La divisione

 

 

 

 

 

 In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:  «Sono venuto a gettare fuoco sulla terra, e quanto vorrei che fosse già acceso! Ho un battesimo nel quale sarò battezzato, e come sono angosciato finché non sia compiuto! Pensate che io sia venuto a portare pace sulla terra? No, io vi dico, ma divisione. D’ora innanzi, se in una famiglia vi sono cinque persone, saranno divisi tre contro due e due contro tre; si divideranno padre contro figlio e figlio contro padre, madre contro figlia e figlia contro madre, suocera contro nuora e nuora contro suocera».

 

 

 

Pensate   che io sia venuto  a portare pace sulla terra?      No,  io vi dico,  ma divisione.          E tu,   la porti ?

 

No.

Ti adatti.      Ti uniformi.  Ti sformi.       E diventi una copia.    Una fotocopia.  Degli altri.    Così  non sei escluso.

Tra te e l’altro,   non solo non c’è divisione.     Ma neppure separazione. Neppure una riga. Neppure una linea.  Neppure un segno.      Sei fuso, confuso.  Così  non sei escluso.

E se Dio   ti manda a dire qualcosa,    la tieni per te.     Nascosta, riposta.  La butti via.  Così  nessuno ti butta via.      Nessun  ti manda via.     E non sei escluso.

 

Come Gesù.

Sei pieno di fuoco.   Del fuoco dello Spirito Santo.     Che ti arde dentro.   E ti fa dire.         E ti fa andare.   E ti fa fare,   quello che  ha detto Dio.

E se l’altro   non vuole,    non stai zitto.                                                                                     E se l’altro   non vuole,    non stai  fermo.                                                                              E se l’altro   non vuole,    non torni indietro.                                                                            E se l’altro   non vuole,    non lasci Dio.                                                                                   E se l’altro   non vuole,    non vuole Dio.

Se l’altro  non vuole.    Non sei diviso.                                                                                    È lui   che è diviso,   da Dio.    E dagli altri.

 

E tu,   sei,                                                                                                                                  la sua  occasione.

 

 

 

 

 

 

Il fuoco di Dio

 insegna1 (1) - Copia In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:   «Sono venuto a gettare fuoco sulla terra, e quanto vorrei che fosse già acceso! Ho un battesimo nel quale sarò battezzato, e come sono angosciato finché non sia compiuto!  Pensate che io sia venuto a portare pace sulla terra? No, io vi dico, ma divisione. D’ora innanzi, se in una famiglia vi sono cinque persone, saranno divisi tre contro due e due contro tre; si divideranno padre contro figlio e figlio contro padre, madre contro figlia e figlia contro madre, suocera contro nuora e nuora contro suocera».

 

 

 

 

Non prendere posizione.     Non dire niente.  Non fare niente.   Fare finta di niente.   Lavarsene le mani.    Confondersi. Fondersi. Sparire.     Questa non è la pace vera,      non è la pace di Gesù.

 

Gesù  è venuto a portare   il fuoco.    Lo Spirito Santo.   È  il fuoco di Dio.      È la verità.        Che brucia    ogni ipocrisia,   ogni menzogna,   ogni  falsità.        Ogni  ambiguità,          ogni  convenienza,    ogni  indifferenza.

 

È  venuto a portare   la  parola di Dio.        È la spada.        Che taglia,   divide,  separa.    Distingue.          In modo netto,   chiaro,  preciso.      In modo deciso.

E si capisce   cosa sta di qua,    e cosa sta di là.       E si capisce cosa   è di Dio,              e cosa non è di Dio.      Se sei di Dio,    o non sei di Dio.

 

Se il tuo cuore   appartiene a lui,    o agli altri.         Se lui conta,   più degli altri.                 Se lui conta,   più di te.

 

Se  lui   è Dio,

per te.