Assunzione di Maria

 

 

 

 

 

 

Elisabetta fu colmata di Spirito Santo ed esclamò a gran voce: «Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo! A che cosa devo che la madre del mio Signore venga da me? Ecco, appena il tuo saluto è giunto ai miei orecchi, il bambino ha sussultato di gioia nel mio grembo. E beata colei che ha creduto nell’adempimento di ciò che il Signore le ha detto».

 

 

Oggi  la Vergine Maria,   è accolta nei cieli.       Tutta splendore,  si innalza nel cielo.       Sale al cielo.      Non solo con l’anima.   Ma anche con il corpo.

 

Come lei.            Anche la tua anima salirà.      Ed entrerà nella gloria di Dio.                         Come lei.            Anche il suo corpo salirà.  Alla fine dei tempi.    E si unirà alla tua anima.

Come lei.  E con lei.            Anche il tuo corpo sarà   alla presenza di Dio.                            Come lei.  E con lei.            Anche il tuo corpo sarà   nella gloria di Dio.                              Come lei.  E con lei.            Anche il tuo corpo vedrà ,  il volto di Dio.

 

È sacro   il tuo corpo.                                                                                                                È tempio di Dio.   Fin da ora.

 

 

Clicca e ascolta:

Melinda Dumitrescu -il violino di Maria.    Ave Maria  di Gounod.     https://www.youtube.com/watch?v=i7EsQeRHPM4

La voce di Maria.  (di Roberta Torresi e Paolo Bisonni)                               https://www.youtube.com/watch?v=nr74kzBpmuQ

 

 

 

 

 

 

Assunta in cielo

tiziano-assunzionealcielodimaria (2)

In quei giorni Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa, in una città di Giuda.  Entrata nella casa di Zaccarìa, salutò Elisabetta. Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino sussultò nel suo grembo.  Elisabetta fu colmata di Spirito Santo ed esclamò a gran voce: «Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo! A che cosa devo che la madre del mio Signore venga da me? Ecco, appena il tuo saluto è giunto ai miei orecchi, il bambino ha sussultato di gioia nel mio grembo. E beata colei che ha creduto nell’adempimento di ciò che il Signore le ha detto». Allora Maria disse:  «L’anima mia magnifica il Signore e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore, perché ha guardato l’umiltà della sua serva. D’ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata. Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente e Santo è il suo nome; di generazione in generazione la sua misericordia per quelli che lo temono. Ha spiegato la potenza del suo braccio, ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore; ha rovesciato i potenti dai troni, ha innalzato gli umili; ha ricolmato di beni gli affamati, ha rimandato i ricchi a mani vuote. Ha soccorso Israele, suo servo, ricordandosi della sua misericordia, come aveva detto ai nostri padri, per Abramo e la sua discendenza, per sempre».  Maria rimase con lei circa tre mesi, poi tornò a casa sua.

 

 

Maria è parte di Gesù.  È  anche il corpo  che lo ha accolto, che lo ha nutrito, che lo ha partorito.

Con Gesù ha vissuto tutto.  Con  lui vivrà tutto.  Come Gesù è stato assunto in cielo e glorificato,  così anche lei, con il corpo,   è  assunta in cielo.

Come con Elisabetta,  viene da te.   A casa tua.   Per aiutarti, per starti vicino.  Viene come madre. Come tua madre. Viene con il Figlio.  A portarti il Figlio.  A donarti il Figlio.

È lì al tuo fianco.   Ascolta la sua voce.   E trasalirai.  E sussulterai. E gioirai.

È lì al tuo fianco.   Ha tante cose da dirti.

È lì al tuo fianco e ha tante cose da darti.

È lì al tuo fianco.  Per insegnarti a dire di si.  A lasciare che avvenga in te quello che ti chiede il Padre.  A  fare la volontà di Dio.  A diventare opera di Dio. Un’opera d’arte di Dio.

Un Magnificat vivente.