Io sono la vite, voi i tralci.

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Io sono la vite vera e il Padre mio è l’agricoltore. Ogni tralcio che in me non porta frutto, lo taglia, e ogni tralcio che porta frutto, lo pota perché porti più frutto. Voi siete già puri, a causa della parola che vi ho annunciato. Rimanete in me e io in voi. Come il tralcio non può portare frutto da se stesso se non rimane nella vite, così neanche voi se non rimanete in me. Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me, e io in lui, porta molto frutto, perché senza di me non potete far nulla. Chi non rimane in me viene gettato via come il tralcio e secca; poi lo raccolgono, lo gettano nel fuoco e lo bruciano. Se rimanete in me e le mie parole rimangono in voi, chiedete quello che volete e vi sarà fatto. In questo è glorificato il Padre mio: che portiate molto frutto e diventiate miei discepoli».

 

 

Chi rimane in me, e io in lui, porta molto frutto, perché senza di me non potete    far nulla. Chi non rimane in me viene gettato via come il tralcio e secca; poi lo raccolgono, lo gettano nel fuoco e lo bruciano.”

E tu,   sei un tralcio ?

 

 

Io sono la vite,  voi i tralci.

  • Ti hanno levato Gesù.
  • Senza la vite.   Non sei un tralcio.
  • Senza la vite.   Non sei più un tralcio.
  • Senza la vite.   Non ci sta più  il tralcio.
  • Senza la vite.   Non ti tieni più.
  • Senza la vite.   Non ti reggi più.
  • Senza la vite.   Cadi giù.
  • Senza la vite.   Ti sei seccato.
  • Senza la vite.   Ti sei il roso.
  • Senza la vite.   Ti sei corroso.
  • Senza la vite.   Ti sei tagliato.
  • Senza la vite.   Ti sei buttato.
  • Senza la vite.   Ti sei perso.
  • Senza la vite.   Ti sei bruciato.

 

Chi rimane in me e io in lui.

  • In Gesù risorto.
  • Metti il tuo dito.   E ti innesti di nuovo.
  • Metti il tuo dito.   E ci entri di nuovo.
  • Metti il tuo dito.   E ti pianti di nuovo.
  • Metti il tuo dito.   E passa la linfa.
  • Metti il tuo dito.   E scorre la linfa.
  • Metti il tuo dito.   E torna la linfa.
  • Passa il suo sangue.
  • Passa lo Spirito Santo.
  • Che esce dal suo costato.
  • E torni in vita.
  • E torni tralcio.
  • E lui è  la tua vite.
  • E tu,   il suo tralcio.

 

Porta molto frutto.

  • Non ci mettere le mani tu.
  • Non farlo a modo tuo.
  • Non farlo tuo.   Il frutto.
  • Non farlo come vuoi tu.
  • Non farlo come sei tu.
  • Non sei tu.   Il frutto.
  • È la linfa.   Che fa i frutti.
  • È la linfa.   Che fa i frutti di Dio.
  • È la linfa.   Che fa i frutti del Padre.
  • E se il Padre ti pota.   
  • Ci stanno le mani del Padre.
  • Se ci stanno le mani del Padre.
  • Quel frutto è del Padre.   Di più.

 

  • E tu sei il tralcio  del Figlio.
  • E sei il tralcio   del Padre.

Il tralcio  di Dio.

 

 

 

 

 

 

Per riprenderla di nuovo

In quel tempo, Gesù disse: «Io sono il buon pastore. Il buon pastore dà la propria vita per le pecore. Il mercenario – che non è pastore e al quale le pecore non appartengono – vede venire il lupo, abbandona le pecore e fugge, e il lupo le rapisce e le disperde; perché è un mercenario e non gli importa delle pecore. Io sono il buon pastore, conosco le mie pecore e le mie pecore conoscono me, così come il Padre conosce me e io conosco il Padre, e do la mia vita per le pecore. E ho altre pecore che non provengono da questo recinto: anche quelle io devo guidare. Ascolteranno la mia voce e diventeranno un solo gregge, un solo pastore.
Per questo il Padre mi ama: perché io do la mia vita, per poi riprenderla di nuovo. Nessuno me la toglie: io la do da me stesso. Ho il potere di darla e il potere di riprenderla di nuovo. Questo è il comando che ho ricevuto dal Padre mio».

 

“Io do la mia vita, per poi riprenderla di nuovo. Nessuno me la toglie: io la do da me stesso. Ho il potere di darla e il potere di riprenderla di nuovo. Questo è il comando che ho ricevuto dal Padre mio”.

 

 

Io do la mia vita,   per poi riprenderla.

  • La mia vita.
  • La do.    Affinché   possa riprenderla.
  • La do.    Al fine che   posso riprenderla.
  • La do.    Con il fine che   posso riprenderla.
  • La do.    Così  posso riprenderla.
  • La do.    Così che   posso riprenderla.
  • La do.    In modo che   posso riprenderla.
  • Se non la do.    Non posso riprenderla.

 

  • La lascio.    Per prenderla a me.
  • La lascio.    Per prenderla su di me.
  • La lascio.    Per prenderla  di nuovo.
  • La lascio.    Per riprenderla  nuova.
  • La lascio.    Per non lasciarla più.
  • La lascio.    Per non perderla più.
  • La lascio.    E non la perdo più.
  • La lascio.    Per prenderla  di più.
  • La lascio.    Per prenderla  per sempre.
  • La lascio.    Per riprenderla.   Da sempre.

 

Nessuno me la toglie.

  • Nessuno  me la leva.
  • Nessuno  me la può levare.
  • Nessuno  me la può toccare.
  • Nessuno  me la può prendere.
  • Nessuno  ce la può fare.
  • Sono io  che la do.
  • Sono io  che lo fo.
  • Sono io  che lo posso fare.
  • Solo io   lo posso fare.

 

Ho il potere di darla e il potere di riprenderla di nuovo.

  • Solo io  ho il potere.
  • Solo mio  è il potere.
  • Solo io  l’ho potuto fare.
  • Di dare  la mia vita.
  • E di  farla tornare.
  • Solo Dio   lo può fare.
  • Solo Dio   ce la può fare.
  • Così lo sai   che sono Dio.
  • Così lo sai   che sono Figlio di Dio.
  • Così lo sai   che sono il Figlio del Dio Vivente.
  • Così lo sai   che sono il Vivente.  Per sempre.

 

Questo è il comando che ho ricevuto dal Padre mio.

  • Così lo sai   che lo ha voluto il Padre.
  • Così lo sai   che me lo ha chiesto il Padre.
  • Così lo sai   che lo ha fatto il Padre.
  • Così lo sai   che ci sta anche il Padre.
  • Così lo sai   chi la fa.    La risurrezione.

 

La fa  la Trinità.    La risurrezione.

 

 

 

 

 

 

Sono proprio io !

In quel tempo, [i due discepoli che erano ritornati da Èmmaus] narravano [agli Undici e a quelli che erano con loro] ciò che era accaduto lungo la via e come avevano riconosciuto [Gesù] nello spezzare il pane. Mentre essi parlavano di queste cose, Gesù in persona stette in mezzo a loro e disse: «Pace a voi!». Sconvolti e pieni di paura, credevano di vedere un fantasma. Ma egli disse loro: «Perché siete turbati, e perché sorgono dubbi nel vostro cuore? Guardate le mie mani e i miei piedi: sono proprio io! Toccatemi e guardate; un fantasma non ha carne e ossa, come vedete che io ho». Dicendo questo, mostrò loro le mani e i piedi. Ma poiché per la gioia non credevano ancora ed erano pieni di stupore, disse: «Avete qui qualche cosa da mangiare?». Gli offrirono una porzione di pesce arrostito; egli lo prese e lo mangiò davanti a loro. Poi disse: «Sono queste le parole che io vi dissi quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella legge di Mosè, nei Profeti e nei Salmi». Allora aprì loro la mente per comprendere le Scritture e disse loro: «Così sta scritto: il Cristo patirà e risorgerà dai morti il terzo giorno, e nel suo nome saranno predicati a tutti i popoli la conversione e il perdono dei peccati, cominciando da Gerusalemme. Di questo voi siete testimoni».

 

“Sono proprio io! Toccatemi e guardate; un fantasma non ha carne e ossa, come vedete che io ho.” Dicendo questo mostrò loro le mani e i piedi… Disse: “Avete qui qualche cosa da mangiare?” Gli offrirono una porzione di pesce arrostito, egli lo prese e lo mangiò davanti a loro.

E per te,   è proprio lui ?

 

Sono proprio io !

  • È lui.    È proprio lui.   
  • È Gesù.    Non sei tu.

 

  • Non sei tu.   Che lo fai apparire.
  • Non sei tu.   Che lo fai venire.
  • Non sei tu.   Che lo fai.
  • Non sei tu.   Che lo fai con il tuo pensiero.
  • Non sei tu.   Che lo fa il tuo pensiero.
  • Non sei tu.   Non è il tuo pensiero.
  • Non sei tu.   Che lo fai con l’intenzione.
  • Non sei tu.   Che lo fai con l’emozione.
  • Non sei tu.   Che lo fai dentro di te.
  • Non sei tu.   Che sta dentro di te.
  • Non sei tu.   Che fai la realtà.
  • Non sei tu.   Che la crei la realtà.
  • Non sei tu.   Non è tua la realtà.
  • Non sei tu.   Non sei tu  la realtà.

 

Un fantasma non ha carne e ossa.

  • Non è  una apparenza.  
  • Non è  che non ha sostanza.
  • Non è  che non ha corpo.
  • Ci sta  davvero.   Il corpo.
  • Non è che appare.  Un corpo.
  • Non è che pare.  Un corpo.
  • Non è che sembra.  Un corpo.
  • È davvero.   Un corpo.
  • Non è che sembra.   Se ha le ossa.
  • Non è che sembra.   Se ha la carne.
  • Non è che sembra.   Se tocchi la carne.
  • È davvero Gesù.   In carne e ossa.

 

Avete qualche cosa da mangiare?

  • Non è che sembra.   Se prende il pane.
  • Non è che sembra.   Se mangia il pane.
  • Non è che sembra.   Se va giù il pane.
  • Non è che sembra.   Se non ci sta più il pane.
  • È davvero   il corpo di Gesù.
  • È davvero   il corpo vero di Gesù.
  • È davvero   il corpo vivo di Gesù. 
  • È davvero   risorto Gesù.

 

È veramente risorto.   Il Signore Gesù. 

 

 

 

 

 

Gesù risorto e Tommaso

La sera di quel giorno, il primo della settimana, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, venne Gesù, stette in mezzo e disse loro: «Pace a voi!». Detto questo, mostrò loro le mani e il fianco. E i discepoli gioirono al vedere il Signore. Gesù disse loro di nuovo: «Pace a voi! Come il Padre ha mandato me, anche io mando voi». Detto questo, soffiò e disse loro: «Ricevete lo Spirito Santo. A coloro a cui perdonerete i peccati, saranno perdonati; a coloro a cui non perdonerete, non saranno perdonati». Tommaso, uno dei Dodici, chiamato Dìdimo, non era con loro quando venne Gesù. Gli dicevano gli altri discepoli: «Abbiamo visto il Signore!». Ma egli disse loro: «Se non vedo nelle sue mani il segno dei chiodi e non metto il mio dito nel segno dei chiodi e non metto la mia mano nel suo fianco, io non credo». Otto giorni dopo i discepoli erano di nuovo in casa e c’era con loro anche Tommaso. Venne Gesù, a porte chiuse, stette in mezzo e disse: «Pace a voi!». Poi disse a Tommaso: «Metti qui il tuo dito e guarda le mie mani; tendi la tua mano e mettila nel mio fianco; e non essere incredulo, ma credente!». Gli rispose Tommaso: «Mio Signore e mio Dio!». Gesù gli disse: «Perché mi hai veduto, tu hai creduto; beati quelli che non hanno visto e hanno creduto!». Gesù, in presenza dei suoi discepoli, fece molti altri segni che non sono stati scritti in questo libro. Ma questi sono stati scritti perché crediate che Gesù è il Cristo, il Figlio di Dio, e perché, credendo, abbiate la vita nel suo nome.

 

“Metti qui il tuo dito e guarda le mie mani; tendi la tua mano e mettila nel mio fianco;  e non essere incredulo, ma credente!”

E tu,   lo tocchi,  Gesù ?

 

Se non metto il mio dito nel foro dei chiodi.

  • Ti dicono che quel corpo,  si è annichilito.
  • Si è annullato.  Si è smaterializzato.
  • Non ci sta più la materia.  Non è più materia.
  • È diventato  luce.
  • Ma come fai  a toccare la luce?
  • Non si tocca la luce.  Non la tocchi  la luce.
  • Ti dicono che quel corpo,   è un’impressione.
  • È una suggestione.  Una immaginazione.  È un’idea.
  • Che te la crei tu.  Che te la fai.   Che la vuoi tu.
  • Ma l’idea  non ce l’ha il corpo.  Non ha corpo. Non è corpo.
  • Come fai  a toccarla?
  • Non si tocca.  Non la tocchi.   L’idea.

 

Metti qui il tuo dito.

Gesù lo dice  anche a te.     Ancora oggi.  Anche oggi.

  • Metti qui il tuo dito.
  • Così lo sai.  Che non si è annichilito.
  • Così lo sai.  Che non è sparito.
  • Così lo sai.  Che ce l’ha  il corpo.
  • Metti qui il tuo dito.   Nel foro dei chiodi.
  • Metti qui il tuo dito.   Al posto dei chiodi.
  • Così lo sai. Che è vero.   Il foro dei chiodi.
  • Così lo sai. Che è davvero.   Il foro dei chiodi.
  • Non è vuoto.   Quel foro dei chiodi.
  • È pieno della vita di Dio.   Quel foro dei chiodi.
  • È pieno dello Spirito di Dio.   Dello Spirito Santo.
  • Che ha guarito.   Le ferite dei chiodi.
  • Metti lì il tuo dito.     E guariscono pure le tue ferite.

 

 

Tendi la tua mano.

  • Tendi la tua mano.
  • Metti la tua mano.  In quella ferita.
  • La mette Gesù.  Nella sua ferita.
  • Quella è la ferita  della lancia.
  • Quella è la ferita.   Che ha fatto la lancia.
  • Quella è la ferita.   Che arriva al cuore.
  • Quella è la ferita.   Che è uscito il cuore.
  • Tocca quella ferita.   E tocchi il cuore di Gesù.
  • Tocca quella ferita.   E tocchi il sangue di Gesù.
  • È il sangue   che esce  dal suo cuore.
  • È il sangue   che scende  nel calice.
  • È il sangue  che ti salva.   Davvero.
  • È il sangue  che una goccia.   Salva  il mondo intero.

 

Ora lo sai. Che è Gesù.     Ora lo sai. Chi è Gesù.     Te lo dice il suo cuore.  

Signore mio !     E   Dio mio !

 

 

 

 

 

 

È Risorto

Passato il sabato, Maria di Màgdala, Maria madre di Giacomo e Salòme comprarono oli aromatici per andare a ungerlo. Di buon mattino, il primo giorno della settimana, vennero al sepolcro al levare del sole.  Dicevano tra loro: «Chi ci farà rotolare via la pietra dall’ingresso del sepolcro?». Alzando lo sguardo, osservarono che la pietra era già stata fatta rotolare, benché fosse molto grande. Entrate nel sepolcro, videro un giovane, seduto sulla destra, vestito d’una veste bianca, ed ebbero paura. Ma egli disse loro: «Non abbiate paura! Voi cercate Gesù Nazareno, il crocifisso. è risorto, non è qui. Ecco il luogo dove l’avevano posto. Ma andate, dite ai suoi discepoli e a Pietro: “Egli vi precede in Galilea. Là lo vedrete, come vi ha detto”».

 

Un angelo del Signore, infatti, sceso dal cielo, si avvicinò, rotolò la pietra e si pose a sedere su di essa. Il suo aspetto era come folgore e il suo vestito bianco come neve… “Non è qui. È risorto, infatti, come aveva detto.”   (Mt. 28, 1-6)

 

 

Un angelo del Signore.

  • Il cherubino del paradiso terrestre.
  • Sta nel cielo.
  • Custodisce  l’albero della vita.
  • Chiude la strada.  Dell’albero della vita.
  • Rotea  la spada.
  • La spada è  di folgore.

 

  • L’angelo della resurrezione.
  • Scende dal cielo.
  • Custodisce.  Cristo risorto.
  • Apre la strada.  Di Cristo risorto.
  • Rotea.  Rotola la pietra.
  • Il suo aspetto è  di folgore.

 

  • È sceso  il paradiso in terra.
  • È sceso  il paradiso sulla terra.
  • Gesù risorto.   È  il paradiso in terra.
  • Gesù risorto.   È  l’albero della vita.
  • Gesù risorto.   È  l’albero della vita di Dio.  In questa terra.

 

 

Non è qui.

  • Pensi.  Che il corpo è morto.
  • Pensi.  Che sta li.  Il corpo morto.
  • Pensi.  Che lo trovi lì.  Il corpo morto.
  • Pensi.  Che può stare solo li.  Il corpo morto.
  • Pensi.  Che è rimasto morto.   Il corpo.

 

  • Non è qui.  Il corpo morto.
  • Non sta più qui.  Il corpo morto.
  • Non c’è più.  Il corpo morto.
  • Non è più morto.   Il corpo.

 

È risorto.

  • Non è che non ci sta più  il corpo morto.
  • Non ci sta più  la morte.
  • La morte non è più  la fine.
  • La morte non è più  la morte.

 

  • Gesù ti dà  la vita di Dio.
  • Gesù ti dà  la vita in Dio.
  • E in Dio  non ci sta  la morte.

 

  • Gesù ti dà  la vita eterna.
  • Dio è eterno.  Non muore mai.
  • Ci sta sempre.  Ci sta per sempre.
  • E pure tu.   Se stai in lui.

 

  • Gesù  dà la vita.   Anche al tuo corpo.
  • In lui.   Anche il tuo corpo.  Torna in vita.  Alla fine dei tempi.
  • In lui.   Anche il tuo corpo.  Ha la vita  eterna.

 

  • Gesù ti dà  il  Paradiso celeste.
  • È molto di più   dell’albero della vita. 
  • È molto di più   del paradiso terrestre.

 

  • Gesù ti da il Paradiso.
  • Lì si  che ci sta la vita.
  • Lì  ci sta la vita vera.
  • Lì  comincia la vita vera.
  • Quella  che stai in Dio.
  • Quella  che ti dà Dio.
  • Quella  che vedi  il volto di Dio.
  • Quella  che sei beato  in Dio.
  • Per sempre.

 

 

Ecco  cosa è.    Ecco cosa significa  risorto.    Ecco cosa è  la risurrezione.     Ecco cosa fa  la risurrezione.      Ecco chi è  la Risurrezione. 

 

Gesù  è la  Risurrezione.

 

 

 

 

 

 

La Passione

Al mattino, i capi dei sacerdoti, con gli anziani, gli scribi e tutto il sinedrio, dopo aver tenuto consiglio, misero in catene Gesù, lo portarono via e lo consegnarono a Pilato. Pilato gli domandò: «Tu sei il re dei Giudei?». Ed egli rispose: «Tu lo dici». I capi dei sacerdoti lo accusavano di molte cose. Pilato lo interrogò di nuovo dicendo: «Non rispondi nulla? Vedi di quante cose ti accusano!». Ma Gesù non rispose più nulla, tanto che Pilato rimase stupito. A ogni festa, egli era solito rimettere in libertà per loro un carcerato, a loro richiesta. Un tale, chiamato Barabba, si trovava in carcere insieme ai ribelli che nella rivolta avevano commesso un omicidio. La folla, che si era radunata, cominciò a chiedere ciò che egli era solito concedere. Pilato rispose loro: «Volete che io rimetta in libertà per voi il re dei Giudei?». Sapeva infatti che i capi dei sacerdoti glielo avevano consegnato per invidia. Ma i capi dei sacerdoti incitarono la folla perché, piuttosto, egli rimettesse in libertà per loro Barabba. Pilato disse loro di nuovo: «Che cosa volete dunque che io faccia di quello che voi chiamate il re dei Giudei?». Ed essi di nuovo gridarono: «Crocifiggilo!». Pilato diceva loro: «Che male ha fatto?». Ma essi gridarono più forte: «Crocifiggilo!». Pilato, volendo dare soddisfazione alla folla, rimise in libertà per loro Barabba e, dopo aver fatto flagellare Gesù, lo consegnò perché fosse crocifisso. Allora i soldati lo condussero dentro il cortile, cioè nel pretorio, e convocarono tutta la truppa. Lo vestirono di porpora, intrecciarono una corona di spine e gliela misero attorno al capo. Poi presero a salutarlo: «Salve, re dei Giudei!». E gli percuotevano il capo con una canna, gli sputavano addosso e, piegando le ginocchia, si prostravano davanti a lui. Dopo essersi fatti beffe di lui, lo spogliarono della porpora e gli fecero indossare le sue vesti, poi lo condussero fuori per crocifiggerlo. Costrinsero a portare la croce di lui un tale che passava, un certo Simone di Cirene, che veniva dalla campagna, padre di Alessandro e di Rufo. Condussero Gesù al luogo del Gòlgota, che significa «Luogo del cranio», e gli davano vino mescolato con mirra, ma egli non ne prese. Poi lo crocifissero e si divisero le sue vesti, tirando a sorte su di esse ciò che ognuno avrebbe preso. Erano le nove del mattino quando lo crocifissero. La scritta con il motivo della sua condanna diceva: «Il re dei Giudei». Con lui crocifissero anche due ladroni, uno a destra e uno alla sua sinistra. Quelli che passavano di là lo insultavano, scuotendo il capo e dicendo: «Ehi, tu che distruggi il tempio e lo ricostruisci in tre giorni, salva te stesso scendendo dalla croce!». Così anche i capi dei sacerdoti, con gli scribi, fra loro si facevano beffe di lui e dicevano: «Ha salvato altri e non può salvare se stesso! Il Cristo, il re d’Israele, scenda ora dalla croce, perché vediamo e crediamo!». E anche quelli che erano stati crocifissi con lui lo insultavano. Quando fu mezzogiorno, si fece buio su tutta la terra fino alle tre del pomeriggio. Alle tre, Gesù gridò a gran voce: «Eloì, Eloì, lemà sabactàni?», che significa: «Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?». Udendo questo, alcuni dei presenti dicevano: «Ecco, chiama Elia!». Uno corse a inzuppare di aceto una spugna, la fissò su una canna e gli dava da bere, dicendo: «Aspettate, vediamo se viene Elia a farlo scendere». Ma Gesù, dando un forte grido, spirò. Il velo del tempio si squarciò in due, da cima a fondo. Il centurione, che si trovava di fronte a lui, avendolo visto spirare in quel modo, disse:  «Davvero quest’uomo era Figlio di Dio!».

 

 

“Dall’ora sesta si fece buio per tutta la terra fino all’ora nona… Gesù dopo aver di nuovo gridato con gran voce, rese lo spirito. Ed ecco che il velo del tempio si squarciò in due parti da capo a fondo, e la terra tremò e le rocce si fendettero, e le tombe si spalancarono e molti corpi di santi che riposavano risuscitarono; e usciti dalle tombe entrarono, dopo la risurrezione di lui, nella città santa e apparvero a molti” (Mt 27,45-53)

Guarda quello che si vede.   Guarda quello che succede.

 

 

Dall’ora sesta si fece buio per tutta la terra fino allora nona.

  • Si oscura il cielo.  Si fa scuro il cielo. 
  • Te lo dice il cielo.  Che sta succedendo.
  • Te lo dice il cielo.  Che stai facendo.
  • Così le vedi le tenebre. 
  • Così le vedi.  Che ci stanno le tenebre.
  • Così le vedi.  Che stanno dappertutto.
  • Così le vedi.  Che si prendono tutto.
  • Così lo senti  il freddo delle tenebre.
  • Così lo senti  il gelo delle tenebre.
  • E fa tremare  il gelo delle tenebre.
  • Entra nelle ossa  il gelo delle tenebre.
  • Così la senti  l’angoscia delle tenebre.
  • Così la provi  l’angoscia delle tenebre.
  • Così la provi  l’angoscia,  che rimani nelle tenebre.
  • Così la provi  l’angoscia,  che non se ne vanno le tenebre.
  • Così la provi  l’angoscia,  che sei schiavo delle tenebre.
  • Per tre ore.  Non è per poco. Non è da poco. Non è poco.
  • Così lo sai che non è un caso.  Così lo sai che non è per caso.
  • Così lo sai che viene da Dio.  Così lo sai che lo può fare solo Dio.
  • Così lo sai che ci sta Dio.   Così lo sai che  lo fa Dio.

 

La terra tremò.

  • Te lo dice la terra.  Che sta succedendo.
  • Te lo dice la terra.  Che stai facendo.
  • Trema la terra.  Si scuote la terra.  Si percuote la terra.
  • Si crepa la terra. Crepa la terra.   Per quello che fai.
  • Hai i brividi la terra.   Davanti a quello che fai.
  • Ti leva la base, la terra.   Ti scuote la base. Ti scuote alla base.
  • E allora lo senti.   Che hai levato Dio.  E hai levato la base.
  • E allora lo senti.   Che se non ci sta Dio.  Non ci sta la base.
  • E allora lo senti.   Che se non hai Dio.  Non hai la base.
  • E crolla tutto.

 

Le rocce si fendettero.

  • Si spezzano le rocce.  Si spaccano le rocce.
  • Gli si spezza il cuore.   Pure alle rocce.
  • Gli si spacca il cuore.   Pure alle rocce.
  • Davanti a quello che fai.   Per quello che fai.
  • E allora lo senti.   Che hai il cuore di pietra.
  • Che è più duro della pietra.   Che è più duro delle rocce.
  • Che è più arido delle rocce.    Che sono meglio le rocce.

 

Il velo si squarciò.

  • Il corpo di Gesù.  È il tempio di Dio.    Te lo fa vedere Dio.
  • La sua carne è lacerata.   E si lacera il velo del tempio.
  • La sua carne è strappata.   E si strappa il velo del tempio.
  • La sua carne è squarciata.   E si squarcia il velo del tempio.
  • La lancia lo ha trafitto al centro.  E il velo si squarcia al centro.  (Lc  23,45)
  • La lancia lo ha trafitto fino in fondo.  E il velo si squarcia da cima a fondo.
  • La lancia lo ha trafitto nel profondo.   Si squarcia  il velo più profondo.
  • La carne di Gesù. È il nuovo velo.   Il corpo di Gesù.  È il nuovo tempio.        Il Figlio di Dio.  È il tempio dove sta Dio.    Nel Figlio di Dio.  Sta Dio.

 

  E le tombe si spalancarono.

  • Le tombe spalancate.  Ti dicono  che:
  • La croce di Gesù.   Ha vinto la morte.
  • La croce di Gesù.   Ha sconfitto la morte.
  • La croce di Gesù.   Ha distrutto la morte.
  • Sulla croce di Gesù.   È morta  la morte.
  • Sulla croce di Gesù.   Non ci sta più la morte.
  • Ti dicono che:
  • La croce di Gesù.     È l’albero della Vita,   che avevi perduto.
  • La croce di Gesù.    Ti ridà la Vita,   che avevi perduto. 
  • La croce di Gesù.    Ti ridà il Paradiso,   che avevi perduto.

 

E molti corpi risuscitarono.

  • Se stai in Gesù.    Esci pure tu.  Dai tuoi sepolcri .  Vieni fuori pure tu.        Dai tuoi sepolcri.    Risusciti pure tu.  Dai tuoi sepolcri.
  • Se stai in Gesù.    Pure il tuo corpo risuscita.   Pure il tuo corpo risuscita       in Gesù.  Alla fine dei tempi.    Insieme ai Santi che hanno creduto in lui.  Perché hanno creduto in lui.  Che sono in lui.   Come te.

 

E apparvero a molti.

  • E dopo che Gesù è risorto,  anche loro appaiono a molti.   Come appare Gesù.  Dopo che è risorto.
  • Per fare vedere. Che sono vivi.   Per far vedere che è vero.  Per far sapere che è vero.  Che anche il corpo è risorto.
  • Così lo sai  che è risorto Gesù.   Così lo sai che è risorto davvero.  Così lo sai che è risorto con il corpo.    Così lo sai che è risorto.  Tutto intero.

 

 

E dopo che hai visto.   E dopo che hai sentito.   E dopo che hai provato.           Puoi dire anche tu.

Davvero,  era Figlio di Dio.   Gesù.

 

 

 

 

 

 

 

Trarrò tutto a me

In quel tempo, tra quelli che erano saliti per il culto durante la festa c’erano anche alcuni Greci. Questi si avvicinarono a Filippo, che era di Betsàida di Galilea, e gli domandarono: «Signore, vogliamo vedere Gesù». Filippo andò a dirlo ad Andrea, e poi Andrea e Filippo andarono a dirlo a Gesù. Gesù rispose loro: «È venuta l’ora che il Figlio dell’uomo sia glorificato. In verità, in verità io vi dico: se il chicco di grano, caduto in terra, non muore, rimane solo; se invece muore, produce molto frutto. Chi ama la propria vita, la perde e chi odia la propria vita in questo mondo, la conserverà per la vita eterna. Se uno mi vuole servire, mi segua, e dove sono io, là sarà anche il mio servitore. Se uno serve me, il Padre lo onorerà. Adesso l’anima mia è turbata; che cosa dirò? Padre, salvami da quest’ora? Ma proprio per questo sono giunto a quest’ora! Padre, glorifica il tuo nome». Venne allora una voce dal cielo: «L’ho glorificato e lo glorificherò ancora!». La folla, che era presente e aveva udito, diceva che era stato un tuono. Altri dicevano: «Un angelo gli ha parlato». Disse Gesù: «Questa voce non è venuta per me, ma per voi. Ora è il giudizio di questo mondo; ora il principe di questo mondo sarà gettato fuori. E io, quando sarò innalzato da terra, attirerò tutti a me». Diceva questo per indicare di quale morte doveva morire.

 

 

“Adesso si fa il giudizio del mondo; adesso il principe di questo mondo sarà cacciato fuori. Ed io, quando sarò innalzato da terra, trarrò tutto a me.”  (Bibbia Ricciotti 1943).   (Vulgata 382..“omnia traham ad me ipsum”;  Vulgata Clementina 1592..“omnia traham ad me ipsum”;   Bibbia Martini 1778…“trarrò tutto a me”).

E tu,   stai dentro,   o stai fuori ?

 

Adesso si fa il giudizio.

  • Se stai con il male.
  • Stai fuori.
  • Cacciato fuori.
  • Con lui.

 

  • Se stai con Gesù.
  • Stai dentro.
  • Tirato dentro Gesù.
  • Tirato dentro da Gesù.
  • Nella sua gloria.

 

Adesso il principe di questo mondo sarà cacciato fuori.

  • Adesso. Ora.  È ora. Proprio ora.    
  • Il male  è cacciato fuori.   
  • Il male  è buttato fuori.    
  • Il male  è gettato fuori.   
  • Il male  è fatto fuori.   
  • Il male  è fuori.
  • Adesso. Ora.  È ora. Proprio ora.     
  • Il male  non comanda più. 
  • Il male  non decide più.    
  • Il male  non ordina più.   
  • Il male  non rovina più.
  • Adesso. Ora.  È ora. Proprio ora.     
  • La croce  lo ha schiacciato. 
  • La croce  lo ha atterrato.   
  • La croce  lo ha affossato.   
  • La croce  lo ha spianato.
  • Adesso. Ora.  È ora. Proprio ora.     
  • La croce  lo ha sconfitto.  
  • La croce  lo ha battuto.   
  • La croce  lo ha perso.   
  • La croce  lo ha disperso.

 

Ed io, quando sarò innalzato da terra.

  • Se stai in Gesù.    
  • Il male è cacciato fuori.  Pure da te.    
  • Il male è gettato fuori.   Pure da te.    
  • Il male è fatto fuori.   Pure in te.
  • Se stai in lui.   
  • Stacca pure te.  Da terra.   
  • Ti tira su pure a te.  Da terra.         
  • Ti alza. Pure te.  Da terra.   
  • Ti innalza. Pure te.  Da terra.

 

Trarrò  tutto a me.

  • Se stai in lui.    
  • Ti tira a sé.  Pure a te.    
  • Ti attira a sé.  Pure a te.    
  • Ti tiene a sé.  Pure a te.   
  • Ti prende su di sé.  Pure a te.
  • E non trae a sé.   Solo te.   
  • Trae a sé.   Tutte le cose.     
  • Prende su di sé.  Tutte le cose.     
  • Congiunge in sé.  Tutte le cose.     
  • Le cose della terra.  E quelle del cielo.       
  • Le cose della terra.   A quelle del cielo.

 

 

  • Ecco cosa è quella croce.    È la porta del cielo.    
  • Ecco cosa è quella croce.    È la vittoria di Dio.     
  • È la gloria di Dio.     È la gloria del Figlio.   E la gloria del Padre.

 

È   la croce  gloriosa.

 

 

 

 

 

 

Gesù e Nicodemo

In quel tempo, Gesù disse a Nicodèmo: «Come Mosè innalzò il serpente nel deserto, così bisogna che sia innalzato il Figlio dell’uomo, perché chiunque crede in lui abbia la vita eterna. Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito perché chiunque crede in lui non vada perduto, ma abbia la vita eterna. Dio, infatti, non ha mandato il Figlio nel mondo per condannare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui. Chi crede in lui non è condannato; ma chi non crede è già stato condannato, perché non ha creduto nel nome dell’unigenito Figlio di Dio. E il giudizio è questo: la luce è venuta nel mondo, ma gli uomini hanno amato più le tenebre che la luce, perché le loro opere erano malvagie. Chiunque infatti fa il male, odia la luce, e non viene alla luce perché le sue opere non vengano riprovate. Invece chi fa la verità viene verso la luce, perché appaia chiaramente che le sue opere sono state fatte in Dio».

 

 

“E il giudizio è questo: la luce è venuta nel mondo, ma gli uomini hanno amato più le tenebre che la luce, perché le loro opere erano malvagie. Chiunque infatti fa il male, odia la luce, e non viene alla luce perché le sue opere non vengano riprovate. Invece chi fa la verità viene verso la luce perché appaia chiaramente che le sue opere sono state fatte in Dio.”

E tu,    ami le tenebre,  o ami la luce?

 

La luce è venuta nel mondo.

  • Se ami le tenebre.
  • Non vuoi la luce.
  • Non vuoi Gesù.
  • E non ti salvi.

 

  • Se ami la luce.
  • Vuoi la luce.
  • Vuoi Gesù.
  • E ti salvi.

 

Ami le tenebre.

  • Vuoi le tenebre.   Hai scelto le tenebre.    Stai  con le tenebre.    Non le lasci   le tenebre.
  • Così non si vede.  Il male che fai.      Così non si vede.  Il male che vuoi.    Così non si vede.   Il male che sei.
  • Non ci metti  la luce.  Non fai entrare la luce.    E non lo vedi il male che fai.     E te lo tieni.   Il male che  fai.
  • Non ci fai entrare  Gesù.   Non ci metti Gesù.    Lo tieni fuori.   Lo metti fuori.   Lo fai fuori  Gesù.     Come fa a salvarti ? 

 

Ami la luce.

  • La vuoi  la luce.   Hai scelto  la luce.    Stai nella luce.    Non ci stai senza la luce.
  • Ci metti la luce.     E si vede.  E si sa.  Che quello che fai è verità.   E fai la verità.  
  • Ci metti la luce.     E si vede. E si sa.     Che quello che fai,  lo fai in Dio.    Che quello che fai  è  in Dio.   
  • Ci metti Gesù.  Che è la luce.  Che è la luce di Dio.    Stai con lui.  Stai in lui.   E ti  può salvare.

 

 

Perché il mondo sia salvato per mezzo di lui.

  • Solo la luce di Dio,  solo Gesù,   ti può liberare dalle tenebre.   Dalle tue tenebre.      Lascia le tenebre.  Entra nella sua luce.    E se ne vanno le tenebre. E scappano le tenebre.    E le tenebre  non ci sono più.  

Ti  ha salvato   Gesù.  

 

 

 

 

 

I mercanti del tempio

Si avvicinava la Pasqua dei Giudei e Gesù salì a Gerusalemme. Trovò nel tempio gente che vendeva buoi, pecore e colombe e, là seduti, i cambiamonete. Allora fece una frusta di cordicelle e scacciò tutti fuori del tempio, con le pecore e i buoi; gettò a terra il denaro dei cambiamonete e ne rovesciò i banchi, e ai venditori di colombe disse: «Portate via di qui queste cose e non fate della casa del Padre mio un mercato!». I suoi discepoli si ricordarono che sta scritto: «Lo zelo per la tua casa mi divorerà». Allora i Giudei presero la parola e gli dissero: «Quale segno ci mostri per fare queste cose?». Rispose loro Gesù: «Distruggete questo tempio e in tre giorni lo farò risorgere». Gli dissero allora i Giudei: «Questo tempio è stato costruito in quarantasei anni e tu in tre giorni lo farai risorgere?». Ma egli parlava del tempio del suo corpo. Quando poi fu risuscitato dai morti, i suoi discepoli si ricordarono che aveva detto questo, e credettero alla Scrittura e alla parola detta da Gesù. Mentre era a Gerusalemme per la Pasqua, durante la festa, molti, vedendo i segni che egli compiva, credettero nel suo nome. Ma lui, Gesù, non si fidava di loro, perché conosceva tutti e non aveva bisogno che alcuno desse testimonianza sull’uomo. Egli infatti conosceva quello che c’è nell’uomo.

 

 

“Allora fece una frusta di cordicelle e scacciò tutti fuori del tempio, con le pecore e i buoi; gettò a terra il denaro dei cambiamonete e ne rovesciò i banchi, e ai venditori di colombe disse: “Portate via di qui queste cose e non fate della casa del Padre mio un mercato!”

E tu, lo scacci, quello che non è di Dio?

 

 

  • Fai come Gesù.
  • Scaccia quello.  Che non è di Dio.
  • Scaccia quello.  Che non è Dio.
  • Scaccia quello.  Che ti prende l’anima.

 

Gettò a terra il denaro dei cambiamonete.

  • Non ci può stare Mammona.  Davanti al tempio.
  • Non ci può stare Mammona.  Dentro al tempio.
  • Non è di Mammona.  Il tempio.
  • Non è Mammona.  Il tempio.
  • E lo scaccia Gesù.  Davanti al tempio.
  • E lo scaccia Gesù.  Da dentro il tempio.
  • E lo tira via Gesù.  Dal tempio.
  • E lo stacca Gesù.  Dal tempio.

Rovesciò i banchi.

  • E gli rovescia tutti i banchi Gesù.   A mammona.
  • E gli butta all’aria tutti i banchi Gesù.   A mammona.
  • E gli manda all’aria tutti i banchi Gesù.   A mammona.
  • E gli manda all’aria tutti i piani. Gesù.   A mammona.

 

Non fate della casa del Padre mio un mercato.

  • È la casa del Padre.  Quel tempio.
  • È la casa che appartiene al Padre.  Quel tempio.
  • È la casa riservata al Padre.  Quel tempio.
  • E tu l’hai fatto un mercato.  Quel tempio.
  • E tu lo hai venduto al mercato.  Quel tempio.
  • E ti sei venduto.  Il tempio.
  • E ti sei venduto Dio.   Con quel tempio.

 

Lo zelo per la tua casa mi divorerà.

  • Se non ci tieni.   Al tempio.
  • Se non ardi.   Per il tempio.
  • Se non bruci.    Per il tempio.
  • Non ci sta il fuoco di Dio.  In te.
  • Non ci sta Dio.  
  • Se ti prende il fuoco.  
  • Se ti accende il fuoco.
  • Se ti divora il fuoco.
  • Allora ci sta  il fuoco dello Spirito Santo.  
  • E ci sta Dio.   In te.

 

In tre giorni lo farò risorgere.

  • E ci sta il Figlio  di Dio.  
  • Ci sta il corpo  del Figlio.
  • Ci sta il corpo risorto  del Figlio.
  • È lui   il tempio  del Padre.
  • È lui   il tempio.

È lui  il tempio,  della tua anima.

 

 

 

 

 

 

La trasfigurazione del Signore

In quel tempo, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni e li condusse su un alto monte, in disparte, loro soli. Fu trasfigurato davanti a loro e le sue vesti divennero splendenti, bianchissime: nessun lavandaio sulla terra potrebbe renderle così bianche. E apparve loro Elia con Mosè e conversavano con Gesù. Prendendo la parola, Pietro disse a Gesù: «Rabbì, è bello per noi essere qui; facciamo tre capanne, una per te, una per Mosè e una per Elia». Non sapeva infatti che cosa dire, perché erano spaventati. Venne una nube che li coprì con la sua ombra e dalla nube uscì una voce: «Questi è il Figlio mio, l’amato: ascoltatelo!». E improvvisamente, guardandosi attorno, non videro più nessuno, se non Gesù solo, con loro. Mentre scendevano dal monte, ordinò loro di non raccontare ad alcuno ciò che avevano visto, se non dopo che il Figlio dell’uomo fosse risorto dai morti. Ed essi tennero fra loro la cosa, chiedendosi che cosa volesse dire risorgere dai morti.

 

Fu trasfigurato davanti a loro e le sue vesti divennero splendenti, bianchissime; nessun lavandaio sulla terra potrebbe renderle così bianche. E apparve loro Elia con Mosé e conversavano con Gesù.

E tu, la vedi la sua luce?

 

  • Ci sta la Trinità.   Nella trasfigurazione.
  • La fa la Trinità.   La trasfigurazione.
  • È la Trinità.   La trasfigurazione.

 

Fu trasfigurato.

  • Ora lo vedi.   Quello che ci sta dentro.
  • Ora lo vedi.   Quello che viene fuori.
  • Ora lo vedi.   Quello che passa fuori.
  • Ora lo vedi.   Quello che traspare fuori.
  • Ora lo vedi.   Quello che è Gesù.

 

È Dio.

  • È la luce del Padre.   Che guarda il Figlio.
  • È la luce del Padre.   Che brilla nel Figlio.
  • È la luce del Padre.   Che brilla per il Figlio.
  • È la luce del Figlio.   Che brilla per il Padre.
  • È la luce del Figlio.   Che brilla nel Padre.
  • È la luce del Figlio.   Che brilla con il Padre.
  • È la luce dello Spirito Santo.   Che sta nel Padre e nel Figlio.
  • È la luce dello Spirito Santo.   Che sta tra il Padre e il Figlio.
  • È la luce dello Spirito Santo.   Che è la luce del Padre e del Figlio.

 

È il Figlio di Dio.

Venne una nube.     Ci sta lo Spirito Santo. Come una nube.  Che viene dall’alto. Che ti copre dall’alto.  Che ti porta Dio.

Dalla nube uscì una voce.     Ci sta il Padre. La voce del Padre.  Viene dal Padre. La vuole il Padre.  La fa il Padre.    La gloria del Figlio.

Questi è il Figlio mio.        Ci sta il Figlio.   Te lo dice il Padre. Che è il Figlio.  Lo afferma il Padre che è il Figlio.    Lo conferma il Padre. Che è il Figlio.

L’amato.      E ci sta l’amore del Padre.  Nel Figlio.   Ci sta l’amore del Padre.  Per il Figlio.   Ci sta l’amore del Padre.  Per te.

Ascoltatelo.        Ci sta la parola del Padre. Nel Figlio.   Ci sta quello che ti dice il Padre. Nel Figlio.    Ci sta quello che vuole il Padre. Nel Figlio.    Da te.

 

Risorto dai morti.       Se stai in Gesù.  Se stai in lui.  Se sei in lui.   Entri nella sua luce.       Entri nella sua vittoria.  Entri nella sua gloria.  Entri nella gloria del Figlio. Entri nella gloria del Padre.

 

Nella gloria   della Trinità.