi e consegnò loro i suoi beni. A uno diede cinque talenti, a un altro due, a un altro uno, secondo le capacità di ciascuno; poi partì. Subito colui che aveva ricevuto cinque talenti andò a impiegarli, e ne guadagnò altri cinque. Così anche quello che ne aveva ricevuti due, ne guadagnò altri due. Colui invece che aveva ricevuto un solo talento, andò a fare una buca nel terreno e vi nascose il denaro del suo padrone. Dopo molto tempo il padrone di quei servi tornò e volle regolare i conti con loro. Si presentò colui che aveva ricevuto cinque talenti e ne portò altri cinque, dicendo: “Signore, mi hai consegnato cinque talenti; ecco, ne ho guadagnati altri cinque”. “Bene, servo buono e fedele – gli disse il suo padrone –, sei stato fedele nel poco, ti darò potere su molto; prendi parte alla gioia del tuo padrone”. Si presentò poi colui che aveva ricevuto due talenti e disse: “Signore, mi hai consegnato due talenti; ecco, ne ho guadagnati altri due”. “Bene, servo buono e fedele – gli disse il suo padrone –, sei stato fedele nel poco, ti darò potere su molto; prendi parte alla gioia del tuo padrone”. Si presentò infine anche colui che aveva ricevuto un solo talento e disse: “Signore, so che sei un uomo duro, che mieti dove non hai seminato e raccogli dove non hai sparso. Ho avuto paura e sono andato a nascondere il tuo talento sotto terra: ecco ciò che è tuo”. Il padrone gli rispose: “Servo malvagio e pigro, tu sapevi che mieto dove non ho seminato e raccolgo dove non ho sparso; avresti dovuto affidare il mio denaro ai banchieri e così, ritornando, avrei ritirato il mio con l’interesse. Toglietegli dunque il talento, e datelo a chi ha i dieci talenti. Perché a chiunque ha, verrà dato e sarà nell’abbondanza; ma a chi non ha, verrà tolto anche quello che ha. E il servo inutile gettatelo fuori nelle tenebre; là sarà pianto e stridore di denti”».

 

 

“Colui invece che aveva ricevuto un solo talento, andò a fare una buca nel terreno e vi nascose il denaro del suo padrone”.

E tu,   con i talenti,  che ci fai ? 

 

Un uomo partendo per un viaggio.         L’uomo che parte  è Gesù.    È venuto.       È  asceso al cielo.  È partito per il cielo.      E ritorna.  Alla fine dei tempi.

Consegnò loro i suoi beni.      Lì da a te.  Proprio a te.  I suoi beni.    Te li mette anche a te,  nelle mani.    Li da anche a te,  nelle tue mani.     I suoi beni.

I suoi beni.          I talenti.      Sono  il suo bene più prezioso,  che ti da.     Sono il suo corpo e il suo sangue.       Sono  lo Spirito Santo.    Sono i doni dello Spirito Santo.       Che ti da  solo lui.  

 

Cinque talenti.          Il numero dei talenti,  non è di più o di meno.    Il di più o di meno,    è la tua capacità di prenderli.

Cinque talenti.       Ce ne hai cinque.  Sulle mani.     Ma non li tieni per te.   Non li fai tuoi.   Non lo fai tuo, Dio.     Lo passi agli altri. Lo doni agli altri.   E non finisce. E non diminuisce.      Aumenta.  Si moltiplica.

 

 

Un solo talento.        Sei pigro.       Non te ne va.   Non ne hai voglia.    Non ci sta la voglia.       Senza voglia.  Non ci entri. In Dio.

Un solo talento.        Sei chiuso.     Incastrato. Inchiodato. Serrato.   Non ti apri. Non ci entra Dio.  In te.

Un solo talento.         Sei duro.       Seccato. Impietrito. Indurito. Sei senza cuore. Non hai più cuore.      Non ci metti il cuore.  In Dio.

Un solo talento.        Sei malvagio.     Stai con il male.  Stai dalla parte del male.  Hai scelto il male.   Non Dio.

Un solo talento.        Hai paura.     Che Dio lo scopre.   Che Dio lo sa.  Che Dio lo vede.  Che Dio se ne accorge.       Ti mette in crisi Dio.

Andò fare una buca nel terreno.         E allora lo fai fuori.   Lo metti in una buca.       Lo hai sepolto.  Lo fai sepolto.        Ma ti sei sepolto  solo tu.  In quella buca.

Vi nascose il denaro del suo padrone.         Lo hai nascosto.    Lo fai  nascosto.   Così nessuno lo vede.  Così nessuno lo sa.  Che ci sta.       Ma ti sei nascosto solo tu.  In quella buca. 

 

So che sei un uomo duro.       Hai messo  in Dio.  Quello che sei tu.    Hai fatto diventare Dio.  Quello che sei tu.       Hai fatto Dio. Come sei tu.    Duro.

Che mieti dove non hai seminato.        E gli dai pure la colpa.    Hai messo in Dio, la tua colpa.   La fai diventare sua. La tua colpa.     È colpa sua. Non è colpa tua.

Toglietegli dunque il talento.        Lo hai fatto fuori tu.  Il talento.   Lo hai buttato via tu.  Il talento.      Lo hai buttato via tu.   Dio.

 

E rimani  senza Dio.                                                                                                  E senza  il talento.

 

 

 

 

Le dieci vergini

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli questa parabola: «Il regno dei cieli sarà simile a dieci vergini che presero le loro lampade e uscirono incontro allo sposo. Cinque di esse erano stolte e cinque sagge; le stolte presero le loro lampade, ma non presero con sé l’olio; le sagge invece, insieme alle loro lampade, presero anche l’olio in piccoli vasi. Poiché lo sposo tardava, si assopirono tutte e si addormentarono.  A mezzanotte si alzò un grido: “Ecco lo sposo! Andategli incontro!”. Allora tutte quelle vergini si destarono e prepararono le loro lampade. Le stolte dissero alle sagge: “Dateci un po’ del vostro olio, perché le nostre lampade si spengono”. Le sagge risposero: “No, perché non venga a mancare a noi e a voi; andate piuttosto dai venditori e compratevene”. Ora, mentre quelle andavano a comprare l’olio, arrivò lo sposo e le vergini che erano pronte entrarono con lui alle nozze, e la porta fu chiusa. Più tardi arrivarono anche le altre vergini e incominciarono a dire: “Signore, signore, aprici!”. Ma egli rispose: “In verità io vi dico: non vi conosco”. Vegliate dunque, perché non sapete né il giorno né l’ora».

 

“Cinque di esse erano stolte e cinque sagge; lei stolte presero le loro lampade, ma non presero con sé l’olio; le sagge invece, insieme alle loro lampade, presero anche l’olio in piccoli vasi”.

 

E tu,   lo prendi  l’olio ?

La vergine sei tu.      E lo sposo è Gesù.    Che viene,   e ti porta alle nozze.        Nel suo regno.

 

Le vergini.        La vergine,   è la tua anima.     Che non vuole altri dei.  Che non cerca altri dei.    Che non si è data ad altri dei.

Le vergini.        Hai un solo Dio.   Vuoi un solo Dio.  Ami un solo Dio.    Solo lui è   il tuo Dio.    E il tuo sposo.

 

 

Cinque erano stolte.         Ci vai.    Ma non ci pensi.   Pensi ad altro. Stai in altro.    Ci sta altro.     Di più. Di Gesù.

Cinque erano stolte.         Ci vai.    Ma non ci tieni.    Tieni ad altro.   Conta altro.    Ti prende altro.   Più di Gesù.

Cinque erano stolte.         Ci vai.      Perché ci va  l’altro.    Perché ci sta  l’altro. Perché lo fa l’altro.       Ci sta l’altro.   Non Gesù.

Presero le loro lampade.      La lampada ci sta.  La lampada ce l’hai.  Il posto dove mettere il fuoco.  Ce l’hai.

Ma non presero con se l’olio.       Ma l’olio che ci sta,  è dell’altro.  Ce lo ha messo l’altro.   Te lo da l’altro.      È altro.  Non è il tuo.

Ma non presero con se l’olio.       E l’olio dell’altro,  dura poco.   Ci sta per poco.   È per poco.   Ce ne sta poco.    Non è il tuo.

 

 

Cinque sagge.          Ci vai.    E ci pensi a Gesù.  Più dell’altro.    E ci tieni a Gesù. Più dell’altro.    E lo vuoi Gesù. Più dell’altro.      Gesù è di più.  Dell’altro.

Cinque sagge.          Ci vai.    E ci vai fino in fondo.   E ci stai fino in fondo.   E lo vuoi fino in fondo.   Gesù.

Insieme alle loro lampade.        Ci vai.      Con la tua lampada.   Con il tuo cuore.  Con tutto il cuore.       La tua lampada è  il cuore.

Insieme alle loro lampade.        E la fiamma  è il tuo amore.    Che esce dal tuo cuore.   Che arde.  Che balla. Che brilla. Che danza.     L’amore. Per Gesù.

Presero anche l’olio.         Ma non basta il cuore.    Ci vuole l’olio.  Ci pensi all’olio. Lo cerchi l’olio.   Ci metti l’olio.

 

Presero anche l’olio.         L’olio,  che alimenta la tua fiamma di amore.    L’olio, che fa di quella fiamma,  un amore vero.     L’olio , che fa di quella fiamma,  un amore intero.     È lo Spirito Santo.

Presero anche l’olio.       Lo Spirito Santo  è la fiamma.   È la fiamma di fuoco, che è scesa sugli apostoli.   È il segno che ci sta Dio.    È il segno che ti vuole Dio.   È il si di Dio.

Presero anche l’olio.         È l’olio santo,   dello Spirito Santo.    Che dura sempre. Che ci sta sempre.      Che dura fino alla fine.  Che ci sta fino alla fine.

Presero anche l’olio.        È l’olio dello Spirito Santo.   Che ti fa brillare il cuore.  E ti scalda il cuore.      E fa brillare anche l’altro.  E scalda anche l’altro.

 

Presero anche l’olio.        È l’olio  dello Spirito Santo.     Che ti fa attenta.   Che ti fa pronta.    Che ti fa sposa. Di Gesù.       E Gesù   ti apre la porta.

 

Ed entri nelle nozze.                                                                                                  Del regno dei cieli.

 

 

 

 

 

 

Gli scribi e i farisei

In quel tempo, Gesù si rivolse alla folla e ai suoi discepoli dicendo: «Sulla cattedra di Mosè si sono seduti gli scribi e i farisei. Praticate e osservate tutto ciò che vi dicono, ma non agite secondo le loro opere, perché essi dicono e non fanno. Legano infatti fardelli pesanti e difficili da portare e li pongono sulle spalle della gente, ma essi non vogliono muoverli neppure con un dito. Tutte le loro opere le fanno per essere ammirati dalla gente: allargano i loro filattèri e allungano le frange; si compiacciono dei posti d’onore nei banchetti, dei primi seggi nelle sinagoghe, dei saluti nelle piazze, come anche di essere chiamati “rabbì” dalla gente.  Ma voi non fatevi chiamare “rabbì”, perché uno solo è il vostro Maestro e voi siete tutti fratelli. E non chiamate “padre” nessuno di voi sulla terra, perché uno solo è il Padre vostro, quello celeste. E non fatevi chiamare “guide”, perché uno solo è la vostra Guida, il Cristo. Chi tra voi è più grande, sarà vostro servo; chi invece si esalterà, sarà umiliato e chi si umilierà sarà esaltato».

 

 

“Sulla cattedra di Mosé si sono seduti gli scribi e i farisei… Si compiacciono dei posti d’onore nei banchetti, dei primi seggi nelle sinagoghe, dei saluti nelle piazze, come anche di essere chiamati “rabbì” dalla gente.”

E tu,   chi chiami  Maestro ?

Uno solo è il Maestro.  È Gesù.    Uno solo è il Padre.  È Dio Padre.   Uno solo è la Guida.     È il Cristo. Il Figlio di Dio.    E non sei tu.

 

 

Gli scribi e i farisei.        Lo dicono loro.    Quello che devi pensare.  Quello che non devi pensare.   Quello che non puoi pensare.      Che non vogliono loro.

Gli scribi e i farisei.       Lo dicono loro.    Quello che devi dire.    Quello che puoi dire.  Quello che non puoi dire.       Che non vogliono loro.

Gli scribi i farisei.         Lo dicono loro.    Quello che puoi fare.   Quello che non puoi fare.  Quello che non devi fare.       Che non vogliono loro.

Gli scribi e i farisei.       Lo dicono loro.    Se ci puoi stare.   Se non ci devi stare.  Che ci puoi stare.  Che non ci puoi stare.      E ti fanno fuori.   Se non sei come loro.

 

 

Ma voi non fatevi chiamare rabbì.         Come fai,   a farti chiamare Maestro.  Tu che non lo sei.    Come farti chiamare Maestro. Tu che non lo sai.    Come fai a farti chiamare Maestro.    Al posto di Gesù.      

Ma voi non fatevi chiamare rabbì.           Come fai,   a chiamare Maestro un altro. Più di Gesù.    Come fai a chiamare Maestro un altro. Invece di Gesù.    Come fai a chiamare Maestro un altro.   Se è contro Gesù.    Come fai a chiamare Maestro un altro.    Se è  il contrario di Gesù. 

Uno solo è il vostro Maestro.         Fai Gesù solo,  il tuo Maestro.    Hai Gesù solo,  come Maestro.     Lo sa solo lui, che fare.   Lo  sa solo lui, come fare.   Perché è il Figlio di Dio.       E il tuo Maestro,   è il Figlio di Dio.    

 

Non chiamate padre nessuno di voi.            Come fai a metterti,   al posto di Dio Padre.      Come fai a farti chiamare,  come Dio Padre.    Come fai a prendere il nome di Dio Padre.   

Non chiamate padre nessuno di voi.         Come fai a chiamare  un altro.  Come Dio Padre.      Come fai a fare un altro.  Dio Padre.      Come fai ad adorare un altro.  Come Dio Padre.  

Uno solo è il Padre vostro.          Il nome del Padre.   È di Dio.   È Dio.     Non lo tocchi il nome di Dio.       Non lo dai.  Non lo cambi. Non lo cedi. Non lo scambi.   Con un altro nome.    Solo Dio,   è il Padre di tutti.  E non un altro.    Il Padre  è Dio.   E non un altro.

 

Non fatevi chiamare guide.          Come fai  a fare la Guida.   Tu che non sei la Guida.    Come fai a fare la guida.   Tu che non sai la meta.      Come fai a fare    la guida.    Tu che non sei  la meta.   

Una solo è la vostra Guida.         Come fai a fare un altro,  la Guida.   Più di Gesù.   Come fai a fare  un altro la Guida.   Invece di Gesù.     Come fai a fare  un altro  la Guida.  Se ti porta via da Gesù.     Come fai  a  fare  un altro la guida.   Se ti porta  all’opposto di Gesù. 

Una sola la vostra Guida. Il Cristo.      Solo Gesù  è la Guida.    Solo Gesù  sa      la meta.    Solo Gesù  è la meta.    Solo Gesù  conosce il Padre.   Solo Gesù ti porta al Padre.      E nessun altro. 

 

È Gesù,   e nessun altro.