Giovanni  il Battista.

annibale_carracci_-_san_giovanni_battista_testimone_orsi-copia-copia

In quei giorni, venne Giovanni il Battista e predicava nel deserto della Giudea dicendo: «Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino!». Egli infatti è colui del quale aveva parlato il profeta Isaìa quando disse: «Voce di uno che grida nel deserto: Preparate la via del Signore, raddrizzate i suoi sentieri!». E lui, Giovanni, portava un vestito di peli di cammello e una cintura di pelle attorno ai fianchi; il suo cibo erano cavallette e miele selvatico. Allora Gerusalemme, tutta la Giudea e tutta la zona lungo il Giordano accorrevano a lui e si facevano battezzare da lui nel fiume Giordano, confessando i loro peccati. Vedendo molti farisei e sadducei venire al suo battesimo, disse loro: «Razza di vipere! Chi vi ha fatto credere di poter sfuggire all’ira imminente? Fate dunque un frutto degno della conversione, e non crediate di poter dire dentro di voi: “Abbiamo Abramo per padre!”. Perché io vi dico che da queste pietre Dio può suscitare figli ad Abramo. Già la scure è posta alla radice degli alberi; perciò ogni albero che non dà buon frutto viene tagliato e gettato nel fuoco. Io vi battezzo nell’acqua per la conversione; ma colui che viene dopo di me è più forte di me e io non sono degno di portargli i sandali; egli vi battezzerà in Spirito Santo e fuoco. Tiene in mano la pala e pulirà la sua aia e raccoglierà il suo frumento nel granaio, ma brucerà la paglia con un fuoco inestinguibile»

 

 

 

 

E    il tuo dito,      a chi è rivolto?

 

A te.

Ai tuoi sentieri.      Alla tua strada.  Alla tua voce.   Alle tue parole.

Ti battezzi da solo,   con l’acqua di rose,  delle tue parole.     Delle tue opere,  dei tuoi fatti, dei tuoi frutti.      Non ti tocca   più di tanto.

 

 

A Gesù.

Eccolo è lui,    il Figlio di Dio, che viene.      È lui il sentiero.  È lui la strada.  È lui la voce.  Di Dio.

È lui,    che ti battezza   con il fuoco dello Spirito Santo.     Quello si, che lo senti.   Quello si,  che ti brucia.      Quello si,   che scalfisce la crosta,  che ti ricopre.

 

E  che ti fa fare,    le opere di Dio.

E ti fa dare,    i  frutti di Dio.

 

 

 

 

 

 

 

 

Voce che grida nel deserto

ok

Nell’anno quindicesimo dell’impero di Tiberio Cesare, mentre Ponzio Pilato era governatore della Giudea, Erode tetràrca della Galilea, e Filippo, suo fratello, tetràrca dell’Iturèa e della Traconìtide, e Lisània tetràrca dell’Abilène, sotto i sommi sacerdoti Anna e Càifa, la parola di Dio venne su Giovanni, figlio di Zaccarìa, nel deserto.  Egli percorse tutta la regione del Giordano, predicando un battesimo di conversione per il perdono dei peccati, com’è scritto nel libro degli oracoli del profeta Isaìa: «Voce di uno che grida nel deserto: Preparate la via del Signore, raddrizzate i suoi sentieri! Ogni burrone sarà riempito, ogni monte e ogni colle sarà abbassato; le vie tortuose diverranno diritte e quelle impervie, spianate. Ogni uomo vedrà la salvezza di Dio!».

 

 

 

 

Quella voce grida,  anche per te.   Quella voce grida,  anche a te.     Grida nel deserto.  Nel tuo deserto.

Prepara la via del Signore.   La sua, non la tua.   Puliscila dai tuoi ostacoli.  Dai tuoi sassi. Dai tuoi pesi.   Dai tuoi rifiuti.

Raddrizza i suoi sentieri.   I suoi, non i tuoi.     Non li fare contorti,  distorti.  Non li impedire. Non li bloccare.  Non li chiudere.     Non li fare  tuoi.

 

Allora il Signore viene.

Viene  ad abbassare le tue montagne.   Quando ti sei innalzato.  Quando ti sei esaltato.    Al di sopra di Dio,  nonostante Dio.      Solo lui ci riesce.   Solo con lui ci riesci.

Viene  a colmare i tuoi vuoti.     I tuoi buchi,  che ti sei scavato.    Le tue fosse,  dove ti sei rifugiato.    I burroni,  dove sei caduto.    Solo lui ci riesce.  Solo con lui ci riesci.

Viene  a spianare le tue vie.   Impervie, complicate, tormentate.   A sciogliere le tue vie, annodate.    E diventano  piane, facili, semplici.     Solo lui ci riesce. Solo con lui ci riesci.

Allora la vedi, la salvezza di Dio.    Allora la senti.  Allora la tocchi.

 

E anche tu,   diventi voce.

Voce che grida,   di gioia.

 

 

 

 

 

 

 

 

Convertitevi

 Prendendo la parola, Gesù disse loro: «Credete che quei Galilei fossero più peccatori di tutti i Galilei, per aver subìto tale sorte? No, io vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo. O quelle diciotto persone, sulle quali crollò la torre di Sìloe e le uccise, credete che fossero più colpevoli di tutti gli abitanti di Gerusalemme? No, io vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo».  Diceva anche questa parabola: «Un tale aveva piantato un albero di fichi nella sua vigna e venne a cercarvi frutti, ma non ne trovò. Allora disse al vignaiolo: “Ecco, sono tre anni che vengo a cercare frutti su quest’albero, ma non ne trovo. Tàglialo dunque! Perché deve sfruttare il terreno?”. Ma quello gli rispose: “Padrone, lascialo ancora quest’anno, finché gli avrò zappato attorno e avrò messo il concime. Vedremo se porterà frutti per l’avvenire; se no, lo taglierai”».

 

 

Ma io sono già convertito. Non ho bisogno di conversione. Vado a messa, dico le preghiere, non rubo, non uccido, non faccio del male.

Ma Gesù sta parlando a te.  Conversione significa cambiare rotta,  cambiare orientamento,  cambiare verso.  Conversione come con l’auto, significa girare.  Significa essere con-vertiti, ri-volti, riportati a Dio.  Significa ritornare a Dio. Tornare davanti a Dio. Davanti al volto di Dio. Con il proprio volto davanti al volto di Dio, viso a viso, cuore a cuore. Significa riconoscerlo come Dio, adorarlo, amarlo.

Se non ti sei veramente convertito, sei come il fico della parabola,  che è secco e non dà frutti. Il Signore come vignaiuolo, viene a trovarti e ogni volta non trova frutti. Lui ti aveva fatto per dare i frutti. Un albero senza frutti può essere tagliato.

Così tu, se non ti rivolgi a Dio, se non ti riempi di Dio, se non ascolti Dio, se non fai  quello per cui  ti ha creato, diventi un albero secco. Un albero senza significato, senza senso, senza meta, senza scopo. Ma ecco la misericordia di Dio. Dio aspetta e ti dà  tempo. Ecco il tempo della Quaresima.

È il tempo del zappare intorno, è il tempo del preparare la terra, le zolle.  Il tempo di dissodare il terreno duro, impietrito, incrostato.  Il tempo di affondare, di immergersi, di entrare dentro a quello che ti ha inaridito, che ti ha levato la vita. Il tempo di aprire il cuore, di rivoltare il cuore, di risanare il cuore.

È il tempo di dare il concime.  Il tempo di riconoscere e toccare la nostra debolezza, i nostri sbagli, le parti del cuore negative, avvelenate, dissacrate. Le parti dell’anima violentate, uccise, annullate.  Riconoscere e  toccare il nostro letame.  Perché diventi concime e possa nutrire e dare vigore e forza, slancio, spinta, vita.

È il tempo di irrorare e lavare le zolle dell’anima,  con l’acqua il sangue che escono dal costato di Gesù sulla croce.  Con lo Spirito Santo di Dio che sgorga dal cuore del Figlio di Dio,  dal suo cuore ferito e aperto per noi, verso di noi.  Irrorarle e lavarle nello Spirito Santo, con la confessione e con la comunione.

È il tempo di far risorgere l’albero, che si era seccato. Così porterà frutti,  frutti buoni, i frutti di Dio, le opere di Dio.

E non sarà più tagliato.  E  vivrà per sempre, rigoglioso, maestoso, fiero,  dignitoso e vero.