In principio era il Verbo

In principio era il Verbo,
e il Verbo era presso Dio
e il Verbo era Dio.
Egli era, in principio, presso Dio:
tutto è stato fatto per mezzo di lui
e senza di lui nulla è stato fatto di ciò che esiste.
In lui era la vita   e la vita era la luce degli uomini;  la luce splende nelle tenebre   e le tenebre non l’hanno vinta.   Venne un uomo mandato da Dio:   il suo nome era Giovanni.  Egli venne come testimone  per dare testimonianza alla luce,   perché tutti credessero per mezzo di lui.  Non era lui la luce,  ma doveva dare testimonianza alla luce.  Veniva nel mondo la luce vera,  quella che illumina ogni uomo.  Era nel mondo  e il mondo è stato fatto per mezzo di lui;  eppure il mondo non lo ha riconosciuto.  Venne fra i suoi,  e i suoi non lo hanno accolto.  A quanti però lo hanno accolto  ha dato potere di diventare figli di Dio:  a quelli che credono nel suo nome,  i quali, non da sangue  né da volere di carne né da volere di uomo, ma da Dio sono stati generati.                                           E il Verbo si fece carne  e venne ad abitare in mezzo a noi;  e noi abbiamo contemplato la sua gloria, gloria come del Figlio unigenito  che viene dal Padre, pieno di grazia e di verità.  Giovanni gli dà testimonianza e proclama: «Era di lui che io dissi: Colui che viene dopo di me  è avanti a me, perché era prima di me».  Dalla sua pienezza noi tutti abbiamo ricevuto: grazia su grazia.  Perché la Legge fu data per mezzo di Mosè,  la grazia e la verità vennero per mezzo di Gesù Cristo.     Dio, nessuno lo ha mai visto:  il Figlio unigenito, che è Dio  ed è nel seno del Padre,  è lui che lo ha rivelato.

 

 

In principio era il Verbo,   e il Verbo era  presso Dio,   e il Verbo era Dio.                         E per te,  Gesù,  cosa è ?

 

Una parola.

Lo hai ridotto  a una parola,   Gesù.      Ne hai fatto una parola.   Una semplice parola.   Una sola parola.  La tua parola.     Ma non è Gesù.

E gli altri,  li riempi con la tua parola.    Possono dire solo la tua parola.   Li fai diventare  la tua parola.   Ci deve stare solo la tua parola.       E ti fai i tuoi.  Come la tua parola.   Ma non è Gesù.

E il Figlio di Dio,   non lo hai riconosciuto.    Perché non è una parola.    E lo hai rifiutato. Perché non è una tua parola.      E non lo hai voluto.  Perché è Dio.   E Dio non sei tu.    Ma  è Gesù.

 

Dio.

Gesù è il Verbo. È Dio.  È la Parola di Dio in Persona.  È la Parola di Dio fatta Persona. È la seconda Persona della Trinità.

 

In principio era il Verbo.    Ci sta fin dal principio.  Dal principio del tempo.  Prima di ogni tempo. Prima del tempo.   Ci sta dall’eternità.

E il Verbo era presso Dio.     E stava presso Dio.   Stava già alla destra di Dio.  Era già alla destra del Padre.   Da sempre.

E il Verbo era Dio.     Ecco cosa è Gesù.  È il Figlio di Dio.  È Dio.  Non è uno qualsiasi.  È Dio.   Non è una parola qualsiasi.  È Dio.   Vivo e vero.

Tutto è stato fatto per mezzo di lui.      È reale.   La realtà l’ha fatta lui.   È stata fatta per mezzo di lui.  Passa da lui. Passa per lui.     Esiste solo in lui.  Esiste solo per lui.

Senza di lui nulla è stato fatto di ciò che esiste.      E senza di lui,  tutto quello che esiste non ci sta.     E senza di lui,  tutto quello che esiste,  non si tiene.    E senza di lui,  tutto quello che esiste,  non esiste.     Neppure tu.

 

È il Verbo si è fatto carne.     Ecco cosa è entrato nella carne.  Ecco cosa entrato nella tua umanità.     Il principio di tutto  Anche di te.    La radice di tutto. Anche di te.

E venne ad abitare in mezzo a noi.     Ecco chi è venuto sulla terra.  Ecco cosa è sceso sulla terra.  Il Signore del cielo e della terra.    Ed è venuto per stare con te. In te. Per te.

A quanti lo hanno accolto da Dio sono stati generati.   E lo accogli.  Perché lo riconosce il tuo cuore.    Lo sente il tuo cuore.   Che è il suo Signore.    Che è lui che lo ha fatto.  Lo ha impresso,  lo ha stampato in fondo al cuore.    Il suo Signore e il suo Dio.

 

Nessuno lo ha mai visto Dio,   il Figlio unigenito che è Dio    ed è nel seno del Padre.   Ecco chi è Gesù.   È il Figlio di Dio.  È Dio.   E sta nel seno del Padre.  E sta nel Padre.  E sta dentro al Padre.    E lui lo sa chi è il Padre.  Solo lui lo sa chi è il Padre.

è lui che lo ha rivelato.   Solo lui lo conosce. Solo lui te lo fa conoscere. Solo lui te lo svela. Te lo rivela.    Solo lui ti dice chi è il Padre.  Solo lui ti dice, cosa dice il Padre.  Solo lui ti da, quello che ti da il Padre.      Solo lui ti porta il Padre.    Solo lui ti porta      al Padre.

Ecco,  il Figlio di Dio, in sé.                                                                                               Unisce te e il  Padre.                                                                                                          Ecco   il Natale.

 

 

 

 

 

 

Pentecoste

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:  «Quando verrà il Paràclito, che io vi manderò dal Padre, lo Spirito della verità che procede dal Padre, egli darà testimonianza di me; e anche voi date testimonianza, perché siete con me fin dal principio. Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso. Quando verrà lui, lo Spirito della verità, vi guiderà a tutta la verità, perché non parlerà da se stesso, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annuncerà le cose future. Egli mi glorificherà, perché prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà. Tutto quello che il Padre possiede è mio; per questo ho detto che prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà».

 

 

Gesù è tornato al Padre.   E ti manda lo Spirito Santo.

Lo Spirito della Verità.     E tu, che fai?

 

Non la vuoi la verità.

Non ti piace la verità.     Non si deve vedere.  Non si deve sapere . Non si deve capire.  Non deve uscire.   Deve stare nascosta.                                                                                 La vuoi decidere tu,  la verità.    La vuoi possedere tu,  la verità.   La vuoi fare tu,  la verità. Vuoi essere tu,   la verità.    Non lo Spirito Santo.

 

Lo accogli.

È lo Spirito di Dio.    È il suo,  non è il tuo.     È la Verità di Dio.   È la sua,  non è la tua. Viene dal Padre.  Non viene da te.     Solo lui conosce il Padre.  Solo lui ha udito le cose del Padre.   Solo lui  le ha sentite,  non tu.

È lo Spirito Santo.   Viene dal Padre,  e dal Figlio.    Come un fragore,  come un vento impetuoso,  come un torrente, come una sorgente.   E ti avvolge, e ti travolge, e ti riempie.  E ti porta.     E non sei più fermo. E non sei più chiuso. E non sei più nascosto.

Esci fuori. Vieni fuori.    Ti esce il cuore. Ti balza il cuore,  e canta e danza  il suo Signore. E  ti brillano gli occhi,   ti risplendono gli occhi,   della luce di Dio.     E si riempie la bocca.   E ti escono fuori,    le parole di Dio.

 

E gli altri le ascoltano.

E gli altri le sentono.

È il cuore di Dio,

che parla al loro cuore.