Chi dite che io sia

In quel tempo, Gesù, giunto nella regione di Cesarèa di Filippo, domandò ai suoi discepoli: «La gente, chi dice che sia il Figlio dell’uomo?». Risposero: «Alcuni dicono Giovanni il Battista, altri Elìa, altri Geremìa o qualcuno dei profeti».   Disse loro: «Ma voi, chi dite che io sia?». Rispose Simon Pietro: «Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente».  E Gesù gli disse: «Beato sei tu, Simone, figlio di Giona, perché né carne né sangue te lo hanno rivelato, ma il Padre mio che è nei cieli. E io a te dico: tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia Chiesa e le potenze degli inferi non prevarranno su di essa. A te darò le chiavi del regno dei cieli: tutto ciò che legherai sulla terra sarà legato nei cieli, e tutto ciò che scioglierai sulla terra sarà sciolto nei cieli».  Allora ordinò ai discepoli di non dire ad alcuno che egli era il Cristo.

 

 

Disse loro:   “Ma voi, chi dite che io sia?”     Rispose Simone Pietro:   “Tu sei il Cristo,        il Figlio del Dio vivente”.      E tu,  cosa dici ?

 

Manco fiati.

Ti dicono che Gesù     è solo un uomo.    Niente altro che un uomo.   E tu li lasci dire.        E non dici niente.

Ti dicono che  Gesù    è un profeta.        Niente altro.  Niente di più.      E tu li lasci fare.      E non dici niente.

Ti dicono che  Gesù    non è il Figlio di Dio. Non è Dio.      Per staccarti da Dio.  E farti cadere con loro,  come loro.      E glielo lasci fare. Glielo fai fare.    E non dici niente.

 

Tu sei il Figlio di Dio.

Non dicevi niente.         Ma non ci stai più.     E vai da Gesù.                                                  Ci cascavi.                   Ma non ci caschi più.     E vai da Gesù.

Ma voi.           Lo chiede a te. Proprio a te. Non ad altri.    Non ti girare indietro.    Dice a te. Chi dite che io sia?     Devi rispondere tu. Devi parlare tu. Devi dire tu.   Da che parte stai.

 

Tu sei il Cristo.          Sei tu Gesù,  che aspettavo.      Sei tu il Cristo,  mandato dal Padre.  Il Figlio di Dio.            Tu sei   il Figlio di Dio.  L’unico Figlio di Dio. Che sta in Dio. Sei Dio. Sei Dio in Persona .      Sei Dio,   che è venuto da me.                                                         del  Dio Vivente.            Sei il Figlio del Dio Vivente.    Che vive.   Che ha in sé la vita.     Che è vivo da sempre e  per sempre.    Più vivo di me.

Né carne né sangue  lo hanno rivelato.      Non viene dagli altri. Questo.  Non viene da te.  Ma il Padre mio.         Viene solo dal Padre.      Solo il Padre lo sa.   Solo il Padre te lo da.  Il Padre mio.               Lo Spirito del Padre te lo fa sentire.  Te lo fa provare. Te lo fa gridare. Parla lui,  per te.   Parla lui,  in te.

 

Su questa pietra.      Se Dio  è la tua roccia,   diventi  roccia.      Se Gesù.  è la tua pietra angolare,    anche tu  diventi pietra.                                                                                 Edificherò la mia chiesa.               E diventi mattone.   Della casa di Dio.                            Non prevarranno su di essa.         Nessuno la può far crollare,  la Chiesa.     Perché è  il Signore Dio,   che la tiene,  che la sostiene, che la contiene.    Perché è  il corpo mistico del  Signore Gesù,   risorto.

 

E dentro,  ora    ci sta un coro,   che dice.                                                                            Tu sei  il Cristo,   il Figlio del Dio Vivente.

 

 

 

 

 

 

 

Io sono Colui che sono

Chi è Dio.

Padre Eterno_pic - Copia

Io sono Colui che sono.

Lo ha detto Dio, chi è.        È,  “Io sono, Colui che sono”.      È un Essere.    È di più, di esistere.    È di più, di vero.       Sta dentro  al vero.      Senza l’ Essere,  il vero non c’è.     Non esiste.   Non esiste nessuna cosa.  Non esistono tutte le cose.

Neppure tu.    E lui è l’ Essere  Perfettissimo.  Il più Perfetto di tutti.

Di meglio non c’è.   Di più, non c’è.

È un   Io sono.    Non è amorfo, impersonale, pura energia, senza volto, senza pensiero, senza cuore.           È un  Io sono.   È come una persona.  È vero e vivo.  Ha un pensiero, una volontà, un cuore, un volto.      Può sentire, vedere, amare.    Può scegliere, decidere, fare.

C’era,  c’è,  e sempre ci sarà.    Per l’eternità.       Lui è l’Eterno. 

 

 

 “Ma mi diranno:Come si chiama?  Dio disse a Mosè: “ Io sono colui che sono!” ( Es.3, 14)

_________________________________________________________________________

                                                                              1°    ____________________________

  • Il  tuo Dio, chi è?  Cosa adori?                    2°    ___________________________

Fai un elenco:                                                         3°   _____________________________

                                                                              4°  _____________________________

(  Es.  Sei tu Dio.  Lo decidi tu, chi è.   Deve stare bene a te. Deve stare al tuo servizio. Deve servirti.  Deve adorarti. Deve fare quello che vuoi tu.  Deve essere come te. Deve essere come tu vuoi.  Ti deve dare tutto quello che vuoi.  Sono i soldi. Il cellulare. La tv.  La moda.  Un attore. Un cantante. Gli amici. Quello che dicono gli amici. Quello che pensano gli amici.  Il numero degli amici. La gente. Quello che pensa la gente.  Oppure:   Dio che ha detto: Io sono Colui che sono).  

Ora pensa a quello che hai scelto:

  • Il tuo Dio,   è vero?
  • Il tuo Dio,   è vivo?
  • Il tuo Dio,  ti ascolta?
  • Il tuo Dio,  ti ama?
  • Il tuo Dio,  ti aiuta?
  • Sta sempre con te?

 

  • Prima scrivi la risposta da solo.
  • Poi con i tuoi compagni ne parlate insieme, e poi scrivete la risposta  per tutti.

Sul quaderno  del  catechismo,  fai un disegno libero,  di quello che hai capito.